(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Arti Marziali: Maestro si nasce o si diventa?

data di redazione: 04 Marzo 2015 - data modifica: 03 Marzo 2015
Arti Marziali: Maestro si nasce o si diventa?

Cosa vuol dire essere Maestro

Insegnare qualcosa, soprattutto un’arte marziale, è l'arte di riuscire a trasmettere la propria passione a altri.

 

Mentre tutti possono essere dei praticanti non tutti possono essere adatti all’insegnamento, neanche un buon combattente.

Innanzi tutto bisogna nascere un po’ leader, avere il giusto carisma ed avere passione per quello che si fa.

Ma non solo, è necessario anche  avere un carattere fermo e deciso, dispensare sempre di un pizzico di buon umore e umanità per guidare con serenità la classe.

 

Io ho sempre dato per scontato  quello che i miei due Maestri mi hanno sempre dato:

  • prontezza nel rispondere ad ogni mia domanda
  • chiarezza nelle spiegazioni
  • adattare lo stile anche ad un fisico da donna esile come il mio e a chi come me non è proprio un colosso
  • sempre delle belle lezioni tutte diverse e mai noiose

cosa c’è dietro? Non solo esperienza.

 

Il "lavoro" dell'istruttore non lo si può inventare, ma ti viene da dentro, è parte del tuo carattere.

Se intraprendi questo cammino e cominci a vedere i tuoi allievi che sbadigliano, se vedi che non rimangono e dopo poche lezioni se ne vanno, ed è una costante , se vedi che quelli che sono rimasti non ti ascoltano e soprattutto non ti rispettano, vuole dire che non sei adatto a fare l'insegnante.

Una verità indissolubile, è che non si può piacere a tutti, se c’è quello che se ne va perché a lui non piaci ci sta, ma deve essere un caso isolato.

 

Per essere un buon insegnante occorre avere:

  • Fantasia
  • Organizzazione
  • Responsabilità
  • Preparazione
  • Obiettività
  • Raziocinio
  • Umiltà
  • Lungimiranza

tutte doti non facili , ma se manca una di queste sei un Maestro mediocre.

I miei due maestri queste doti le hanno, ed è per questo che li seguo da tantissimi anni; loro mi rendono anche dopo tanto tempo sempre  curiosa e desiderosa di sapere cosa ci sarà dopo.

Un Maestro di arti marziali ti deve far andare alla doccia soddisfatta ma nello stesso tempo , deve renderti "affamato di sapere”, di imparare, di migliorare, se non ti senti così, devi andarti a cercare un altro maestro.

Il tuo Maestro deve essere un po’ come un padre, (ma che te lo sei scelto), non a caso nel panorama delle arti marziali cinesi Sifu vuole dire padre!

Dev’esser comprensivo ma severo quando serve.

Quindi se mai tu volessi fare l’istruttore, ascolta il tuo cuore, perché si nasce non si diventa.

 

 

Buon allenamento da ABC

Potrebbe interessarti anche

Metodo Tradizionale e Confucianesimo
29 Settembre 2014

Metodo Tradizionale e Confucianesimo

Il metodo tradizionale di insegnamento delle arti marziali cinesi in passato era basato fondamentalmente sulla dottrina di Confucio. Infatti il Confucianesimo insieme al Taoismo e al Buddismo era una delle fondamenta principali del modo di pensare dei  Maestri dei secoli scorsi

Tai chi chuan
07 Gennaio 2015

Tai chi chuan

Danza o forma di combattimento?

Siamo abituati a vedere il Tai Chi con movimenti dolci ed eseguiti in solitaria, magari in un parco da persone anziane, ma il Tai Chi non è tutto qui…

Ultimi post pubblicati

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.

Ricetta Per La Colazione con il Muesli
19 Ottobre 2018

Ricetta Per La Colazione con il Muesli

Il muesli o müsli (in svizzero tedesco Müesli o Birchermüesli) è una miscela di cereali e frutta secca solitamente consumata durante la prima colazione. Può essere mangiata da sola, ma è consigliato accompagnarla con latte, yogurt o latte di soia.
Preparazione: 25 min.
Difficoltà: 1
N. porzioni: 4