(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Arti Marziali: Maestro si nasce o si diventa?

data di redazione: 04 Marzo 2015 - data modifica: 03 Marzo 2015
Arti Marziali: Maestro si nasce o si diventa?

Cosa vuol dire essere Maestro

Insegnare qualcosa, soprattutto un’arte marziale, è l'arte di riuscire a trasmettere la propria passione a altri.

 

Mentre tutti possono essere dei praticanti non tutti possono essere adatti all’insegnamento, neanche un buon combattente.

Innanzi tutto bisogna nascere un po’ leader, avere il giusto carisma ed avere passione per quello che si fa.

Ma non solo, è necessario anche  avere un carattere fermo e deciso, dispensare sempre di un pizzico di buon umore e umanità per guidare con serenità la classe.

 

Io ho sempre dato per scontato  quello che i miei due Maestri mi hanno sempre dato:

  • prontezza nel rispondere ad ogni mia domanda
  • chiarezza nelle spiegazioni
  • adattare lo stile anche ad un fisico da donna esile come il mio e a chi come me non è proprio un colosso
  • sempre delle belle lezioni tutte diverse e mai noiose

cosa c’è dietro? Non solo esperienza.

 

Il "lavoro" dell'istruttore non lo si può inventare, ma ti viene da dentro, è parte del tuo carattere.

Se intraprendi questo cammino e cominci a vedere i tuoi allievi che sbadigliano, se vedi che non rimangono e dopo poche lezioni se ne vanno, ed è una costante , se vedi che quelli che sono rimasti non ti ascoltano e soprattutto non ti rispettano, vuole dire che non sei adatto a fare l'insegnante.

Una verità indissolubile, è che non si può piacere a tutti, se c’è quello che se ne va perché a lui non piaci ci sta, ma deve essere un caso isolato.

 

Per essere un buon insegnante occorre avere:

  • Fantasia
  • Organizzazione
  • Responsabilità
  • Preparazione
  • Obiettività
  • Raziocinio
  • Umiltà
  • Lungimiranza

tutte doti non facili , ma se manca una di queste sei un Maestro mediocre.

I miei due maestri queste doti le hanno, ed è per questo che li seguo da tantissimi anni; loro mi rendono anche dopo tanto tempo sempre  curiosa e desiderosa di sapere cosa ci sarà dopo.

Un Maestro di arti marziali ti deve far andare alla doccia soddisfatta ma nello stesso tempo , deve renderti "affamato di sapere”, di imparare, di migliorare, se non ti senti così, devi andarti a cercare un altro maestro.

Il tuo Maestro deve essere un po’ come un padre, (ma che te lo sei scelto), non a caso nel panorama delle arti marziali cinesi Sifu vuole dire padre!

Dev’esser comprensivo ma severo quando serve.

Quindi se mai tu volessi fare l’istruttore, ascolta il tuo cuore, perché si nasce non si diventa.

 

 

Buon allenamento da ABC

Potrebbe interessarti anche

Giorgio Pasotti Attore ed Artista Marziale
09 Ottobre 2015

Giorgio Pasotti Attore ed Artista Marziale

Giorgio Pasotti è un attore Bergamasco classe 1973. A 19 anni si reca in Cina per studiare e da lì inizia la sua passione per le Arti Marziali. Il Wushu, che in Italia è erroneamente chiamato Kung Fu, è diventato la sua vita praticandolo a livello assiduo ed agonistico.

Le Proiezioni nel Judo
07 Dicembre 2015

Le Proiezioni nel Judo

Le posizioni principali per effettuare le proiezioni e gli sbilanciamenti nel judo

Nel Judo ci sono delle posizioni di base, tramite le quali il principiante può sperimentare tutte le tecniche che il suo maestro gli insegna, diciamo delle impostazioni classiche ma non per questo inefficaci. Gli Shisei sono le posizioni del corpo che si possono assumere durante la pratica di questa disciplina ...

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.