Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Braccio Grosso Uguale Pugno Potente?

data di redazione: 12 Maggio 2018
Braccio Grosso Uguale Pugno Potente?

La Massa Muscolare È Direttamente Proporzionale Alla Potenza Devastante Di Un Pugno?

Se un braccio è grosso significa che può sferrare un pugno potente e devastante?
Un braccio enorme fa paura, incute rispetto, ma tutte queste intimidazioni visive sono fondate?

All’entrata della discoteca ci sono due tizi enormi che fanno la selezione del pubblico a in base a come è vestito. Nessuno ha niente da obiettare, perché questi energumeni, tanto grossi e con la faccia da cattivi sono un buon deterrente a obiezioni o prepotenze da parte di chiunque.

Un uomo muscoloso, con bicipiti e tricipiti gonfi e possenti fa sempre impressione, su questo non c’è dubbio, dà subito l’idea di una superiorità fisica, una discussione con lui è già messa fuori dai tuoi pensieri.

1. FORZA NON È UGUALE A POTENZA

Sicuramente la forza fisica è spesso direttamente proporzionale al volume di massa muscolare ma è vero anche per la potenza?


Come ben sappiamo potenza è uguale a forza per velocità, e quest’ultima non è riconoscibile in corpo statico davanti ad una porta di una discoteca. 

Per non sapere né leggere né scrivere meglio evitare, direte voi, ma non è questo il punto. Chiaramente una convivenza pacifica con tutti è un diritto ed un dovere insindacabile, però vorrei sfatare qui un mito difficile da smontare.

Se vieni agguantato da due braccia come due martinetti di una gru è chiaro che vieni schiacciato come una noce ma ciò che deve far paura in uno scontro fisico sono le percussioni.

Come appassionati di sport da combattimento sappiamo bene che un atleta veloce, potente e preciso è pericoloso ma non prescinde dalla sua stazza fisica.

Quindi da sempre un braccio voluminoso incute paura ma paura di cosa?


Abbiamo paura di essere stritolati, ma agguantarci non è una cosa facile vero?

La potenza dei pugni non è determinata dalla massa muscolare del braccio ma da altri fattori che ti elencherò qui subito.

2. DA DOVE PROVIENE LA FORZA DI UN PUGNO

Come abbiamo già accennato, la forza di un pugno non prescinde dalla massa muscolare del braccio ma dalla CAPACITÀ di utilizzare tale massa insieme ad altri muscoli.

Il pugno (o gomitata che sia) è la somma della forza di diversi muscoli coordinati insieme nello stesso momento.

La forza del pugno parte dalle gambe.
Il lavoro delle gambe è importantissimo, forse il fondamentale.

Di conseguenza la rotazione dei fianchi, delle spalle e per finire quella del braccio, e poi quest’ultimo ha un ruolo marginale.

Durante l’esecuzione di un colpo, il braccio deve essere rilassato, come se fosse di gelatina, come anche le dita delle mani.


Al momento dell’impatto, ma solo in quel preciso istante deve avvenire la contrazione dei muscoli del braccio, però il lavoro maggiore è stato eseguito dal resto del corpo a partire dalle spalle, il CORE, i fianchi e le gambe.

Se non si è addestrati a coordinare tutto questo, puoi avere anche un bicipite di 40 cm ma non riuscire neanche a far suonare i punching-ball dei luna park.

COSA ALLENARE PER AVERE UN PUGNO POTENTE

Per avere un pugno da KO dovete allenarvi tanto al sacco ed ai colpitori cercando di focalizzarvi sui punti che vi ho elencato sopra:

  • braccio rilassato prima dell'impatto
  • core
  • fianchi
  • gambe

Inoltre:

  • fare allenamenti di forza e resistenza e quindi di potenza
  • allenare il core e le gambe.


Nella video lezione qui sotto vi propongo una spiegazione della meccanica del pugno.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Pliometria e Arti Marziali
13 Aprile 2015

Pliometria e Arti Marziali

Linee guida generali per un buon esercizio della pliometria

L’esecuzione di esercizi pliometrici per le arti marziali serve ad aumentare la potenza esplosiva, la velocità e la capacità di cambiare direzione rapidamente. Eseguiti da soli, gli esercizi pliometrici hanno un’efficacia limitata; infatti essi sono particolarmente utili quando vengono eseguiti in combinazione con un programma di allenamento della forza. Linee guida generali.

Arti Marziali lo Studio di una Vita
22 Maggio 2016

Arti Marziali lo Studio di una Vita

Le Arti Marziali richiedono un lungo tempo di apprendimento che vi ripagherà

È importante sapere che praticare un’arte marziale è un processo lungo che può durare una vita, possono volerci anni per padroneggiare le basi e la fretta è una cattiva alleata.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.