ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Origine, Inserzione ed Azione Dei Muscoli Scheletrici

data di redazione: 26 Settembre 2018 - data modifica: 01 Novembre 2018
Origine, Inserzione ed Azione Dei Muscoli Scheletrici

Origine, Inserzione ed Azione Dei Muscoli Scheletrici

I muscoli scheletrici attaccati all'osso sono responsabili del movimento e del supporto. I muscoli lavorano in gruppo per produrre un particolare movimento. 

Questa lezione descrive come le origini e le inserzioni muscolari determinano il tipo di movimento che si verifica quando un muscolo si contrae.

La maggior parte dei muscoli scheletrici è attaccata all'osso alle sue estremità per mezzo di strutture fibrose chiamate tendini. Quando i muscoli si contraggono, esercitano forza sulle ossa, che aiutano a sostenere e a muovere il nostro corpo insieme alle sue appendici.

Nella maggior parte dei casi, un'estremità del muscolo è fissata nella sua posizione, mentre l'altra estremità si muove durante la contrazione. L'origine è il sito di attacco che non si muove durante la contrazione, mentre l'inserimento è il sito di attacco che si sposta quando il muscolo si contrae.

L'inserimento è solitamente distale, o più lontano, mentre l'origine è prossimale, o più vicina al corpo, rispetto all'inserzione. Ad esempio, si potrebbe dire che il polso è distale rispetto al gomito. Viceversa, si può dire che il gomito è prossimale al polso.

La contrazione muscolare produce un'azione o un movimento dell'appendice. Ad esempio, il bicipite brachiale esegue la flessione dell'avambraccio man mano che l'avambraccio viene spostato. 

Il secondo modo per descrivere l'azione di un muscolo si basa sul movimento dell'articolazione. Ad esempio, quello stesso muscolo, il bicipite brachiale, esegue la flessione al gomito, in cui il gomito è l'articolazione.

Il corpo umano ha oltre 500 muscoli responsabili di tutti i tipi di movimento e ciascuno di questi muscoli ha un nome. Quando si verifica il movimento di una parte del corpo, i muscoli lavorano in gruppi piuttosto che individualmente. 

Lavorare insieme migliora un particolare movimento ed ogni muscolo avrà il suo ruolo specifico come meglio rappresentato dalla classificazione dei muscoli.

Per avere un quadro generale abbiamo realizzato una tabella riepigolativa.

Qui di seguito invece vi allegheremo nel dettaglio la mappa anatomica di ogni muscolo del corpo umano.

TRAPEZIO

GRAN DORSALE

PICCOLO E GRANDE ROMBOIDE

ELEVATORE DELLA SCAPOLA



Potrebbe interessarti anche

Anatomia dell'Apparato Locomotore
26 Settembre 2018

Anatomia dell'Apparato Locomotore

L’apparato locomotore è costituito dalle ossa, dalle articolazioni e dai muscoli. Questo apparato permette di mantenere la postura, di effettuare movimenti attivi e passivi e definisce la morfologia generale esterna del corpo delimitando nel contempo le cavità interne. Postura e movimenti, però, sono possibili grazie alla costante cooperazione del sistema neurosensoriale.

Deltoide
27 Novembre 2018

Deltoide

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo deltoide è un grosso muscolo triangolare che si trova sopra l'articolazione gleno-omerale e che conferisce alla spalla il suo contorno arrotondato.

Ultimi post pubblicati

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare
21 Aprile 2021

BodyBuilding a Circuito Per Perdere Grasso e Conservare La Massa Muscolare

Come Perdere peso in grasso, senza perdere muscoli

Non ci sono dubbi che l’esercizio, in particolare quello orientato all’allenamento della forza, possa contribuire al mantenimento della massa muscolare durante la riduzione del peso. Per perdere grasso bisogna mettersi a dieta, i provvedimenti dietetici devono dare particolare attenzione all’assunzione delle proteine

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.