Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Naginata

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
La Naginata

Segreti e particolarità di questa forma di combattimento armata giapponese

Antica forma di combattimento con una sorta di alabarda (la Naginata, appunto), impiegata dai samurai giapponesi come arma principale della fanteria prima della comparsa delle armi da fuoco e anche successivamente, era classificata come arma bianca, dalla lama lunga e ricurva e con una lunga impugnatura che ne consentiva l'uso contro un nemico a piedi o a cavallo.

 

Come ogni arma, la Naginata ha i suoi antenati ed uno sviluppo nel corso del tempo.

Coesistono due trorie sulla sua origine...

 

 

Secondo alcuni autori, deriva da un'arma cinese. Altri autori concordano su un particolare sviluppo dell'arma, descritto dagli antichi scrittori giapponesi, che parlano dell'idea di unire una spada ad un manico o impugnatura corta, ma più lunga di quello della classica spada chiamata Katana. Questa arma fu chiamata Nagamaki.

Nel corso del tempo, la Nagamaki, subì alcune trasformazioni, fu ridotta la guardia, che separava la lama dalla impugnatura, aumentate le dimensioni del legno e curvata di più la lama; nacque così la Naginata classica.

 

Come tutte le armi tradizionali giapponesi, questa alabarda richiedeva una gran velocità di impiego e si usava alternando con rapidità l'uso della lama, dell'impugnatura o del puntale.

 

Più tardi, in alcune scuole, per evitare lesioni provocate dall'uso dell'arma in mani inesperte, si realizzarono delle copie in legno della spada originale, per le esercitazioni pratiche e l'acquisizione delle tecniche, o per lo studio del combattimento.

In seguito fu creata la Naginata moderna (vedi foto a fianco), grazie alla sostituzione della lama con due pezzi di bambù opportunamente curvati per favorire i combattimenti ovi si pratica il contatto.

 

Attualmente, la Naginata ha un carattere ginnico-sportivo e formativo e, grazie alle nuove tecniche, la si può usare con o senza protezione, da soli o con un compagno. Ecco le tecniche e i tipi di allenamento della nuova Naginata.

  • Kihon: tecniche di base, avanzate e superiorei praticate individualmente.
  • Kata: tecniche per coppie.
  • Shiai: competizione.

Buon allenamento con ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Muay Thai, le 5 Gomitate di questa Potente Arte Marziale
27 Settembre 2015

Muay Thai, le 5 Gomitate di questa Potente Arte Marziale

5 Tecniche Devastanti della Muai Thay

È risaputo che le gomitate sono una delle armi più pericolose di cui disponiamo, spesso ritenute troppo lesive e quindi vietate di frequente nei combattimenti sportivi. Per i Thay Boxer diciamo che le gomitate sono il loro "asso nella manica", il loro colpo forte, e imparano ad utilizzarle in combattimento e di conseguenza a difendersi da esse.

La Struttura di Base dell'Apprendimento nel JUDO
16 Aprile 2015

La Struttura di Base dell'Apprendimento nel JUDO

Come è organizzata una lezione base di Judo

Nella disciplina marziale del Judo il numero di lezioni, in genere, varia da 2 a 3 a settimana, mentre gli allenamenti per la preparazione alle competizioni sono più frequenti e hanno una durata un pò più lunga rispetto alla lezione canonica. Lo svolgimento della lezione dipende dalla scuola ma generalmente seguono una scaletta precisa

Ultimi post pubblicati

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.