Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Campionato Europeo di Brazilian Jiu Jitsu

data di redazione: 29 Gennaio 2015
Campionato Europeo di Brazilian Jiu Jitsu

Lisbona 2015 - Brazilian Jiu Jitsu European Open - Report di ABC Allenamento

Si è appena conclusa la trasferta dello Staff di ABC Allenamento nell'impero del Brazilian Jiu Jitsu: Lisbona la capitale del Portogallo, la quale ha ospitato un numero incredibile di lottatori e team provenienti da tutto il mondo, che si sono dati battaglia, sui tatami a caccia di titoli in occasione del famoso torneo internazionale European Open Brazilian Jiu Jitsu, campionato europeo di jiu jitsu brasiliano.


Un palazzetto completamente dedicato a quest'evento, vicinissimo al centro città, facilmente raggiungibile con la metropolitana, che si è animato per 5 giorni di combattimenti, con un via vai incredibile di atleti e Team provenienti da tutto il mondo, che hanno versato sudore per mesi e mesi nelle loro palestre, per prepararsi al meglio e fare risultato in quest'evento che aggiudica le medaglie per i titoli Europei di tutte le classi e cinture.


Un numero impressionante di atleti, suddivisi nei giorni per ordine di cinture e di età, inseriti con il proprio orario nelle scalette nel sito della I.B.J.J.F., INTERNATIONAL BRAZILIAN JIU-JITSU FEDERATION, continuamente aggiornato, con il nominativo e il nome del Team dell'avversario, il numero del Tatami sul quale si svolgeva il match, insomma un'organizzazione che a nostro avviso sfiora la perfezione.

 

ORGANIZZAZIONE DELL'EVENTO

 

 

Dieci aree di gara, ognuna con un il suo schermo nel quale l'atleta poteva vedere in tempo reale il punteggio e il tempo, gli arbitri rigorosamente cinture nere in giacca e cravatta, impeccabili e inflessibili nel fare osservare il regolamento.


Gli atleti, un'ora circa prima del combattimento, venivano chiamati in un'area apposita dentro la quale avvenivano tutti i controlli:

  1. le misurazioni della larghezza delle maniche e del kimono in generale
  2. il controllo della cintura
  3. il controllo del peso
  4. la verifica del documento

Una volta entrati in quest'area e dopo aver superato tutti i controlli del caso venivano accompagnati nell'area di gara, e ci uscivano a girone terminato, che al più tardi finiva nel giro di un'ora e mezza.

 

Team da tutto il mondo, dal Brasile agli Stati Uniti, dalla Cina alla Russia, tutti uniti da un'unica passione, quella per la lotta.

 

La tensione è palpabile, ogni incontro è una storia a sè, gli italiani si conoscono più o meno tutti e la partecipazione è generale come uniti da un senso di patriottismo.


Un'altra cosa che risalta in quest'ambiente è il rispetto fra gli atleti, un fattore fondamentale per questo sport, che avrebbe da insegnare tanto al riguardo anche ad altre discipline.


Prima dell'inizio immancabile il saluto, dimostrazione di rispetto nei confronti dell'avversario e dell'arbitro, poi era un sormontarsi di urla, di suggerimenti e di incitazioni, spesso coperti dal rumore del pubblico negli spalti, sempre affollati.

 

ANDRE' GALVAO

 



Immancabili i grandi nomi, come Andrè Galvao (l'Atleta della foto), ovviamente vittorioso e quindi campione Europeo anche quest'anno sia nella sua categoria che negli Open, e Gabi Garcia anch'essa indiscussa campionessa.


In generale altissimo il livello tecnico in tutte le cinture e categorie, uno spettacolo assicurato da tutti i punti di vista, con ottime prestazioni da parte degli atleti italiani nostri amici e lettori di ABC.

 

Di contorno una bellissima città, Lisbona, economica ed accessibile a chiunque, assolutamente accogliente ed ospitale, che per tradizione nutre un profondo rispetto per i lottatori.

 

Vicino al palazzetto, teatro dell'evento, un bellissimo parco, con una maestosa fontana, e ai suoi piedi un parco attrezzi per l'allenamento out door e un ottimo percorso per correre.

 

Insomma, Complimenti agli organizzatori, un Europeo da rifare e da rivedere.

 

I Team di lottatori delle Palestre Shako Club di Cesena e Centurione Klan Brazilian Jiu Jitsu di Ravenna, in futuro, saranno di nuovo presenti, per combattere e per trasmettere le esperienze vissute ai nostri lettori.

 

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenarsi nel Brazilian Ju Jitsu per vincere nelle MMA
01 Ottobre 2014

Allenarsi nel Brazilian Ju Jitsu per vincere nelle MMA

Migliorare tecniche di BJJ per portare la vittoria nelle gabbie

Lavorare con il gi nel BJJ per migliorare nelle MMA? Tutti i campioni lo fanno: nell'articolo spieghiamo il perché dei vantaggi del Brazilian Ju Jitsu sul Grappling

La posizione della "mezza guardia"
02 Ottobre 2014

La posizione della "mezza guardia"

Vantaggi e svantaggi di una delle posizioni principali nella lotta al suolo

Uno dei pochi svantaggi della mezza guardia è quello di essere soggetti abbastanza facilmente a diversi tipi di ribaltamenti, ma allenandola assiduamente ci prenderete familiarità e saprete contrastarli con abbastanza facilità addirittura traendo vantaggio dai suoi disperati tentativi di uscita

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.