Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Pugilato Nelle Arti Marziali

data di redazione: 06 Maggio 2016 - data modifica: 02 Febbraio 2020
Il Pugilato Nelle Arti Marziali

L'Arte di Tenere i Pads

Il Pugilato Nelle Arti Marziali

Il pugilato è l'arte marziale britannica specializzata nello sferrare i pugni e come arte è uno dei più complessi ed incompresi stili di combattimento. 

Il pugilato nasce come sport di difesa personale, e risulta essere il mezzo di difesa personale più antico al mondo, in quanto i pugni sono il primo istinto dell'uomo nella difesa personale stessa.

Era praticato già nell'Antica Grecia e nell'Antica Roma; i pugni erano fasciati con lunghe strisce di cuoio per proteggere le nocche in cui a volte venivano inserite anche placche di metallo. 

Nel XVIII secolo venne strutturato affinché si potesse praticare a livello agonistico.

Nel XVIII secolo si vollero dare delle regole al pugilato al fine di farlo rendere un'attività sportiva. Nei primi anni del Settecento il pugile inglese James Figg (1695- 1740) concepì il pugilato come uno sport dove era più importante difendersi che attaccare. Lo stesso Figg fu il primo a definire il pugilato nobile arte.

I concetti ed i principi del pugilato li ritroviamo in moltissime arti marziali dove sono previste le percussioni. Se avete visto un allenamento di pugilato vi renderete conto che il maestro ha una grande maestria nel tenere i pads (colpitori) con i quali farà lavorare l'atleta con una serie di combinazioni miste.

Non sempre questa maestria la ritroviamo nel mondo delle arti marziali, ma l'arte di tenere i pads farà fare la differenza nell'apprendimento dell'allievo, quindi è fondamentale che un maestro o istruttore li sappia tenere, come anche gli allievi più anziani.

A differenza di ciò che si crede, i pads non sono solo uno strumento per colpire; tenere un pads è di per sé un'arte e per saperli tenere bisognerebbe avere l'umiltà di andare a scuola di pugilato come l'ultimo degli allievi ed imparare da un buon maestro di boxe.

Quando un maestro di boxe fa fare i pads, non li tiene come fossero due colpitori morti senza anima, si muove, effettuando una specie di sparring con l'allievo, facendolo allenare in maniera più realistica.

La persona che sostiene il pad deve guidare costantemente il movimento, la velocità, la tecnica, il timing del suo allievo.

La distanza ed il timing sono i principi più importanti per un buon uso delle mani. E' chiaro che bisognerà iniziare gradualmente prima con schemi prefissati, magari con solo un colpo e poi mano a mano bisognerà rendere più complesse e dinamiche le combinazioni.

In conclusione l'utilizzo dei pads:

  • Migliora le caratteristiche del colpo (tecnica, forza, velocità, resistenza, precisione, timing)
  • Migliora le capacità offensive (angoli, combinazioni)
  • Migliora le capacità difensive (spostamenti, schivate, blocchi ecc)
  • Migliora il footwork contro una persona reale (gioco di gambe, la strategia, lo stile e la tattica di combattimento
  • Migliora la coordinazione dei colpi
  • Migliora la fase di attacco e difesa contemporaneamente
  • Abitua a muoversi con un avversario vero che si muove
  • Il Maestro può ottenere numerosi feedback dagli allenamenti
  • Permette di adattarsi a tutti gli stili
  • Permette combinazioni miste pugni, ginocchiate, gomitate e calci.
  • E' divertente e stimolante
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Pliometria e Arti Marziali
13 Aprile 2015

Pliometria e Arti Marziali

Linee guida generali per un buon esercizio della pliometria

L’esecuzione di esercizi pliometrici per le arti marziali serve ad aumentare la potenza esplosiva, la velocità e la capacità di cambiare direzione rapidamente. Eseguiti da soli, gli esercizi pliometrici hanno un’efficacia limitata; infatti essi sono particolarmente utili quando vengono eseguiti in combinazione con un programma di allenamento della forza. Linee guida generali.

The Protector - La legge dei Muay Thai
23 Gennaio 2019

The Protector - La legge dei Muay Thai

Tony Jaa, al secolo Panom Yeerum, ha cominciato a praticare Mae Mai Muay Thai a 6 anni, e crescendo ha poi approfondito l'essenza del Thai, studiando Muay Kard Chiek, Krabi Krabong e i vari Wai Kru e Ram Muay.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.