(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Evasione dalla posizione di monta

data di redazione: 27 Gennaio 2015
Evasione dalla posizione di monta

Come uscire da una delle posizioni più difficili

La “montada” (detta anche semplicemente) "monta” è una di quelle posizioni dalla quale è più difficile uscirne, sia nel Bjj che nel grappling, dalla quale è più facile colpire e chiudere l'incontro nel caso delle MMA.

Dalla monta è possibile infatti portare numerosi tipi di attacco e finalizzazioni.

In poche parole, in un combattimento reale sono ben poche le situazioni peggiori di quella in cui si è immobilizzati sotto la monta del proprio avversario, che se è pratico di lotta saprà sicuramente tenere la posizione corretta mettendo peso sul torace dell'avversario stesso e facendo base con le mani in caso di instabilità, e che avendo ampia possibilità di movimento può generare la massima potenza portando a termine il temibile "ground and pound".

 

Rimanendo nell'ottica e nel regolamento del Ju Jitsu Brasiliano o del Grappling, chi si trova in questa posizione può portare a termine diverse finalizzazioni, dalle quali per via della posizione scomoda è difficile difendersi, alcune delle quali sono:

  • leve al gomito(arm-bar)
  • strangolamenti
  • leve cervicali
  • leve al polso

Per via della posizione tattica che si guadagna con questa tecnica, la monta in competizione fa guadagnare punti, ovviamente stabilizzandone la posizione, stendendosi in avanti abbassando il baricentro e rendendo le tecniche di difesa estremamente difficili ed inapplicabili.

Spesso dai tentativi disperati di difesa da questa posizione nascono possibilità di attacco differenti, e in alcuni casi addirittura la possibilità di prendere la schiena dell'avversario (per quello che si trova sopra), altra tecnica difficilissima da difendere e che offre altrettante possibilità di finalizzazione.

 

Come uscire dalla posizione di monta

Un neofita consumerà energie nel dimenarsi allo scopo di ribaltare la posizione, cosa assai difficoltosa, soprattutto se si trova sotto a un lottatore esperto.

Uno dei metodi fondamentali e più efficaci per uscire da questa tecnica è il "ponte" o "upa".

L'obiettivo di questa tecnica, che in un primo momento sembra semplice e facile da applicare, ma che in realtà è piena di piccoli accorgimenti e particolari, è quello di fare rotolare l'avversario sulla sua schiena, ribaltando di fatto la situazione, e anche se ci troveremo chiusi nella sua guardia avremo ampie possibilità di colpire (nel caso delle MMA).

Nel caso della lotta invece, se hai ribaltato la posizione, anche se poi ti trovi nella guardia chiusa del nostro avversario hai guadagnato comunque una situazione migliore, oltre al fatto di avere guadagnato punti per il ribaltamento.

Esecuzione della tecnica di evasione dalla monta

  1. Per prima cosa bisogna bloccare il braccio del nostro avversario, in questo modo eviteremo che nel momento in cui facciamo il ponte lui possa fare base e di conseguenza annullare la nostra tecnica.
  2. Successivamente, gli blocchiamo anche la gamba con il nostro piede (quella dello stesso lato del braccio che abbiamo già bloccato in precedenza), in questo modo le basi sul lato del rotolamento sono completamente eliminate.

 

A questo punto utilizzando entrambe le gambe ci si inarca, e una volta portato in avanti il nostro avversario ci si gira sulla spalla dal lato in cui lo abbiamo bloccato.

Per eseguire correttamente questa tecnica, bisogna avere l'accortezza di portare il nostro avversario prima in avanti, e quindi su un lato, e in quest'ultimo momento guardare la spalla che si sta rovesciando, e che sarà quella del medesimo lato del braccio e della gamba rovesciati.

Quindi inarcate e spingete nella stessa direzione in cui guardate, e se la tecnica è fatta correttamente è in grado di ribaltare anche un avversario più pesante.

 

Una volta ribaltata la situazione, controllate l'avversario con le mani all'altezza dei bicipiti per evitare di essere colpito o di subire un rapido strangolamento.

 

Come allenare questa tecnica

Il ponte, presente in molte manovre di evasione del Bjj è consigliato allenarlo molto di frequente, inserendola come drill in allenamento, e addirittura come riscaldamento.

È una di quelle tecniche infatti che è molto semplice allenare a vuoto, isolando in questo modo più efficacemente il movimento e auto-correggendone eventualmente i piccoli errori.

Il tempo che impiegherete in questo esercizio individuale sarà ampiamente ripagato allorché passerete a combattere con il vostro partner ribaltando efficacemente la situazione.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Wrist locks, le Leve al Polso nel Brazilian Jiu Jitsu
19 Ottobre 2015

Wrist locks, le Leve al Polso nel Brazilian Jiu Jitsu

le problematiche ad esse correlate ed esercizi per la mobilità del polso

Le leve al polso (wrist lock), sono in genere inserite nei programmi di Brazilian jiu Jitsu dalla cintura blu ...

Bjj: La Posizione di Guardia
13 Marzo 2016

Bjj: La Posizione di Guardia

Vantaggi e svantaggi di una delle posizioni più frequenti nel Ju-jitsu brasiliano

A prima vista la posizione di guardia potrebbe sembrare una posizione svantaggiosa per chi sta sotto, siccome l'avversario si trova sopra e ha la possibilità di sferrare pugni, sottomissioni e strangolamenti. In realtà tenendo l'avversario "nella guardia" si ha la possibilità di di effettuare molte prese di sottomissione e di fare ribaltamenti efficaci

Ultimi post pubblicati

Brazilian Jiu Jitsu Kids
20 Gennaio 2019

Brazilian Jiu Jitsu Kids

Fa Davvero Bene Ai Bambini?

Il bjj è perfetto per i bambini e le bambine perché in giovane età gli effetti positivi sul corpo e sulla mente sono amplificati; in più al gioco si unisce un sistema di autodifesa non violento, immediato e completo. In poco tempo i bambini aumenteranno la loro forza negli arti e nel tronco, la schiena e le articolazioni si rinforzeranno e diventeranno più flessibili, aumenterà la loro coordinazione e sia l’apparato respiratorio che quello cardiocircolatorio ne trarranno beneficio.

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger
20 Gennaio 2019

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger

La nuova storia si collegherà direttamente a T2, aprendo a un interessante (e non di poco conto) interrogativo: come sarà risolto il "problema età" di Arnold? Quando Arnold Schwarzenegger ha girato Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio aveva 44 anni. Oggi l'attore ne ha 71 anni già compiuti e, per quanto se li porti benissimo, il suo aspetto è (inevitabilmente) diverso da quello che aveva nel 1991. Ma a quanto pare, la cosa non preoccupa James Cameron.