(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il "do"

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 30 Settembre 2014
Il "do"

Nelle arti marziali giapponesi significa la"via", il percorso personale di ogni praticante

Esiste un termine, comune a tutte le arti marziali giapponesi, che debitamente analizzato sottolinea la loro differenza da qualunque genere di disciplina.

Questo ternine è "do", le la sua traduzione, "via" o "cammino", permette d'intuire il perché non basta imparare ad eseguire meccanicamente dei movimenti per capire il signficato profondo di queste arti, nelle quali la tecnica non deve assolutamente essere considerata la meta finale, ma soltanto un mezzo per raggiungerla.

 

L'acquisizione di questo concetto, tipico dello spirito orientale, basato sul pensiero Zen, ha permesso che le conoscenze si perpetuino e passino dal maestro all'allievo attraverso gli anni, con alcune variazioni tecniche, condizionate dalle peculiarità di ogni epoca, ma tutte accomunate da un'unica idea, la conoscenza delle cose nella loro essenza reale e di se stessi: ecco il vero obiettivo dello spirito di ogni arte marziale.

 

Si capisce meglio questo concetto attrverso i principi della filosofia Zen, che i maestri hanno inserito nelle arti marziali.

 

Così, concludendo, l'apprendimento di una disciplina e la conoscenza nel suo aspetto reale si ottengono solo attraverso l'intuizione, che può essere considerata la guida dell'individuo lungo il cammino sicuro.

Per questo il Maestro tende a coltivare questa personale intuizione e, vista l'impossibilità d'insegnarla, essendo diversa da individuo a individuo quindi assolutamente personale, secondo la particolare psicologia di ciascuno, ne facilita l'apprendimento provocando situazioni, normalmente violente sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico, che fanno agire, inconsciamente, all'interno del cammino; sarà poi l'allievo a seguirlo e a comprendere, o no, l'esperienza interiore che ha provato.

 

Intuizione e apprendimento devono sostenersi a vicenda, tracciando il cammino che solo con lo sforzo e la costanza si può seguire, per progredire nelle arti marziali e nella vita.

AIKIDO: LA VIA DELL'ENERGIA E DELL'ARMONIA

KARATE-DO: LA VIA DELLA MANO VUOTA

KENDO: LA VIA DELLA SPADA GIAPPONESE

Il Maestro, cioè colui che ha già percorso un bel pezzo di strada prima di te, ti indica la direzione: sta a te percorrere il tuo personale cammino.


Buon allenamento da ABC

 

 

 

 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Perché allenarsi con i Pesi nelle Arti Marziali
23 Giugno 2017

Perché allenarsi con i Pesi nelle Arti Marziali

Motivazioni oggettive sull’utilizzo dei pesi nelle discipline di combattimento

Tantissimi artisti marziali dedicano gran parte del loro tempo, dei loro sforzi e della loro concentrazione nello sviluppo dell’abilità tecnica. Quanto conta la forza sviluppata con il lavoro in sala pesi?

Il paradosso spirituale dell’ipocrisia marziale
06 Marzo 2016

Il paradosso spirituale dell’ipocrisia marziale

Le arti marziali ed il praticante medio di oggi. Oggi le arti marziali si praticano per puro divertimento, per tenersi in forma e anche per imparare allo stesso tempo a difendersi. Siccome non è più una necessità primaria, perché nei paesi civili, l’autodifesa è in teoria delegata al servizio pubblico, la validità o meno del metodo che si pratica non è sempre comprovata. Ed ecco che l’ipocrisia dilaga.

Ultimi post pubblicati

SIT UP SU PANCA INCLINATA
19 Settembre 2018

SIT UP SU PANCA INCLINATA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

CRUNCH SULLA PANCA
19 Settembre 2018

CRUNCH SULLA PANCA

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.