(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il kyudo

data di redazione: 27 Febbraio 2015
Il kyudo

L’arte marziale più “meditativa”

Fra tutte le arti guerriere giapponesi il Kyudo, la “via dell’arco”, è la più meditativa; è quella che meglio permette di allontanare il proprio “io” dall’arma, è estremamente introiettiva.

 

L’arco nacque circa tremila anni fa; in origine era costituito da un solo pezzo.

 

Circa mille anni fa, l’arco giapponese presentava già differenze fondamentali con gli archi cinesi o mongoli e anche con quelli occidentali; si differenziava per la sua asimmetria, non veniva impugnato al centro, ma nel terzo segmento inferiore, permettendo così il tiro a piedi e a cavallo. 

In seguito venne costruito con tre o più pezzi di bambù; con questo accorgimento l’arco acquistò una notevole potenza.

 

Le frecce, originariamente di bambù sono oggi in metallo; generalmente la punta da tiro è di forma ovale o lanceolata.

Per il piumato vi sono alcune differenze; infatti nella freccia comune è posto all’estremità posteriore, mentre la freccia per il tiro contro un Makiwara  (il bersaglio da allenamento), non lo ha: questo evita distrazioni e difficoltà nella prima fase d’apprendimento o nella pratica.

 

In Giappone, sia l’arco che la freccia possiedono un significato quasi sacro fin dai tempi più remoti, soprattutto nello scintoismo.

 

I primi passi dell’antica nobiltà giapponese erano diretti allo studio dell’arco a piedi e a cavallo, della spada e del ju-jitsu; l’arco, insomma, era parte integrante del “Kunshi no michi”, cammino del nobile.

L'arco oggi

Quest’arma, al giorno d’oggi, è lunga da 2,21 metri a 2,27 metri; la freccia si misura estendendo il braccio sinistro all’altezza della spalla con le dita distese, dal pomo d’adamo fino all’estremità.

Altro elemento indispensabile è il guanto; si usa solo sulla mano destra nel tiro con l’arco a piedi, nello “Yabusame”, tiro a cavallo, i guanti sono due, uno per ogni mano.

Nel pollice del guanto va messo un anello di corno o di giada, con una scanalatura alla quale si aggancia la corda dell’arco che agevola il movimento delle mani.

 

In Giappone esistono i gradi divisi in kyu o principianti e Dan o esperti, così come in quasi tutte le arti marziali.

Si apprende il cammino nei Dojo e l’insegnamento differisce da scuola a scuola; un esempio è costituito dalla scuola cerimoniale di arco, chiamata Ogasawara.

 

È il Dojo più conosciuto e frequentato in Giappone oggi sebbene coesista con altre scuole di tipo militare, come la Heki, dove la tensione della corda è veloce e si solleva l’arco verso il bersaglio senza superare la spalla.

Un’altra delle scuole più antiche è la Chyakurin ryu, della quale è rimasto un solo maestro in tutto il Giappone, Sagao Endo.

Ci sono due modi per lanciare: in piedi e inginocchiato, appoggiando il peso del corpo sul ginocchio e sull’altro piede.

 

Buon allenamento da ABC

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Le Opinioni di Bruce Lee sulle Arti Marziali
02 Ottobre 2014

Le Opinioni di Bruce Lee sulle Arti Marziali

Opinione sulla differenza tra boxe cinese e boxe occidentale

Quando gli occidentali parlano di combattimento, in genere parlano di sport con regole, categorie di peso, noi orientali invece quando parliamo di combattimento lo intendiamo a 360° . Si può svolgere in qualsiasi luogo, senza regole e quindi per difendere la propria vita o quella altrui impariamo ad usare tutte le armi del nostro corpo. Se indossate un guanto, allora avete a che fare con delle regole, ma in strada non avrete guanti e non ci sono regole .

I Corsi di Arti Marziali fanno bene ai vostri bambini?
28 Agosto 2015

I Corsi di Arti Marziali fanno bene ai vostri bambini?

Facciamo bene a mandare i nostri figli, già a 6 o 7 anni ad un corso di arti marziali? La risposta di ABC.

Facciamo bene a mandare i nostri figli, già a 6 o 7 anni ad un corso di arti marziali? Questo è ciò che si chiede un genitore quando è in procinto di scegliere il "destino sportivo" del proprio pargoletto.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2