(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

L’Allenamento a Intervallo per chi pratica arti marziali

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
L’Allenamento a Intervallo per chi pratica arti marziali

Programma studiato da Bruce Lee per migliorare la resistenza

L’Allenamento a Intervallo per chi pratica arti marziali

 

Bruce Lee, icona delle arti marziali mondiale, sosteneva che chi è in grado di combinare pugni, calci, lotta in tecniche sopraffine deve anche avere le energie per durare nel tempo per poterle renderle efficaci. Per ottenere miglioramenti in termini di resistenza fisica Bruce Lee consigliava di allenarsi a intervallo.

 

Con Allenamento ad intervallo non intendeva solo ripetute di corsa al parco, ma anche un lavoro di calci e pugni fondamentali nel combattimento. Bruce Lee ideò quindi un programma per migliorare le capacità e la condizione fisica necessarie per chi pratica arti marziali .

 

L’allenamento a intervallo consiste in scatti di esercizio intenso inframmezzati da brevi periodi di riposo, nei quali chi si allena si sposta da stazione a stazione per mantenere il sangue in circolo ed il battito elevato. Allenamenti simili sono ottimi sia a livello fisico che a livello di salute in quanto vengono allenati sia muscoli che organi interni come cuore e polmoni.

 

 

 

PROGRAMMA DI ALLENAMENTO A INTERVALLO

 

Ogni circuito del programma dura tre minuti, cioè il tempo di una ripresa di boxe per professionisti e di molte discipline di combattimento. I periodi di riposo durano solo un minuto, e cioè il tempo che un pugile ha a disposizione fra le riprese. Ecco qui di semguito il programma che Bruce Lee aveva ideato e preparato:

 

  • 30’ di Jogging alternato a sprint da un minuto – Fare 4’ corsa ed uno sprint da un minuto x 4 volte
  • 4 riprese da 3 minuti di kickboxing allo specchio, con combinazioni calci e pugni, i cosiddetti “vuoti”
  • 5 riprese da 3 minuti di kickboxing al sacco pesante, alternando lavori in velocità e lavori di potenza
  • 5 riprese da 3 minuti di salto alla corda
  • 2 riprese allo specchio di defaticamento di kickboxing a ritmo blando
  • Totale 1 ora e 20’ circa

 

Questo programma era stato realizzato da Bruce in persona che era un professionista, gli amatori dovrebbero togliere una ripresa da ogni stazione e fare 20 di jogging in modo tale da rimanere nell’ora di allenamento o poco meno.

 

Per quanto riguarda l’allenamento pesi, Bruce Lee effettuava allenamenti che ora sarebbero all’avanguardia, ovvero allenamenti funzionali, per migliorare forza e resistenza, cercando di non allenarsi per troppo tempo ottimizzando il lavoro. Questo perché la sua preparazione era complessa e doveva dare spazio un po’ a tutto come accade oggi nelle moderne MMA.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

La Struttura di Base dell'Apprendimento nel JUDO
16 Aprile 2015

La Struttura di Base dell'Apprendimento nel JUDO

Come è organizzata una lezione base di Judo

Nella disciplina marziale del Judo il numero di lezioni, in genere, varia da 2 a 3 a settimana, mentre gli allenamenti per la preparazione alle competizioni sono più frequenti e hanno una durata un pò più lunga rispetto alla lezione canonica. Lo svolgimento della lezione dipende dalla scuola ma generalmente seguono una scaletta precisa

KUMDO - L'Arte Coreana della Spada
22 Settembre 2015

KUMDO - L'Arte Coreana della Spada

Storia e studio dell'arte della spada coreana

La spada lunga usata in quest'arte marziale è tendenzialmente dritta, mentre la Katana giapponese è leggermente arcuata. Esistono varie scuole di Kumdo, e sebbene ogni scuola insegni metodi diversi, ci sono alcuni elementi fondamentali comuni a tutte.

Ultimi post pubblicati

SIT UP MANO PIEDE ALTERNATI
16 Ottobre 2018

SIT UP MANO PIEDE ALTERNATI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Grande Pettorale
15 Ottobre 2018

Grande Pettorale

Origine, inserzione ed Azione

Il grande pettorale unitamente al muscolo piccolo pettorale, al muscolo succlavio e al muscolo dentato anteriore, costituisce i muscoli toracoappendicolari (muscoli estrinseci del torace).