Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Autocontrollo e Difesa Personale

data di redazione: 18 Febbraio 2015
Autocontrollo e Difesa Personale

Sia gli animali sia l’uomo posseggono una dose di autocontrollo date da esigenze evolutive.

L’abilità autodifensiva è la capacità, acquisita con l’apprendimento, di salvaguardare la propria integrità da ingiuste aggressioni con il massimo successo e il minimo spreco di energia e tempo.

 

Questa abilità richiede gran capacità d’anticipo e senso di responsabilità (per esempio, per valutare la fondatezza o infondatezza di ciò che si presenta come aggressione); sono capacità che hanno origine nella zona frontale del cervello, il cui sviluppo (mielinizzazione) avviene dai sei ai dieci anni.

A questa età la mancanza di maturità autodifensiva è compensata dal controllo e dalla protezione dei genitori, il che ci fa supporre che quando non esiste autocontrollo della propria aggressività, fondamentale per l’autodifesa, questo viene imposto dall’esterno (repressione) prima nella famiglia, poi dalla società.

Sappiamo che nelle “situazioni d’emergenza” la nostra aggressività aumenta trasformandosi in un boom energetico che deve esser “regolato” per non compromettere il raggiungimento dell’obiettivo che si persegue: salvare la vita.

 

L’autocontrollo deve essere esercitato sulla reazione difensiva impulsiva, per poter trarre maggior vantaggio nella percezione delle circostanze contingenti reali (accettazione delle regole imposte dal “qui e adesso”) e consentire un efficace e successivo adattamento pianificato.

"Fare" o "non fare", questo è il problema

 

Il profondo autocontrollo necessario per le risposte d’emergenza (difensive) deve regolare

  • sia le decisioni limitative (non fare)
  • che quelle impulsive (fare)

evitando sia la perdita di controllo che l’eccessivo controllo; a volte capita di essere condizionati da troppe inibizioni; queste, una volta raggiunto il loro punto critico, si annullano totalmente.

Ricordiamo che le persone molto controllate (internamente o esternamente) giungono in alcune occasioni a realizzare atti di brutale aggressione, assolutamente insospettabili.

 

La lotta tra animali della stessa specie, generalmente durante il periodo della riproduzione, raramente risulta mortale grazie ad un “controllo istintivo” che assicura, saggiamente, che nel periodo riproduttivo venga conseguito l’obiettivo naturale: la sopravvivenza della specie e non l’eliminazione sistematica dei maschi, che provocherebbe alla lunga la totale estinzione.

 

Questo meccanismo regolatore dell’aggressività fra animali della stessa specie si basa sulla non aggressione durante la resa o la fuga dell’avversario.

Ricordiamo che tutti gli animali hanno un certo controllo sulle loro capacità offensive al fine della loro sopravvivenza; dall’uomo, con elevate capacità offensive, ci dobbiamo aspettare un autocontrollo proporzionale se non vogliamo provocare la nostra distruzione; bisogna sempre accompagnare la “creazione” di una capacità offensiva (per esempio: un’arma) con il senso di responsabilità che esige il suo uso.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

DIFESA PERSONALE – Come Risolvere Un Conflitto Se Non Hai Il Coraggio Di Sferrare Un Pugno
04 Ottobre 2018

DIFESA PERSONALE – Come Risolvere Un Conflitto Se Non Hai Il Coraggio Di Sferrare Un Pugno

La Soluzione Viene Estrapolata Da Sistemi Esperti In Corta Distanza E Lotta Corpo A Corpo

Il Calcio più utilizzato per la Difesa Personale
17 Luglio 2017

Il Calcio più utilizzato per la Difesa Personale

La migliore tecnica di gamba deve avere, per difendersi, dei precisi requisiti

Erano i calci combinati in colpi a sorpresa che, contro attacchi alla testa di pugno o di calcio, permettevano di “tagliare le gambe” all’avversario così come erano soliti dire i maestri del passato, rendendolo completamente inoffensivo perché incapace di reggersi in piedi e quindi di combattere.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.