(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Karate - Do, Le Spazzate

data di redazione: 01 Novembre 2015
Karate - Do, Le Spazzate

Tecniche di spazzata come attacco e come contrattacco

Nel Karate oltre ai pugni e ai calci ci sono altre tecniche, che ci permettono di chiudere la distanza e di aprirci la strada per portare un attacco definitivo e risolutivo. Una di queste tecniche è proprio la spazzata.


Durante un combattimento lo squilibrio parziale o totale dell'avversario, infatti, può risultare determinante ai fini dell'esito finale, se chi lo provoca sa approfittare della situazione e concatenarci una tecnica adeguata.

Le spazzate, nel Karate, raggiunsero il massimo splendore quando la strategia posizionale era molto statica e nei combattimenti si affrontavano atleti di pesi differenti.


Al giorno d'oggi, dove tutti i combattimenti sono regolati da categorie di peso e per cinture, vi è l'opportunità di applicare e migliorare tali tecniche in "scontri" non collaborativi, e quindi perfezionarsi con la pratica.


La spazzata è una tecnica che possiamo utilizzare per scopi diversi, ovvero come:

  • attacco iniziale, per squilibrare l'avversario
  • come contrattacco, per far cadere il nostro avversario mentre ci attacca


LA SPAZZATA DA ATTACCO


Ovviamente è sempre un genere di attacco che pretende determinazione e velocità, perchè data la distanza ravvicinata con l'avversario rimane una tecnica assai rischiosa.


Quando ci troviamo di fronte al nostro avversario
, approfittiamo dell'effetto a sorpresa per agganciare con il nostro piede quello dell'avversario per squilibrarlo, permettendoci di attaccare così dentro la sua guardia aperta.

È chiaro che la decisione deve essere presa all'istante, l'opportunità di mettere in pratica questa tecnica deve essere presa al volo quando si presenta l'occasione giusta e quindi le condizioni favorevoli, e in questo caso fa la differenza la preparazione tecnica e l'esperienza del Karateka.


In altre occasioni, questa tecnica può essere portata più profonda e potente, provocando di fatto la caduta dell'avversario, permettendoci di portare a termine il nostro attacco prima che egli tocchi terra.


Per ottenere maggiori possibilità di successo
, la spazzata può essere effettuata dopo aver "fintato" altri attacchi, per ingannare e confondere il nostro avversario, e possiamo effettuarla sia con l'interno che con l'esterno del piede.


LA SPAZZATA DA CONTRATTACCO


Per utilizzare la spazzata sul contrattacco dell'avversario è necessario che il Karateka abbia una buona preparazione, proprio in ragione del fatto che il tempismo e la perfezione della tecnica in questo caso giocano un ruolo fondamentale.

Mentre il nostro avversario avanza per portare il suo attacco è possibile quindi farlo cadere tramite la tecnica della spazzata, schivando il suo attacco e cavandogli l'appoggio del piede al momento giusto.


Questo sistema di contrattacco richiede una grande precisione, proprio per il fatto che non siamo noi a decidere il momento a priori, ma dobbiamo prendere letteralmente l'occasione "al volo" durante il suo attacco.

Per questa ragione è determinante la nostra capacità decisionale. Il nostro piede, in pratica, sposta quello del nostro avversario prima che questo raggiunga l'appoggio, nella stessa direzione in cui si sta dirigendo.


La schivata, è fondamentale che sia effettuata in direzione del lato esterno dell'attaccante, proprio per evitare un suo ulteriore attacco nel caso la nostra tecnica di spazzata non andasse a buon fine.


Nel momento in cui il nostro avversario avanza per portare a termine il suo attacco, ruotiamo quindi all'indietro e spazziamo con la nostra gamba avanzata, rendendo la nostra tecnica di spazzata fulminea e imprevedibile.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Tameshi Wari
17 Marzo 2015

Tameshi Wari

Prove di rottura

Le prove di rottura costituiscono un tema in un certo senso conflittuale, riunendo un fattore “folkloristico” con la difficoltà tecnica, data l’esistenza di fattori condizionanti che obbligano l’esecutore ad operare di fronte ad un pubblico profano e desideroso di stupirsi. Le rotture di tavolette in legno e altri materiali hanno una gran quantità di detrattori, a causa dei danni derivati dalla continuità dei micro-traumi e per lo sviluppo dell’immagine sportiva del Karate. Nella pratica normale sono quasi totalmente cadute in disuso, rimanendo in alcune esibizioni.

Aikido
01 Ottobre 2014

Aikido

Dal punto di vista fisico, l'Aikido è un semplice supporto che ci permette di conoscere meglio la nostra dinamica corporea, dal punto di vista spirituale invece questa disciplina guarda all'uomo come un tutto, per cui se si vincono con la pratica certe barriere fisiche, si riesce a percepire un movimento interno a noi e a tutti i livelli si sperimenta un vissuto positivo.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.