Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Esercizi Per La Muay Thai

data di redazione: 08 Settembre 2016 - data modifica: 29 Aprile 2019
Esercizi Per La Muay Thai

Esercizi Per La Muay Thai

Buakaw è un celebre campione di Muay Thai e nell'articolo Allenamento e Dieta, avevamo descritto a grandi linee il suo programma di allenamento generale. 

In questo articolo, corredato da tutorial video, vi proporremo 4 esercizi da effettuarsi con le rubber band o big tubing per migliorare la potenza dei colpi. 

La maggior parte della potenza dei colpi delle varie arti marziali deriva dalla rotazione dei fianchi e dalla connessione di tutto il corpo nell'esprimere il gesto tecnico.

In quasi tutte le arti marziali si consiglia di ruotare i fianchi per produrre maggiore potenza, per sferrare un colpo da ko. 

Quindi bisogna dimenticarsi di deltoidi, bicipiti e tricipiti, come anche di quadricipiti e polpacci visti come singoli muscoli per effettuare una determinata tecnica di calcio o pugno. 

Se si vuole veramente dare potenza bisogna abituarsi a ruotare i fianchi mentre si colpisce, con energia e velocità ed usare tutto il corpo per sferrare un colpo.

1 Esercizio

Low o Middle Kick con Rubber Band o Big Tubing

  • Ancorate la gamba che lavora ad una cavigliera solida
  • Collegate la cavigliera ad un big tubing o rubber band
  • Collegate a sua volta il big tubing o rubber band ad una spalliera
  • A questo punto o con un compagno che gestirà i colpitori o davanti ad un sacco, effettuate 4 o 5 sere per gamba di low kick, mixati a middle kick
  • Consigliamo di effettuare prima le serie di una gamba e poi di passare all'altro arto.

2 Esercizio

Front Kick con Rubber Band o Big Tubing

  • Vale lo stesso discorso effettuato per il low o middle kick, in questo caso effettuerete però dei calci frontali.

3 Esercizio

Spacca Legna con Elastico

  • Collegate un elastico ad una spalliera all'altezza delle vostre spalle
  • Posizionate ad una estremità una maniglia per avere un appiglio solido
  • Afferrate la maniglia, mettetevi lontano dalla spalliera, con una spalle rivolta verso il fulcro da dove origina la resistenza
  • Mettetevi in guardia con una gamba leggermente in avanti
  • Iniziate ad effettuare delle torsioni
  • Consigliamo 4-5 serie per lato

4 Esercizio

Diretto con Resistenza

  • Collegate un Big Tubing o Rubber Band ad una spalliera
  • Mettetevi in guardia
  • Se siete destri, mettete la gamba sinistra leggermente in avanti
  • Ora con il braccio destro, sferrate dei diretti con la resistenza elastica, cercando di usare tutti i muscoli del corpo interessati da tale gesto.

Alla fine di un workout simile è utile provare le tecniche effettuate senza resistenza, vedrete che sarete più veloci e potenti.

Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Allenamento al sacco nel Wing Chun
02 Ottobre 2014

Allenamento al sacco nel Wing Chun

Allenarsi al sacco nelle arti marziali non sportive

Oggi non avete il compagno di allenamento che vi tiene i colpitori? Oppure il vostro uomo di legno è lontano? Avere un buon sacco in cantina o in mansarda è una buona strategia di allenamento

Il Collo negli Sport Da Combattimento
19 Gennaio 2019

Il Collo negli Sport Da Combattimento

Affina le tue abilità difensive irrobustendo i muscoli del collo

Se rinforzi i muscoli del collo sarai in grado di creare una sorta di resistenza quando incassi i pugni? Sì, perché mentre puoi migliorare le tue capacità difensive lavorando sulla tecnica la velocità e la resistenza, lavorando sui muscoli del collo puoi migliorare la tenuta per i colpi che arrivano al mento.

Ultimi post pubblicati

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.

Tricipite Brachiale
15 Luglio 2019

Tricipite Brachiale

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo tricipite brachiale è il principale mu­scolo estensore dell’avambraccio e, per mezzo del capo lungo, promuove una adduzione dell’omero. È formato da tre parti denominate capo lungo, capo laterale e capo mediale.