Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

5 Punti da Non Sottovalutare Nelle Arti Marziali e Sport da Combattimento

data di redazione: 12 Agosto 2015 - data modifica: 07 Luglio 2019
5 Punti da Non Sottovalutare Nelle Arti Marziali e Sport da Combattimento

"Perchè studiare un'arte marziale?" . È una domanda che ha molte risposte. I benefici dell'allenamento sono ampiamente propagandati e la popolarità delle arti marziali miste (MMA) ha portato una nuova visione e prospettiva alle arti marziali. 

Coloro che si avvicinano a queste discipline, lo fanno perché:

  • alcuni vogliono imparare a difendersi, mentre...
  • altri sperano di partecipare alle gare, e altri ancora....
  • perché vogliono praticare un allenamento di grande livello


Sono tutte ragioni valide per iniziare a studiare e praticare le arti marziali. Nelle MMA abbiamo:

In effetti, l'allenamento è tra i migliori per affrontare le insidie della strada, quindi imparare a colpire per difendere se stessi è sicuramente una preziosa competenza.


Ma le vere ragioni per studiare un'arte marziale sono molto più profonde del pugno o del calcio fine a se stesso. Il viaggio di un marzialista è un viaggio continuo e lungo sulla conoscenza e scoperta di sé stessi. Ecco 5 motivi spesso sottovalutati:


1. Disciplina e Autocontrollo

 

La radice della parola disciplina è discepolo, come un allievo volenteroso, uno studente, o semplicemente "imparare". 

Mentre alcuni sono nati con una volontà di ferro, la disciplina può essere appresa, anche se a volte può risultare strada dura. Il tratto della disciplina è tra le lezioni più importanti che si può apprendere attraverso le arti marziali. 

Ogni classe estenuante, ogni tentativo frustrante di padroneggiare una forma e ogni sessione di sparring fino all'ultima goccia di energia, è un passo verso l'auto-disciplina.

La disciplina finale è la padronanza di sé. La connotazione di auto-difesa presuppone una forza esterna, affermando la sua volontà contro di voi. Eppure, l'ironia dell'auto-difesa è che il nostro più grande avversario in quasi ogni conflitto è all'interno. 

Si possono usare le arti marziali in situazioni difficili senza usare la forza fisica, ma quella mentale. Si può usare la disciplina di non reagire alla rabbia con la rabbia. Questo è prezioso come l'apprendimento di sapere quando usare calci e pugni.

2. Trovare La Giusta Armonia e fluidità

Sembra incomprensibile che la lotta possa definirsi arte, ma invece è un'arte vera e propria: judo, brazilian jiu jitsu, submission grappling sono tutte discipline dove le tecniche lottatorie sono frutto di fluidità, armonia e sfruttamento della forza dell'avversario, questo si traduce in arte marziale, anche la lotta greco romana è di questo filone. 

Eppure, quando si osservano quei movimenti circolari del kung fu, si vede l'espressione della bellezza. Anche i pugili, con i loro ritmi inebrianti, esprimono la propria forma d'arte con la grazia e lo stile dei ballerini.

L'arte è semplicemente l'applicazione di una capacità creativa, e le arti marziali insegnano come spostare il vostro corpo con garbo, efficienza e potenza. Tutta l'arte ha la volontà di essere presente e veritiera, e quando vediamo l'arte, scopriamo la verità su noi stessi e sulla nostra vita. 

Anche se studiando le arti marziali si potrebbe non per forza diventare un grande maestro, sicuramente sarà una tappa per scoprire il vostro centro autentico e creativo.


3. La Calma del Movimento

 

"La coscienza di sé è il più grande ostacolo alla corretta esecuzione di ogni azione fisica." - Bruce Lee

"Studiando un'arte marziale si impara come respirare, come spostare il vostro corpo con precisione, e come avere la giusta mentalità."

  • Le arti marziali sono un paradiso per staccare la spina e rilassarsi e trovare la tranquillità nel movimento. Le arti marziali vi insegneranno a muoversi per essere presenti. Studiando un arte marziale si impara come respirare, come spostare il vostro corpo con precisione, e come avere la giusta mentalità in questo modo.

4. Imparare a Combattere Attraverso le Avversità

Potreste trovarvi in un vortice di corrente d'acqua, ed essere il più forte nuotatore del mondo, non sarete mai forte come la corrente... Questa è una lezione che si impara più e più volte nelle arti marziali - c'è sempre qualcuno più grande, più veloce e più forte di voi. Ogni grande campione è stato schienato o messo al tappeto ad un certo punto del suo cammino e/o carriera.

  • Molte arti marziali, dal judo al jiu jitsu brasiliano, partono con insegnamenti di questo tipo - si deve nuotare con la corrente. Cioè, utilizzare l'energia che viene contro di voi e trasformare queste avversità a vostro vantaggio.
  • Le arti marziali insegnano sia come sferrare un attacco di successo ma anche una difesa di successo, così come sapere quando attaccare ma anche quando ritirarsi.
  • Questi concetti sono altrettanto applicabili sia sul ring che nella vita comune. Le arti marziali vi aiuteranno a trovare il modo di fluire con la corrente, sfruttare le avversità a proprio vantaggio.

5. Incassare i pugni

 

Le arti marziali vi aiuteranno ad saper prendere un colpo (in senso letterale e figurato). "Prendere colpi" è qualcosa che tutti noi hanno sperimentato in alcuni momenti della nostra vita. 

"Il marzialista apprenderà che una delle più grandi competenze è la capacità di mantenere la calma, essere rilassati e mentalmente presenti in un combattimento."

I più grandi atleti, i combattenti, e marzialisti condividono un tratto comune quale quello di essere completamente presenti in mezzo a tensioni incredibili. Pensate ad una atleta che deve dare una prestazione con la pressione di migliaia, se non milioni di spettatori.

Pensate ad un surfista o ad uno sciatore che manifesta una facilità di movimento, quasi senza sforzo, nonostante la posta in gioco di vita e di morte tra le onde alte fino anche oltre 10 metri o che corre in una discesa anche a 150 km orari.

Un esperto di arti marziali ha appreso che uno delle più grandi competenze è la capacità di mantenere la calma, il rilassamento e l'essere presente mentalmente in una lotta.

Buon Cammino Marziale da ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

La Dimensione “Estetica” delle arti marziali
01 Settembre 2016

La Dimensione “Estetica” delle arti marziali

Utilità e bellezza sono aspetti contrapposti?

Se osserviamo attentamente le manifestazioni plastiche dell’arte orientale, troveremo come costante un modo d’intendere la mimesi artistica, la rappresentazione della Natura attraverso l’astrazione e, nella figura umana, la rappresentazione del gesto, dell’azione attraverso una rigorosa codificazione del rituale.

La Naginata
01 Ottobre 2014

La Naginata

Segreti e particolarità di questa forma di combattimento armata giapponese

Al pari di tutte le armi classiche giapponesi, la Naginata richiedeva una gran velocità di utilizzo e si usava alternando con rapidità l'uso della lama a quello dell'impugnatura o puntale. Esiste uns differenza tra l'uso dell'arma nell'antichità da quello della Naginata moderna...

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.