(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Brazilian Jiu Jitsu: La Montada

data di redazione: 27 Novembre 2013 - data modifica: 16 Settembre 2018
Brazilian Jiu Jitsu: La Montada

La posizione di monta è una delle posizioni fondamentale nel grappling al suolo

Acquisire la posizione di monta è uno degli obiettivi più ricercati da parte dei lottatori a terra, specialmente in un combattimento reale. Ciò accade quando un lottatore si trova al di sopra dell'avversario, a cavalcioni del suo petto, con le ginocchia a terra.

La ragione per cui tale posizione è così ambita è piuttosto semplice: dalla posizione di monta è possibile colpire l'avversario con un'impunità praticamente totale.

Considerate il semplice esperimento che segue. Montate su un amico; state con il busto eretto e preparate il pugno. Toccate con il pugno la mascella del vostro amico. Ora invitate il vostro amico a toccare con il suo pugno la vostra mascella. Ben presto scoprirete che a meno che non vi sia una particolare differenza di altezza tra voi, il vostro amico non potrà raggiungere la vostra mascella, mentre voi potete facilmente farlo.

Ovviamente ciò corrisponde a un vantaggio assolutamente decisivo nel caso entrambi foste impegnati in uno scambio di colpi. Inoltre, capirete come i colpi, diretti dall'alto in basso, siano molto più forti, poiché siete in grado di utilizzare l'azione della spalla e dell'anca grazie alla posizione dominante, mentre il vostro avversario, bloccato sotto di voi, non potrà fare altrettanto; i suoi pugni, quindi, mancheranno tristemente di forza.

Oltre alla possibilità di sferrare pugni a volontà, l'uomo che sta sopra potrà attaccare con una numerosa varità di prese di sottomissione, mentre colui che sta sotto non avrà praticamente alcuna opportunità di rispondere con i suoi tentativi. La posizione di monta, pertanto, offre alla persona che la raggiunge un vantaggio potenzialmente devastante. Per colui che sta sopra vi sono molti modi per tenere e controllare l'avversario. Un braccio può cingere la testa di questi, mentre l'altro è tenuto all'esterno, con la mano al suolo, in modo da offrire un'ampia base che rende molto difficili i tentativi dell'avversario di svincolarsi. Se quest'ultimo indossa una giacca, una mano può afferrare l'interno del suo bavero per minacciarlo con vari strangolamenti. Inoltre le vostre gambe possono essere utilizzate per stabilizzare la posizione di monta incrociando i piedi sotto le natiche dell'avvversario o per avvinghiarsi ai suoi stinchi.

Se l'avversario vi monta, vi trovate nella necessità di sfuggire. E' inutile tentare prese di sottomissioni o colpi vari da tale posizione estremamente svantaggiosa. Dovreste piuttosto focalizzare l'attenzione sul trasferimento in una posizione più vantaggiosa, come la posizione di guardia. Tali evasioni saranno descritte più avanti in altri articoli del sito. Si afferma spesso che nelle competizioni di arti marziali miste la posizione di monta non è efficace come sembra.

CRITICHE ALLA POSIZIONE DI MONTA: E SE GLI AVVERSARI SONO PIU' DI UNO?

Alcuni ritengono che in un combattimento reale l'avversario potrebbe semplicemente mordere, colpire un occhio o stringere l'inguine per uscire da quella situazione. Se è vero che tali metodi hanno una certa efficacia in un combattimento reale, si deve anche capire che essi non sono un effettivo antidoto alla posizione di monta.

Considerate, ad esempio, la stretta dell'inguine. Per attaccare l'inguine dal basso della monta dovete raggiungerlo almeno con una mano, esponendo così il vostro volto a una raffica di pugni. Inoltre la mano che attacca può essere facilmente bloccata dall'avversario che sta sopra di voi, e che sferrerà i suoi pugni.

Quanto ai morsi e agli accecamenti con le dita, l'uomo che sta al di sopra ha un controllo talmente superiore da avere la facoltà di rispondere con i suoi morsi e i suoi colpi agli occhi, che saranno ben più micidiali di quelli che avrà potuto ricevere. Per di più è relativamente facile per colui che sta sopra posizionarsi in modo da precludere attacchi del genere da parte del suo avversario.

Ad esempio, se l'uomo che sta sopra tiene la testa dell' avversario con il suo braccio destro, può ruotare la spalla destra sopra la mascella dell'avversario per impedirgli qualsiasi possibilità di morsi, mantenendo al tempo stesso la possibilità di sferrare pugni con la mano sinistra. Pertanto, se le tattiche della stretta all'inguine, del colpo all'occhio o del morso possono certamente produrre una certa molestia, non costituiscono in ogni caso una seria risposta alla posizione di monta.

Un'altra opinione dei detrattori della posizione di monta, e, in verità, del ju-jitsu brasiliano in generale, è che la persona che fruisce di tale posizione è particolarmente vulnerabile all'attacco proveniente da molteplici avversari. Può accadere che vi troviate sopra un uomo, tenendo la posizione molto bene, e tuttavia veniate assaliti dai suoi amici con calci e pugni.

Poiché si tratta di una critica comune e si applica a tutte le posizioni di grappling al suolo, risponderò ad essa ora. Non c'è dubbio che se vi trovate in posizione di monta o in qualsiasi posizione di corpo a corpo siete vulnerabili all'attacco di più avversari che si avvantaggeranno del fatto che siete impegnati con un solo avversario e sfrutteranno al massimo la superirità numerica con calci e pugni. Sostenere che questo problema sia esclusivo degli stili di grappling è palesemente assurdo. Se Mike Tyson stesse combattendeo con un uomo sul ring ed improvvisamente due pugili sopraggiungessero per attaccarlo, egli si troverebbe in una situazione del tutto analoga a quella del lottatore di grappling in questione. La moltelplicità degli avversari rappresenta un problema tanto per coloro che combattono con calci e pugni quanto per i praticanti di grappling. In entrambi i casi si presenta il medesimo problema, perché si concentra l'attenzione su un solo uomo, ma un altro può sempre attaccare con colpi, prese o atterramenti. Tali attacchi sono sempre difficili da gestire, e gli stili che non contemplano il corpo a corpo non hanno dimostrato una risposta di efficacia maggiore rispetto agli stili di grappling come il Brazilian ju Jitsu.

Per questa questione si dovrebbe integrare conoscenze con scuole che trattano Difesa Personale, però ricordate che coloro che riescono ad affrontare senza problemi e con facilità molteplici avversari grazie al loro metodo infallibile sono una sorta di fantasmi: tutti ne parlano ma nessuno li ha mai visti.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Brazilian Jiu Jitsu: La Preparazione é Indispensabile?
16 Settembre 2018

Brazilian Jiu Jitsu: La Preparazione é Indispensabile?

Una preparazione tecnica, atletica e mentale specifica nel periodo che precede le gare sia essenziale per ogni agonista, dal neofita al più esperto. Questo periodo di allenamento deve portare l'atleta al meglio della forma e della concentrazione, deve inculcargli un obiettivo preciso, tutti fattori che gli permetteranno di ottenere il massimo dalla sua prestazione.

Wrist locks, le Leve al Polso nel Brazilian Jiu Jitsu
19 Ottobre 2015

Wrist locks, le Leve al Polso nel Brazilian Jiu Jitsu

le problematiche ad esse correlate ed esercizi per la mobilità del polso

Le leve al polso (wrist lock), sono in genere inserite nei programmi di Brazilian jiu Jitsu dalla cintura blu ...

Ultimi post pubblicati

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata
23 Settembre 2018

ABC Safe: La Giusta Distanza Per Sferrare una Gomitata

Sifu Sandro Ci Spiega la Giusta Distanza per Sferrare una Gomitata

La gomitata è uno dei colpi più potenti e letali in quanto è un colpo che taglia, è un colpo che è in grado di concludere una lite, un match di muay thay o mma. Proprio per il fatto che la superficie di impatto è in pratica lo spigolo del gomito, questo tipo di colpo, anche se non è portato alla massima potenza, è in grado di aprire una profonda ferita.

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello
22 Settembre 2018

Galletto al Limone con Paprika e Dragoncello

La ricetta base è di origine romana, ma ogni regione ne ha una propria versione: la caratteristica di base, da cui deriva il nome “alla diavola”, è il colore rosso del pollo grazie alla consistente aggiunta di peperoncino, sia la paprica dolce che quello piccante.
Preparazione: 60 min.
Difficoltà: 5
N. porzioni: 4