Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il "do"

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 30 Settembre 2014
Il "do"

Nelle arti marziali giapponesi significa la"via", il percorso personale di ogni praticante

Esiste un termine, comune a tutte le arti marziali giapponesi, che debitamente analizzato sottolinea la loro differenza da qualunque genere di disciplina.

Questo ternine è "do", le la sua traduzione, "via" o "cammino", permette d'intuire il perché non basta imparare ad eseguire meccanicamente dei movimenti per capire il signficato profondo di queste arti, nelle quali la tecnica non deve assolutamente essere considerata la meta finale, ma soltanto un mezzo per raggiungerla.

 

L'acquisizione di questo concetto, tipico dello spirito orientale, basato sul pensiero Zen, ha permesso che le conoscenze si perpetuino e passino dal maestro all'allievo attraverso gli anni, con alcune variazioni tecniche, condizionate dalle peculiarità di ogni epoca, ma tutte accomunate da un'unica idea, la conoscenza delle cose nella loro essenza reale e di se stessi: ecco il vero obiettivo dello spirito di ogni arte marziale.

 

Si capisce meglio questo concetto attrverso i principi della filosofia Zen, che i maestri hanno inserito nelle arti marziali.

 

Così, concludendo, l'apprendimento di una disciplina e la conoscenza nel suo aspetto reale si ottengono solo attraverso l'intuizione, che può essere considerata la guida dell'individuo lungo il cammino sicuro.

Per questo il Maestro tende a coltivare questa personale intuizione e, vista l'impossibilità d'insegnarla, essendo diversa da individuo a individuo quindi assolutamente personale, secondo la particolare psicologia di ciascuno, ne facilita l'apprendimento provocando situazioni, normalmente violente sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico, che fanno agire, inconsciamente, all'interno del cammino; sarà poi l'allievo a seguirlo e a comprendere, o no, l'esperienza interiore che ha provato.

 

Intuizione e apprendimento devono sostenersi a vicenda, tracciando il cammino che solo con lo sforzo e la costanza si può seguire, per progredire nelle arti marziali e nella vita.

AIKIDO: LA VIA DELL'ENERGIA E DELL'ARMONIA

KARATE-DO: LA VIA DELLA MANO VUOTA

KENDO: LA VIA DELLA SPADA GIAPPONESE

Il Maestro, cioè colui che ha già percorso un bel pezzo di strada prima di te, ti indica la direzione: sta a te percorrere il tuo personale cammino.


Buon allenamento da ABC

 

 

 

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Storia del judo
02 Ottobre 2014

Storia del judo

L’arte della cedevolezza nacque in giappone nel XIX secolo

Il Judo ha origine dal ju-jitsu ed è un’arte marziale giapponese ed è stato concepito e sviluppato  da un praticante di jujitsu: Jigoro Kano; l’ideogramma Ju significa cedevolezza, armonia e adattabilità, e rappresenta la possibilità di non opporre resistenza fisica sfruttando quindi la forza che ci viene opposta contro il nostro avversario. 

Allenamento Al Sacco Pesante: 7 Suggerimenti Per Prevenire Gli Infortuni
20 Agosto 2016

Allenamento Al Sacco Pesante: 7 Suggerimenti Per Prevenire Gli Infortuni

Allenarsi al sacco pesante dà soddisfazione ed esprime potenza, ma è anche un attrezzo che procura facilmente infortuni alle mani ed alle spalle. Ecco come evitarli.

Il sacco pesante è un’attrezzatura necessaria per la maggior parte dei combattenti o artisti marziali, (praticanti di boxe, thai boxe, Kung Fu, Wing Chun, Wing fight), ma è anche una fonte di tanti infortuni; infortuni che a volte potrebbero essere evitati. Ecco come fare.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.