(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Vincere Contro Un Avversario Più Preparato Di Te

data di redazione: 01 Maggio 2018 - data modifica: 04 Ottobre 2018
Come Vincere Contro Un Avversario Più Preparato Di Te

Video Lezione per sconfiggere un aggressore più condizionato

Come Vincere Contro Un Avversario Più Preparato Di Te

Puoi vincere anche contro un avversario più forte se adotti la tattica giusta.

Come?
Questo lo scoprirai nella video lezione in fondo all’articolo, ma prima ti devo fare una breve premessa.

Sei sempre stato un atleta preparato, ma in questo momento sei un po’ fuori forma.

Un atleta di sport da combattimento sa già la data del match, ma tu no. Ti alleni per ottenere un’abilità difensiva ottima, ma chiaramente non puoi essere sempre al top della forma tutto l’anno, Natale e Ferragosto compresi.

Può essere che tu abbia bisogno di scatenare le tue abilità in un periodo in cui tu sei rilassato, nella settimana in cui sei al mare in ferie, dove mangi e dormi come non mai e di certo non ti prepari al match del secolo.

Se vieni aggredito, lui sì, l’avversario, che sceglie la data e l’ora dell’incontro.

Ma tu no. Tu ora sei obbligato a difenderti, difendere te stesso o la tua famiglia.

Può sembrare un paradosso, ma vincere contro un avversario più preparato fisicamente può essere possibile se adotti una giusta tattica.


Come fare? Portali sul tuo campo.

Ti faccio degli esempi: se vuoi vincere una maratona con degli eschimesi, invitali alle tue latitudini e gareggia.

 Se vuoi combattere uno squalo, fronteggialo sulla terraferma.

Chiaramente i miracoli non li fa nessuno, e la bacchetta magica esiste solamente nelle fiabe.


Fatto sta che se hai studiato qualche anno un sistema di combattimento ora puoi studiare come metterlo in pratica adottando la tattica più adeguata.

Come puoi evitare che il tuo avversario ti riempia di pugni e non si fermi più da quando inizia a bombardarti?
L’unica cosa (teorica) che puoi fare è TOGLIERGLI LO SPAZIO.

Non è certo facile togliere lo spazio a chi ti ha preso come un sacco da boxe!

Primo passo: PIANIFICARE.
Il tuo scopo è quello di andare nella distanza dei gomiti, cercando naturalmente di essere accorto sulle gomitate e le testate.

Devi avere anche qualche rudimento di lotta per non cadere nella trappola del corpo a corpo e soprattutto non bisogna finire facilmente a terra.

Ti sembra poco, direte voi. Ma io non ho mai detto infatti che sia facile.

Bisogna infatti arrivare alla distanza dei gomiti ma NON CADERE nelle grinfie del Wrestler o del Grappler.

TATTICA PER VINCERE UN AVVERSARIO PIÙ VELOCE E PIÙ PREPARATO

  1. Allenarsi a chiudere la distanza COPRENDO le vie laterali avanzando da un lato.
  2. Una volta vicini colpire ripetutamente con i colpi corti che conoscete: gomitate, ginocchiate, montanti, e colpi al busto.
  3. Esercitarsi soprattutto per quella distanza con gli esercizi proposti nel video.

Buona visione.

Potrebbe interessarti anche

Le Arti Marziali Funzionano per la Difesa Personale?
21 Luglio 2017

Le Arti Marziali Funzionano per la Difesa Personale?

Le tecniche cosiddette scorrette ti potranno salvare in caso di aggressione? I corsi di difesa personale devono puntare su questi fattori o devono avere qualcosa in più?

Difesa Personale: Come Difendersi dai Calci Circolari Bassi
04 Gennaio 2016

Difesa Personale: Come Difendersi dai Calci Circolari Bassi

Come difendersi da un colpo comune quanto pericoloso: il low kick

Al secondo posto dei colpi più usati, se lo contendono i diretti di mano ed i calci circolari bassi. Oggi ci sono tantissime persone in giro - complice la popolarità che hanno raggiunto oggi le MMA – che “hanno fatto un po’ di arti marziali”, quindi possono essere tanti quelli che con un po’ di allenamento e di condizionamento hanno imparato a tirare con potenza il colpo più devastante con le gambe: il “low kick”.

Ultimi post pubblicati

Brazilian Jiu Jitsu Kids
20 Gennaio 2019

Brazilian Jiu Jitsu Kids

Fa Davvero Bene Ai Bambini?

Il bjj è perfetto per i bambini e le bambine perché in giovane età gli effetti positivi sul corpo e sulla mente sono amplificati; in più al gioco si unisce un sistema di autodifesa non violento, immediato e completo. In poco tempo i bambini aumenteranno la loro forza negli arti e nel tronco, la schiena e le articolazioni si rinforzeranno e diventeranno più flessibili, aumenterà la loro coordinazione e sia l’apparato respiratorio che quello cardiocircolatorio ne trarranno beneficio.

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger
20 Gennaio 2019

Terminator 6 con Arnold Schwarzenegger

La nuova storia si collegherà direttamente a T2, aprendo a un interessante (e non di poco conto) interrogativo: come sarà risolto il "problema età" di Arnold? Quando Arnold Schwarzenegger ha girato Terminator 2 - Il Giorno del Giudizio aveva 44 anni. Oggi l'attore ne ha 71 anni già compiuti e, per quanto se li porti benissimo, il suo aspetto è (inevitabilmente) diverso da quello che aveva nel 1991. Ma a quanto pare, la cosa non preoccupa James Cameron.