Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

​Grappling e Brazilian JIU JITSU, la Guardia Aperta (Open Guard)

data di redazione: 28 Ottobre 2015 - data modifica: 16 Settembre 2018
​Grappling e Brazilian JIU JITSU, la Guardia Aperta (Open Guard)

Lo studio della guardia aperta standard, cos'è e come allenarla

Non è facile definire precisamente la guardia aperta, è questa una posizione estremamente dinamica e variabile che non ha una sua "posizione esatta", ma è una assolutamente strategica e che "apre un mondo" al lottatore che la sa applicare correttamente.

Possiamo utilizzare questa posizione come fase di transizione per passare ad un'altro genere di guardia oppure per arrivare direttamente ad una sottomissione.

APERTA NON SIGNIFICA "SENZA CONTROLLO"

Solo perché la guardia non è allacciata dietro al corpo del nostro avversario non significa che non possiamo avere un buon controllo su di lui.

Con la guardia chiusa lo possiamo controllare, se vogliamo in un qual modo bloccare, per far si che non intraprenda un qualche passaggio di guardia, ma chi sa lottare sa bene che da una posizione inferiore, cioè a schiena a terra e slacciando la guardia in modo intelligente, può lavorare per montare un'infinità di sottomissioni, ma questo spesso (non sempre!) non è possibile senza aver assunto un'altra tipologia di guardia, il che significherebbe un ulteriore passo in avanti in sicurezza prima di arrivare ad una qualche finalizzazione.

Per guardia aperta standard (Open guard standard), intendiamo quella posizione che assume il lottatore che si trova a schiena a terra, quando non ha le gambe serrate intorno al busto del suo avversario o avvinghiate attorno ad una sua gamba (mezza guardia), e gli controlla le anche con almeno un piede.

Non è come può pensare un lottatore alle prime armi, dalla guardia aperta il lottatore ha una vastissima gamma di possibilità di attacchi e di spazzate, oltre ad avere comunque un discreto controllo sul suo avversario.

Indipendentemente da come arriviamo in guardia aperta, che sia perchè il nostro avversario ci ha "slacciati" con l'intento di intraprendere un passaggio di guardia oppure che sia stato un nostro atto volontario, quando ci troviamo in questa posizione, per avere un controllo abbastanza sicuro, come abbiamo già detto, dobbiamo avere almeno un piede sul fianco del nostro avversario, o meglio ancora entrambi, che ci consenta di gestire e quindi controllare "lo spazio" fra noi e lui.

Anche la parte superiore del nostro avversario deve essere "dominata" per avere un buon controllo, afferrandogli i polsi o controllando i gomiti nel caso del Grappling o MMA, o afferrando i baveri o le maniche del Kimono nel caso del Brazilian Jiu Jitsu.

Non è difficile per un buon lottatore passare dalla guardia aperta ad un'altro genere di guardia, diciamo che è questione di attimi; per esempio ad una Butterfly Guard (guardia a farfalla), ad una "De la Riva" oppure alla "ragna" (Spider Guard), o ancor più facilmente ad una Cross Guard, posizioni queste, altrettanto strategiche che offrono numerose possibilità di attacco e ribaltamenti.

ALLENAMENTO SPECIFICO

Un buon allenamento per imparare a gestire la guardia aperta standard può essere quello di partire dalla guardia chiusa e di lavorare in un "libero specifico", slacciando e cercando di lavorare e di concludere una sottomissione da quella posizione.

Un passo successivo potrebbe essere quello di passare dalla Open Guard ad altri tipi di guardie sempre nel "libero".

Scritto da: Davide Ursillo
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Judo, il Paradosso del Randori
02 Ottobre 2014

Judo, il Paradosso del Randori

Kano intuì che rimuovendo le tencniche pericolose dal repertorio tecnico di un'arte marziale come il ju-jitsu veniva migliorato il rendimento tecnico degli allievi

L'intuizione di Kano è stata quella di rimuovere gli elementi più pericolosi da un'arte marziale in modo che i praticanti possano allenarsi più duramente e senza troppa paura di ferirsi. Potrebbe sembrare un paradosso infatti, il fatto di togliere tecniche "mortali" per rendere l'arte più efficace...

Linee Guida per la Forza e Condizionamento nel Brazilian Jiu Jitsu ed M.M.A.
09 Luglio 2015

Linee Guida per la Forza e Condizionamento nel Brazilian Jiu Jitsu ed M.M.A.

Sappiamo che molti di voi che leggete questo sito sono praticanti di B.J.J. ed M.M.A., e magari state cercando un modo di diventare più forti, più veloci e più potenti in modo da poter competere al meglio nel vostro amato sport. A differenza di un powerlifter o un maratoneta, dove il primo si deve concentrare esclusivamente sulla forza ed il secondo esclusivamente sulla resistenza, nel BJJ ed MMA è necessario sviluppare tutto. Un programma globale per questi sport da combattimento deve avere delle linee guida annuali da rispettare

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.