Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Kenpo cinese

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Il Kenpo cinese

Nel panorama marziale il Kenpo è considerato un sistema flessibile ed innovativo.

Il Kenpo cinese all'interno delle arti marziali è considerato un sistema flessibile ed innovativo. Kenpo significa "continuità ed economia di movimento". La parola "Y" per esempio (blocca e colpisci) non esiste nel suo vocabolario. Le tecniche devono avere la stessa continuità e fluidità dell'acqua che cade in un bicchiere, senza alcun movimento statico.

 

Se ci muoviamo in linea retta e incontriamo resistenza, la traiettoria diventerà circolare e viceversa. All'interno di questa continuità, i movimenti si suddividono in "maggiori" e "minori". I "minori" sono quelli che interdicono e rompono le strategie dell'attaccante avversario momentaneamente, e vengono prima dei "maggiori", che agiscono al cento per cento. L'energia impiegata è quindi "intermittente". Il Kenpo parte dalla realtà, nella quale non esistono due situazioni uguali. E' per questo che il sistema è libero nel pensiero e nell'azione: si adatta alle circostanze.

Si tratta di trasformare reazioni naturali (in genere non efficaci nella maggior parte dei casi di aggressione) in valide strategie di difesa.

Prevenire le reazioni ritardate o sconosciute di colui che attacca fa parte di queste strategie.

 

Esercitando questa facoltà, attraverso l'arte marziale, il praticante di Kenpo svilupperà qualità ed attitudini positive: disciplina, coraggio, sicurezza, domiomio sulle azioni e soprattutto umiltà. Potrebbe sembrare un ritratto utopistico: tante qualità concentrate in una persona! E' certamente difficile, ma l'obiettivo rimane quello di poterle sviluppare. Il programma completo per cintura nera di Kenpo comprende duecentotrentaquattro tecniche o sequenze di difesa personale.

 

Esse comprendono prese, colpi, spinte, calci, lussazioni, ecc., e includono attacchi con o senza armi e difese contro vari avversari, tutte le tecniche sono definite e descritte con una frase composta di due parti:

  • la prima, ad esempio "martello protettivo", si riferisce naturalmente a questa tecnica.
  • la seconda definisce l'attacco da evitare;per fare un esempio, "parata contro gancio sinistro".

 

Si può affermare che le tecniche di difesa sono l'essenza del Kenpo.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Sport da Combattimento - Preparazione Fisica e Tecnica
30 Ottobre 2017

Sport da Combattimento - Preparazione Fisica e Tecnica

Programmazione Annuale e Settimanale del Team Lottatori Cesena

Articolo dedicato alla preparazione annuale e settimanale di un team di lottatori. Nel periodo agonistico pre-competizione, dove gli atleti sono sottoposti a cali di peso, per rientrare in categoria, bisogna effettuare un allenamento pesi per mantenere lo stato di forza acquisito nella fase iniziale dell'anno.

Il paradosso spirituale dell’ipocrisia marziale
20 Marzo 2019

Il paradosso spirituale dell’ipocrisia marziale

Le arti marziali ed il praticante medio di oggi. Oggi le arti marziali si praticano per puro divertimento, per tenersi in forma e anche per imparare allo stesso tempo a difendersi. Siccome non è più una necessità primaria, perché nei paesi civili, l’autodifesa è in teoria delegata al servizio pubblico, la validità o meno del metodo che si pratica non è sempre comprovata. Ed ecco che l’ipocrisia dilaga.

Ultimi post pubblicati

Braccia Enormi con i Migliori Esercizi Base
21 Febbraio 2020

Braccia Enormi con i Migliori Esercizi Base

Se volete aumentare le dimensioni dei vostri bicipiti, allora allenate duramente i dorsali, e se volete aumentare le dimensioni dei vostri tricipiti dovete allenare duramente pettorali e deltoidi con gli esercizi di distensione.

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali
19 Febbraio 2020

I Migliori Esercizi Per Cosce Grosse e Funzionali

I muscoli delle gambe sono tra i più voluminosi, affamati di ossigeno e forti che abbiamo nel corpo. Allenarli coinvolge rapidamente la respirazione e il metabolismo. L'allenamento funzionale impiega i movimenti tipici pionieristici: accosciate, piegamenti braccia, piegamenti gambe, salti e tutte le forme di trazione.