Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Potente Roundkick della Thai Boxe

data di redazione: 25 Settembre 2015 - data modifica: 01 Febbraio 2019
Il Potente Roundkick della Thai Boxe

I Calci Micidiali della Thai Boxe

Il Potente Roundkick della Thai Boxe

La boxe thailandese ha avuto un'esplosione di popolarità negli ultimi decenni, è uno sport da combattimento spettacolare ed assolutamente efficace.

Non c'è dubbio, che il movimento più caratteristico di quest'arte siano le tecniche di gamba, con calci micidiali eseguiti con uno stinco duro come l'acciaio (nel caso dei calci circolari), che se sferrati con tecnica e precisione si rivelano risolutivi.

Al contrario di quanto alcuni pensano, in competizione, in altri sport da combattimento tipo le Arti Marziali Miste, il calcio circolare comunemente utilizzato nella Thai si dimostra estremamente valido, sia questo basso, e quindi sferrato con l'intento di "paralizzare" la gamba colpita, sia alto, causando spesso il Ko dell'avversario.

Ciò che rende così pericoloso questo genere di calcio, è proprio il fatto che questo tipo di colpo viene portato con l'intento di attraversare il bersaglio, quindi genera una micidiale onda d'urto attraverso l'arto colpito, e anche quando l'impatto non causa una frattura vera e propria dell'osso della gamba può provocare però danni seri ai tessuti morbidi, quindi un danno ingente all'avversario.

Gli obiettivi dell'atleta di Thay Boxe

Alcuni criticano, a nostro avviso erroneamente, il roundKick Thailandese definendolo un calcio poco economico, con un tempo di esecuzione troppo lungo e pertanto facilmente intercettabile.

Vero è, che nel caso dei middle Kick, calci in genere ascendenti che colpiscono la guardia dell'avambraccio o mirano sotto il gomito, spezzando in alcuni casi le costole esposte, nelle MMA se ne vedono pochi, proprio per il fatto che persiste una seria possibilità di venire intercettato o peggio bloccato e di essere proiettati a terra, ma questo non vale per i low Kick e gli insidiosissimi High Kick, utilizzatissimi nelle arti marziali miste.

In alcuni casi i roundKick Thailandesi hanno una traettoria discendente e colpiscono la parte esteriore della gamba alle cosce, le anche e la vita, danneggiando il nervo sciatico e causando quindi la momentanea paralisi della gamba.

Gli obiettivi del Thay boxer sono le gambe, la sezione media ed in alcuni casi la testa, ma normalmente durante il match il combattente thay preferisce attaccare gli arti inferiori, in una sorta di studio dell'avversario, per poi spostarsi gradualmente verso l'alto.

Spesso, i roundKick sono indirizzati alla gamba di sostegno, e se ben assestato nella parte posteriore del ginocchio sbilancerà di fatto l'avversario dando al lottatore Thai l'opportunità di chiudere con una combinazione di braccia o peggio una terribile ginocchiata.

Un combattente Thai esperto sa quando, quali e come sferrare i calci, e con una velocità tale da sorprendere l'avversario, se tirarli diagonalmente, verso l'alto o verso il basso, sa utilizzare le variazioni di altezza dalle quali partono i calci stessi, sa quando doppiarli o metterli al momento giusto in combinazione con le tecniche di pugno.

La tecnica del roundkick

Un calcio tirato in modo corretto richiede anche di essere in grado di riguadagnare la giusta posizione se il calcio non colpisce l'avversario andando di fatto a vuoto e il peso del corpo deve essere trasferito al punto di impatto, ginocchio o tibia che sia.

Non è così facile come sembra saper tirare un buon calcio.

Ognuno assume la posizione più comoda per se stesso, ma per imparare su grandi linee l'impostazione e l'esecuzione di questo colpo micidiale cerchiamo di descriverla in alcuni punti principali:

  1. La posizione di partenza coincide con quella tradizionale della Boxe occidentale, con l'eccezione che il piede posteriore è puntato all'esterno con un angolo di circa 60° con quelo anteriore. Se si presenta un'apertura dal lato opposto, è necessario solamente cambiare l'appoggio, portandolo di fatto sull'altra gamba, per poi sferrare l'attacco.
  2. Le braccia. Il braccio sinistro disegna un cerchio, il destro spinge in avanti quindi si rovescia per complementare l'energia del calcio ed aiutare la ritrazione naturale della gamba.
  3. La parte superiore del corpo si inclina di 45° circa all'indietro, per difendere la testa da eventuali controtecniche dell'avversario.
  4. Quello che rende veramente insidioso il roundKick Thailandese è che possiede "una difesa" nell'attacco. Combina infatti un moto circolare con uno lineare; mentre la traettoria del calcio è circolare, il passo verso l'esterno a 45° sposta il corpo al di fuori di qualsiasi linea d'attacco dell'avversario.

Buon ABC Allenamento

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Aikido: Le Lesioni
21 Aprile 2015

Aikido: Le Lesioni

L’aikido è un’arte marziale che affonda le sue radici nella storia della cultura giapponese discendendo dall’antica tradizione dei samurai

L’aikido è un’arte marziale che affonda le sue radici nella storia della cultura giapponese discendendo dall’antica tradizione dei samurai. La sua realizzazione moderna è dovuta all’opera di Morihei Ueshiba (1883-1969), singolare figura di mistico e di poeta, che con spirito indomabile andò elaborando nel corso dell’intera vita una sintesi originale delle forme tradizionali di combattimento ricomponendole alla luce di una nuova filosofia.

Le Tradizioni Marziali Giapponesi
04 Dicembre 2018

Le Tradizioni Marziali Giapponesi

Il Giappone ha visto un sviluppo ed un cambiamento sostanziale nel corso dei secoli delle varie arti della guerra. Dall'uso delle svariati armi in combattimento come la spada, le frecce, l'alabarda, la baionetta e così via nello sviluppo della "mano nuda" in combattimento dopo la proibizione delle armi nel dicannovesimo secolo

Ultimi post pubblicati

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.