(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Kendo e Attrezzatura

data di redazione: 21 Gennaio 2015
Kendo e Attrezzatura

Come bisogna attrezzarsi per la pratica

All’inizio, l’apprendimento del kenjutsu si faceva con autentiche sciabole e senza protezione, il che lo rendeva pericoloso. La sua filosofia di combattimento non si fondava certo sulla sicurezza del praticante.

Non era strano che nel praticare o realizzare i kata, i praticanti, insegnanti e alunni si ferissero a  volte anche gravemente.

Così, vari insegnanti dell’epoca Edo (1603-1867), tra cui Toranishi Kanshin e Ono Tadake, cominciarono ad usare un’armatura di protezione. Quest’armatura si ispirava a quelle utilizzate dai samurai ed era formata da un elmetto ed altri pezzi di cuoio, metallo e bambù, per proteggere la testa, il petto, il busto e le braccia.

 

Evoluzione delle protezioni in allenamento

Questa corazza si è andata perfezionando a poco a poco fino ad arrivare alla moderna attrezzatura, che è formata da un elmetto protettivo per la testa (men) costituita da una maschera di rete di ferro con faldoni laterali fortemente imbottiti e da una protezione rigida per la gola.

Il busto (do), molto resistente, rivestito esternamente o internamente si bambù protegge il torace.

Una gonnellina corta (tare) imbottita copre il basso ventre e il bacino; le mani e i polsi vengono protetti da pesanti guanti imbottiti (kote).

Il maestro Ono aveva inventato anche una sciabola di bambù (Shinai), che è stata perfezionata e viene oggi usata in gare e allenamenti.

È stato uno degli alunni del maestro Ono, di nome Chuta Nakanishi, a realizzare il Kote verso il 1750 e a perfezionare il Shinai. Lo stesso Nakanishi fondò una scuola dove utilizzò questi accessori, ottenendo risultati spettacolari tra i suoi alunni, dato che con l’armatura e il Shinai è possibile colpire e attaccare senza paura di farsi male, raggiungendo velocità e tecnica in poco tempo.

Questo successo fa sì che pian piano le altre scuole giapponesi adottino il Shinai, dopo essersi dimostrate reticenti.

Il Shinai è una sciabola formata da 4 lame di bambù unite alle estremità da 2 pezzi di pelle, uno piccolo sulla punta e uno più grande sul manico. Ha inoltre una guaina rotonda di caucciù o tsuba.

L’essere formato da 4 lame gli permette di diminuire la potenza nel colpo, rendendolo quindi meno pericoloso. È anche più flessibile e, a seconda del suono che emette, l’arbitro di un incontro può giudicare la validità e la purezza del colpo.

I pesi e le misure regolamentari dei shinai sono:

  • Bambini: inferiore ai 112 cm. di lunghezza massima e tra i 375 e i 450 gr. di peso circa.
  • Ragazzi: inferiore ai 115 cm. di lunghezza e tra i 450 e i 485 gr di peso.
  • Adulti. Inferiore ai 118 cm. di lunghezza e tra i 485 gr di peso minimo.

 

Sotto l’attrezzatura protettiva, il praticante di Kendo indossa un hakama o gonna-pantalone molto ampia a pieghe e un kendogi o casacca simile a quella di judo, ma di un tessuto più leggero. In testa, sotto il men si mette un copricapo di cotone.

Infine per i kata si usa una sciabola di legno duro chamata boken, simile alla katana.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

L'Origine delle Arti Marziali: provengono proprio tutte dall'Oriente?
05 Febbraio 2019

L'Origine delle Arti Marziali: provengono proprio tutte dall'Oriente?

La filmografia degli ultimi decenni ci ha fatto credere che la culla delle arti marziali abbia esclusivamente "gli occhi a madorla". Recenti studi e documenti storici hanno dimostrato che non è proprio così

Take down
02 Ottobre 2014

Take down

Una delle azioni più usate nelle arti marziali moderne. Ecco perché

Il Take down gioca un ruolo fondamentale in sport da percussione quali l'MMA, ma anche in altri sport di contatto come il Grappling, Brazilian Ju jitsu e la lotta libera

Ultimi post pubblicati

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE
17 Febbraio 2019

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE

Consigli sugli errori da non fare e gli accorgimenti da adottare

Le gomitate sono un tema scottante per la difesa personale, e se vuoi dei consigli per tirarla in modo efficace trovi un video esplicativo in coda all’articolo.

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero
17 Febbraio 2019

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero

Il digiuno, la riduzione o l'astinenza dal consumo di cibo, è una pratica alimentare che è stata usata fin dall'antichità per vari scopi: religiosi, sanitari e fisici finalizzati a migliori performance in combattimento. La Warrior Diet o dieta del guerriero (avente similitudini con la Paleo Diet) nasce a seguito di uno studio delle abitudini alimentari dei guerrieri dell'antica Roma, e in generale degli uomini dell'età della pietra.