Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Adattarsi all'età negli Sport da Combattimento

data di redazione: 09 Giugno 2016
Come Adattarsi all'età negli Sport da Combattimento

L'età purtroppo è nemica dell'atleta, specie negli sport da combattimento, perchè con l'invecchiamento il nostro corpo incorre inevitabilmente in cambiamenti importanti, di carattere fisiologico, strutturale e psicologico.

  • Tanto per cominciare con il passare degli anni si perde massa muscolare e forza, per non parlare di resistenza
  • poi si indeboliscono i tendini, i legamenti e le ossa. Le donne, per esempio, passati i 35 anni perdono circa l'1% di massa ossea all'anno; anche gli uomini diventano meno forti, ma più lentamente e ad un'età più avanzata


È POSSIBILE COMBATTERE QUESTO FENOMENO?

La storia è piena di atleti, anche nel mondo del combattimento, che hanno conquistato titoli importanti anche oltre i 40 anni! Nonostante questo la cosa certa è che la vecchiaia arriva per tutti, ma sicuramente possiamo allungare il nostro ritiro dal mondo del combattimento mantendo il nostro corpo forte, elastico, magro ed in buona salute con la giusta combinazione di allenamento aerobico, di potenziamento, con sane abitudini alimentari e con determinati cambiamenti nel tipo di allenamento e nello stile di vita.

Lo sappiamo, con il passare degli anni i tempi di recupero dopo un infortunio diventano più lunghi, quindi bisogna prestare la massima attenzione ai sintomi, ai dolori e ai fastidi muscolari che percepiamo durante l'attività fisica che stiamo svolgendo, a cui dobbiamo dare più importanza di quanta gliene davamo per esempio 10 anni fa, e soprattutto in questi casi dobbiamo essere in grado di rallentare l'intensità degli allenamenti o addirittura fermarci.


Ma è alla prevenzione che dobbiamo guardare con maggiore interesse!

Come si dice, meglio pervenire che curare, quindi dobbiamo partire dal concetto che a 40 anni non possiamo continuare ad allenarci come quando ne avevamo 20. Per fare ciò, vi consigliamo di seguire alcuni consigli preziosi.

  1. Prima di tutto allenatevi in modo più mirato ed intelligente, adattandolo alla vostra età
  2. Dedicate il tempo necessario al riscaldamento aerobico, in modo tale da stimolare l'afflusso di sangue alle articolazioni muscolari sotto sforzo e lubrificare le aree che rendono muscoli e tendini più elastici, diminuendo così il rischio di stiramenti e traumi. Un metodo efficace sotto questo punto di vista per esempio potrebbe essere quello di cominciare gli allenamenti sempre con una leggera corsetta di 20 minuti
  3. Cercate di rendere i worckout che eseguite nelle vostre preparazioni alla vostra portata, specie se siete abituati ad allenarvi in palestra assieme a ragazzi più giovani; in più assicuratevi che consenta uno sviluppo muscolare equilibrato, infatti troppo spesso certi programmi esaltano lo sviluppo di gruppi muscolari specifici, a scapito di altri. Questo genere di errore aumenta il rischio di traumi
  4. Osservate i giorni e i tempi di recupero, che saranno di certo più lunghi di quelli che adotterà un ragazzo molto più giovane di voi, evitando così il problema del sovrallenamento
  5. Durante i vostri allenamenti con i pesi rispettate scrupolosamente le tecnica di esecuzione; molto spesso i traumi negli atleti sono riconducibili a tecniche di esecuzione scorrette nei lavori di potenziamento. Sollevate i carichi con movimenti controllati, non balistici; se è il caso riducete il carico e aumentate le ripetizioni
  6. Cercate di allenare molto la tecnica e "giocatevela" di esperienza, risparmiando energie preziose durante le vostre sedute di sparring (che si tratti di sport da percussione o lottatori), per poi proporvi allo stesso modo nel combattimento vero e proprio
  7. Date larga importanza alle sedute di stretching; lo stretching, non balistico statico e delicato dopo il riscaldamento e anche dopo l'allenamento rende più elastico il gruppo muscolare-tendineo e previene gli infortuni, come sappiamo molto più frequenti con l'avanzare dell'età
  8. Un occhio in più alle sane abitudini alimentari e se necessario assumete degli integratori per dare più energia all'allenamento
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Storia del judo
02 Ottobre 2014

Storia del judo

L’arte della cedevolezza nacque in giappone nel XIX secolo

Il Judo ha origine dal ju-jitsu ed è un’arte marziale giapponese ed è stato concepito e sviluppato  da un praticante di jujitsu: Jigoro Kano; l’ideogramma Ju significa cedevolezza, armonia e adattabilità, e rappresenta la possibilità di non opporre resistenza fisica sfruttando quindi la forza che ci viene opposta contro il nostro avversario. 

Come contrastare il Bullismo da Ring
17 Novembre 2016

Come contrastare il Bullismo da Ring

Alcuni combattenti traggono piacere nell’incutere timore prima di un incontro, e vivono così nella speranza che ciò abbia ripercussioni positive (per lui) sull’esito del match. Non si deve permettere che ciò accada. Scopriamo come altri combattenti hanno superato l'intimidazione fisica e mentale imposto dal bullo da ring.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.