ABC Allenamento
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Kenpo o Kempo?

data di redazione: 30 Dicembre 2014
Kenpo o Kempo?

Come si scrive? Oppure sono due stili differenti?

Di solito ci si pone questa  domanda: "Qual è la giusta denominazione, Kempo o Kenpo?".

La risposta è: "tutti e due, e nessuno dei due".

 

Filosofia a parte cerchiamo di rispondere concretamente a questa domanda.

 

Cos’è il Kenpo o Kempo

 

Kenp - (letteralmente "legge del pugno"). Kenp, noto anche come Kemp, è un ' termine comune giapponese usato per riferirsi alle arti marziali a mani nude, ed è talvolta usato come un termine generico per le arti marziali in generale. Traduzioni tipiche possono essere "i principi del pugno", "via del pugno", o "la forma pugno".

Kenpo è tipicamente definito come arte marziale giapponese che utilizza in particolare

  • colpi
  • sottomissioni
  • atterramenti.

 

Ora torniamo alla questione principale

Come sulla diatriba sul Wing chun, nelle traduzioni delle lingue ad ideogrammi come il cinese ed il giapponese c'è sempre la possibilità di confusione sull’ortografia e sulla pronuncia di queste parole quando sono tradotte in italiano o in inglese.

È la stessa cosa anche per la parola Kenpo, o Kempo.

Gli ideogrammi, presi separatamente, il primo carattere, "Ken", significa pugno, mentre il secondo, "ho" significa legge. Leggerli insieme in una sola parola, può essere traslitterato come sia "Kenpo" o "Kempo".

Confuso? Non dovrebbe a questo punto tradursi in "Ken-ho"?

 

Non è nostra intenzione di spiegare tutti gli aspetti tecnici della lingua giapponese. Non riesco nemmeno a tenere il passo con tutte le regole dell’italiano, figurati una lingua straniera, di oltreoceano addirittura. Basti dire, che quando i caratteri sono messi insieme per formare nuove parole, spesso il suono si modifica. Questo non dovrebbe essere un concetto difficile da comprendere in italiano come  in inglese. G ed N non fanno un suono diverso quando sono insieme (in castaGNa)?

 

Così, proprio come in italiano, le parole giapponesi non suonano sempre esattamente come sono scritte.

Come ho detto, non ho intenzione di spiegarvi come una "h" diventa una "p", e come una "n" diventa una "m". A questo punto dovrete fidarvi di me quando vi dico che il termine "Kenp" è l'ortografia corretta della parola che si pronuncia "Kemp". Pertanto,  sono entrambi forme accettabili di traslitterare il nome giapponese, e il significato non cambia; cambia leggermente nella pronuncia, se tu dici Kenpo, o Kempo.

Fatto? Bene! Ma, non siamo ancora finito...

 

Come abbiamo detto all’inizio, entrambi e nessuno dei due è corretta…. cosa voglio dire con questo? Beh, finora abbiamo scoperto perché sono giuste entrambi,  ora dobbiamo capire perché ho detto “nessuna".

 

Se traslitteriamo fedelmente dal giapponese le parole "Kempo" e "Kenpo", dovremmo scrivere la “o” finale con una barra sopra. (Kenp o Kemp)

 

In pronuncia giapponese, questa barra è usato per indicare una vocale allungata, di solito una "o", o una "u". Tuttavia, questa "o" lunga in giapponese è più lunga della lunghezza italiana "o". In realtà, è quasi come dire il "o" due volte.

 

Non "oo", come in "cool" in inglese, ma in realtà "o-o".  Quindi, ora la parola giapponese che viene scritto come "Kenp", si pronuncia "Kempo-o". Tuttavia, un problema rimane ...

 

Nella tastiera non troviamo facilmente questo carattere nello scrivere in italiano. Se è vero che con il nostro pc è abbastanza semplice farlo, non tutti lo sanno, quindi è più semplice modificare l'ortografia semplicemente  scrivendo "Kenpo".

 

Fortunatamente, lasciando perdere la o allungata, dopotutto la pronuncia non cambia di molto.

 

Se vai in Giappone e chiedi informazioni sul Kenp, Kemp, Kenpo o Kempo, capiranno sicuramente quello che intendi quindi non c’è problema ad usare una o l’altra parola.

 

Conclusione

Concludendo, la cosa più importante è capire che Kempo e kenpo non sono diverse arti o stili, ma sono la stessa identica cosa, al massimo ci sono diverse scuole, o ryu, di Kenpo; ognuno con i propri concetti di strategia e tattica.

Il sostantivo più corretto è a questo punto Kenpo con la “n”.

 

Comunque agli occhi dei giapponesi, è tutto Kenpo!

 

 

Buon allenamento da ABC



Potrebbe interessarti anche

La Naginata
01 Ottobre 2014

La Naginata

Segreti e particolarità di questa forma di combattimento armata giapponese

Al pari di tutte le armi classiche giapponesi, la Naginata richiedeva una gran velocità di utilizzo e si usava alternando con rapidità l'uso della lama a quello dell'impugnatura o puntale. Esiste uns differenza tra l'uso dell'arma nell'antichità da quello della Naginata moderna...

Arti Marziali Cinesi: stili morbidi e stili duri
01 Ottobre 2014

Arti Marziali Cinesi: stili morbidi e stili duri

Cosa significa e cosa differenzia uno stile morbido da uno duro

A volte si sente parlare che gli stili morbidi non utilizzano la forza bruta per sconfiggere l'avversario e quindi è adatto a persone meno prestanti fisicamente; mentre gli stili duri sono quelli che hanno terreno fertile in persone forti fisicamente che sanno imporre la loro stazza fisica. In realtà il morbido e il duro non sono divisi da una barriera così netta

Ultimi post pubblicati

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural
16 Gennaio 2021

Il Segreto Del BodyBuilding Anche Natural

Vuoi Aumentare La Massa Muscolare e Costruire il Fisico Dei Tuoi Sogni?

Quando il muscolo viene chiamato ad un impegno super, sarà ovviamente richiesto un maggiore apporto di ossigeno e nutrienti per continuare a sostenere le contrazioni. Ed ecco il caro "pump".

Il Miglior Allenamento Per Rimettersi in Forma dopo le Feste
03 Gennaio 2021

Il Miglior Allenamento Per Rimettersi in Forma dopo le Feste

Il full body è un sistema di allenamento con lo scopo di coinvolgere, per ogni seduta di allenamento, più gruppi muscolari possibili. Questo permette di ottenere una crescita muscolare in maniera omogenea, rendendo il fisico molto armonioso poiché non trascura nessun gruppo muscolare in ogni seduta di allenamento.