Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Naginata

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
La Naginata

Segreti e particolarità di questa forma di combattimento armata giapponese

Antica forma di combattimento con una sorta di alabarda (la Naginata, appunto), impiegata dai samurai giapponesi come arma principale della fanteria prima della comparsa delle armi da fuoco e anche successivamente, era classificata come arma bianca, dalla lama lunga e ricurva e con una lunga impugnatura che ne consentiva l'uso contro un nemico a piedi o a cavallo.

 

Come ogni arma, la Naginata ha i suoi antenati ed uno sviluppo nel corso del tempo.

Coesistono due trorie sulla sua origine...

 

 

Secondo alcuni autori, deriva da un'arma cinese. Altri autori concordano su un particolare sviluppo dell'arma, descritto dagli antichi scrittori giapponesi, che parlano dell'idea di unire una spada ad un manico o impugnatura corta, ma più lunga di quello della classica spada chiamata Katana. Questa arma fu chiamata Nagamaki.

Nel corso del tempo, la Nagamaki, subì alcune trasformazioni, fu ridotta la guardia, che separava la lama dalla impugnatura, aumentate le dimensioni del legno e curvata di più la lama; nacque così la Naginata classica.

 

Come tutte le armi tradizionali giapponesi, questa alabarda richiedeva una gran velocità di impiego e si usava alternando con rapidità l'uso della lama, dell'impugnatura o del puntale.

 

Più tardi, in alcune scuole, per evitare lesioni provocate dall'uso dell'arma in mani inesperte, si realizzarono delle copie in legno della spada originale, per le esercitazioni pratiche e l'acquisizione delle tecniche, o per lo studio del combattimento.

In seguito fu creata la Naginata moderna (vedi foto a fianco), grazie alla sostituzione della lama con due pezzi di bambù opportunamente curvati per favorire i combattimenti ovi si pratica il contatto.

 

Attualmente, la Naginata ha un carattere ginnico-sportivo e formativo e, grazie alle nuove tecniche, la si può usare con o senza protezione, da soli o con un compagno. Ecco le tecniche e i tipi di allenamento della nuova Naginata.

  • Kihon: tecniche di base, avanzate e superiorei praticate individualmente.
  • Kata: tecniche per coppie.
  • Shiai: competizione.

Buon allenamento con ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Scheda di Body Building  per le Arti Marziali
30 Giugno 2019

Scheda di Body Building per le Arti Marziali

Non è sempre facile coniugare 2 discipline sportive, effettuandole entrambi ad alti livelli. Se praticate arti marziali, il consiglio che possiamo darvi è quello di badare al sodo, effettuando routine brevi, esaustive con esercizi di sostanza.

Il Ninjutsu
02 Ottobre 2014

Il Ninjutsu

I Ninja preparavano le spie e gli agenti segreti giapponesi allo spionaggio e sabotaggio militare

L'allenamento dei Ninja iniziava molto presto, quando il bambino iniziava a muovere i primi passi. Venivano allenati anche sin da piccoli a sopportare torture in caso di cattura da parte del nemico. Era un sistema di addestramento duro e spartano con una formazione ampia e completa alla guerra

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.