(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Pugilato Nelle Arti Marziali

data di redazione: 06 Maggio 2016 - data modifica: 28 Febbraio 2019
Il Pugilato Nelle Arti Marziali

L'Arte di Tenere i Pads

Il Pugilato Nelle Arti Marziali

Il pugilato è l'arte marziale britannica specializzata nello sferrare i pugni e come arte è uno dei più complessi ed incompresi stili di combattimento. 

Il pugilato nasce come sport di difesa personale, e risulta essere il mezzo di difesa personale più antico al mondo, in quanto i pugni sono il primo istinto dell'uomo nella difesa personale stessa.

Era praticato già nell'Antica Grecia e nell'Antica Roma; i pugni erano fasciati con lunghe strisce di cuoio per proteggere le nocche in cui a volte venivano inserite anche placche di metallo. Nel XVIII secolo venne strutturato affinché si potesse praticare a livello agonistico.

Nel XVIII secolo si vollero dare delle regole al pugilato al fine di farlo rendere un'attività sportiva. Nei primi anni del Settecento il pugile inglese James Figg (1695- 1740) concepì il pugilato come uno sport dove era più importante difendersi che attaccare. Lo stesso Figg fu il primo a definire il pugilato nobile arte.

I concetti ed i principi del pugilato li ritroviamo in moltissime arti marziali dove sono previste le percussioni. Se avete visto un allenamento di pugilato vi renderete conto che il maestro ha una grande maestria nel tenere i pads (colpitori) con i quali farà lavorare l'atleta con una serie di combinazioni miste.

Non sempre questa maestria la ritroviamo nel mondo delle arti marziali, ma l'arte di tenere i pads farà fare la differenza nell'apprendimento dell'allievo, quindi è fondamentale che un maestro o istruttore li sappia tenere, come anche gli allievi più anziani.

A differenza di ciò che si crede, i pads non sono solo uno strumento per colpire; tenere un pads è di per sé un'arte e per saperli tenere bisognerebbe avere l'umiltà di andare a scuola di pugilato come l'ultimo degli allievi ed imparare da un buon maestro di boxe.

Quando un maestro di boxe fa fare i pads, non li tiene come fossero due colpitori morti senza anima, si muove, effettuando una specie di sparring con l'allievo, facendolo allenare in maniera più realistica.

La persona che sostiene il pad deve guidare costantemente il movimento, la velocità, la tecnica, il timing del suo allievo.

La distanza ed il timing sono i principi più importanti per un buon uso delle mani. E' chiaro che bisognerà iniziare gradualmente prima con schemi prefissati, magari con solo un colpo e poi mano a mano bisognerà rendere più complesse e dinamiche le combinazioni.

In conclusione l'utilizzo dei pads:

  • Migliora le caratteristiche del colpo (tecnica, forza, velocità, resistenza, precisione, timing)
  • Migliora le capacità offensive (angoli, combinazioni)
  • Migliora le capacità difensive (spostamenti, schivate, blocchi ecc)
  • Migliora il footwork contro una persona reale (gioco di gambe, la strategia, lo stile e la tattica di combattimento
  • Migliora la coordinazione dei colpi
  • Migliora la fase di attacco e difesa contemporaneamente
  • Abitua a muoversi con un avversario vero che si muove
  • Il Maestro può ottenere numerosi feedback dagli allenamenti
  • Permette di adattarsi a tutti gli stili
  • Permette combinazioni miste pugni, ginocchiate, gomitate e calci.
  • E' divertente e stimolante
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Tameshi Wari
17 Marzo 2015

Tameshi Wari

Prove di rottura

Le prove di rottura costituiscono un tema in un certo senso conflittuale, riunendo un fattore “folkloristico” con la difficoltà tecnica, data l’esistenza di fattori condizionanti che obbligano l’esecutore ad operare di fronte ad un pubblico profano e desideroso di stupirsi. Le rotture di tavolette in legno e altri materiali hanno una gran quantità di detrattori, a causa dei danni derivati dalla continuità dei micro-traumi e per lo sviluppo dell’immagine sportiva del Karate. Nella pratica normale sono quasi totalmente cadute in disuso, rimanendo in alcune esibizioni.

Quali Accessori Servono per un Combattente o Praticante di Arti Marziali?
12 Aprile 2016

Quali Accessori Servono per un Combattente o Praticante di Arti Marziali?

Guida agli Acquisti per un Combattente o Praticante di Arti Marziali

Ogni disciplina sportiva marziale e di combattimento che si rispetti, richiederà un minimo di attrezzatura ed abbigliamento tecnico per praticarla nel migliori dei modi.

Ultimi post pubblicati

Shop ABC FIT
16 Marzo 2019

Shop ABC FIT

Come Allenarsi Con ABC FIT

ABC FIT è un personal trainer virtuale che redige programmi di allenamento su misura, calibrati a seconda delle esigenze dell'utente, dove un sofisticato algoritmo permetterà di determinare il livello di forma, in ogni momento della vostra preparazione fisica, fornendo un programma di allenamento dettagliato ad un prezzo accessibile a tutti.

Antropometria: Principi Generali
14 Marzo 2019

Antropometria: Principi Generali

Come per un sarto risulta fondamentale, per realizzare un abito su misura, la conoscenza di determinati aspetti fisici del proprio cliente, per l’istruttore una corretta valutazione antropometrica rappresenta uno strumento fondamentale per acquisire tutta una serie di dati che si riveleranno fondamentali per la stesura di un piano di allenamento personalizzato, volto a enfatizzare le potenzialità del cliente colmandone allo stesso tempo eventuali carenze...