Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Brazilian Jiu Jitsu- Ribaltamento dalla mezza guardia con sottomissione

data di redazione: 07 Dicembre 2015 - data modifica: 13 Gennaio 2016
Brazilian Jiu Jitsu- Ribaltamento dalla mezza guardia con sottomissione

Tecnica illustrata del maestro A. Vasconcelos Dos Santos (Batatinha)

Il Maestro di Brazilian Jiu Jitsu Alexandre Vasconcelos Dos Santos, più conosciuto come "Batatinha", ha accettato di collaborare con noi di ABC allenamento, mostrandoci la sequenza di un ribaltamento dalla mezza guardia che termina con una sottomissione al gomito tramite Arm Bar.

Quello che ci ha colpito di questo Grande Maestro brasiliano, oltre alla sua umiltà, è la cura dei particolari, dei dettagli, che come ci ha spiegato lui stesso, sono i fattori che rendono estremamente efficace questo sorprendente metodo di combattimento.

La calma e la sicurezza che adotta sono disarmanti, la fluidità rende le sue azioni un tutt'uno, la leggerezza con la quale ribalta l'avversario ci mostra come la tecnica può avere un valore predominante sulla forza.

È minuzioso nella spiegazione di ogni passaggio, ci spiega e ci fa capire l'importanza di ogni singolo movimento e la necessità di effettuare i passaggi in ordine e senza trascurare i particolari.

Solo in questo modo, ci riferisce, la tecnica "non fa acqua", rendendo il Brazilian Jiu Jitsu così scientifico.

TECNICA ILLUSTRATA DI UN'USCITA DALLA MEZZA GUARDIA (RIBALTAMENTO)

Il maestro Batatinha si trova nella posizione di "mezza guardia".

Controlla il suo avversario con il ginocchio e le braccia (una al bavero all'altezza del collo e l'altra al braccio all'altezza del gomito), in modo da non subire la pressione e l'avanzamento del suo opponente ed un eventuale passaggio di guardia.










Il Maestro, appoggia la sua mano appena sopra il suo ginocchio (foto 2);

facendo ciò riesce a “sgrimare” (termine tecnico che indica “passare sotto il braccio” NDR) il braccio dell'avversario semplicemente stendendo la gamba e ad afferrargli successivamente la cintura dietro la schiena anche se questo cerca di impedirglielo (foto sotto).














A questo punto si carica su di lui l'avversario aiutandosi con un movimento uniforme di spinta, sia con le gambe che con le braccia; facendo questo trova uno spiraglio per passare il braccio sotto la gamba dell'opponente e contemporaneamente gli immobilizza la gamba chiudendo le sue in "figura 4".






Con l'intenzione di bloccarlo, il suo avversario gli afferra il braccio cintandolo col suo (foto a fianco) e il Maestro ne approfitta per bloccarglielo a sua volta, afferrandogli la manica o in alternativa il polso.














Ora, dopo avergli bloccato il braccio, slaccia la "figura 4" e applica un gancio con la gamba sinistra a quella del suo avversario, facendo una pressione verso l'esterno con il piede.

Facendo ciò gli ha neutralizzato ogni "base" sul lato destro ed è pronto ad effettuare il ribaltamento.




In sicurezza conclude il ribaltamento.















Il Maestro Batatinha, dopo essersi stabilizzato in posizione di "100 chili", si assicura il braccio dell'avversario afferrandosi il proprio bavero del kimono, e con l'altra mano gli prende a taschino il kimono all'altezza del ginocchio, preparandosi per il prossimo passo.






Da notare i particolari di questo passaggio.

Il Maestro ruota il bacino e i piedi pur rimanendo "incollato" con le ginocchia all'avversario, senza lasciare il braccio bloccato e il ginocchio dell'avversario, mantenendo così il controllo di esso in ogni istante.


A questo punto gli può passare la gamba oltre la testa senza il problema di essere destabilizzato (foto 12),







e alzarsi mettendosi seduto, avendo cura di non perdere il braccio precedentemente bloccato (foto 13).








Solo ora il Maestro chiuderà gli adduttori bloccando il braccio sul quale, stendendosi di schiena e assicurandosi il pollice "verso l'alto" della mano del suo avversario, concluderà la sottomissione al gomito.











Il modo in cui ci ha illustrato il Brazilian Jiu Jitsu questo grande Maestro ci ha fatto innamorare di quest'arte e lo ringraziamo della sua preziosa collaborazione.

Alla prossima tecnica Maestro!

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Jigoro Kano, un innovatore delle Arti Marziali di Contatto
01 Ottobre 2014

Jigoro Kano, un innovatore delle Arti Marziali di Contatto

Il fondatore del Judo vide che non ci si poteva impegnare in sessioni quotidiane di pratica libera con colpi a piena potenza, quindi intuì e propose qualcosa di innovativo nell'allenamento.

Kano introdusse il Randori: tramite esso, gli allievi potevano praticare il corpo a corpo a piena potenza riducendo al massimo il rischio di lesioni, ottenendo quindi un'esperienza cruciale nell'applicazione delle tecniche su un contendente che poteva rispondere.

Judo, il Paradosso del Randori
02 Ottobre 2014

Judo, il Paradosso del Randori

Kano intuì che rimuovendo le tencniche pericolose dal repertorio tecnico di un'arte marziale come il ju-jitsu veniva migliorato il rendimento tecnico degli allievi

L'intuizione di Kano è stata quella di rimuovere gli elementi più pericolosi da un'arte marziale in modo che i praticanti possano allenarsi più duramente e senza troppa paura di ferirsi. Potrebbe sembrare un paradosso infatti, il fatto di togliere tecniche "mortali" per rendere l'arte più efficace...

Ultimi post pubblicati

Il vero significato della Competizione nel Bodybuilding e nel Fitness
25 Maggio 2020

Il vero significato della Competizione nel Bodybuilding e nel Fitness

Conoscete il vero significato che dovrebbe avere la competizione nel bodybuilding e nel fitness, ma anche nello sport? Molto spesso nel mondo del fitness, così come in quello più specifico del bodybuilding, ci si imbatte in soggetti che sembrano vivere esclusivamente in funzione dell’ammirazione che suscitano negli altri. È un po’ come se per certe persone la loro stessa presenza in palestra fosse giustificata esclusivamente dal desiderio di essere superiori alla media.

Esercizi per i Principali Gruppi Muscolari Lower Body - parte bassa del corpo
19 Maggio 2020

Esercizi per i Principali Gruppi Muscolari Lower Body - parte bassa del corpo

Anche con pochi esercizi si può fare molto, soprattutto se li si svolge cercando di lavorare sulla qualità del movimento, andando quindi ad approfittare di questa pausa forzata per pulire il più possibile le esecuzioni. In altre parole: è il momento giusto per allenarsi con poco e allenarsi meglio. Tra questi esercizi, il primo di cui vi voglio parlare è lo squat.