Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La Struttura di Base dell'Apprendimento nel JUDO

data di redazione: 16 Aprile 2015
La Struttura di Base dell'Apprendimento nel JUDO

Come è organizzata una lezione base di Judo

LO STUDIO DEL JUDO, COME È STRUTTURATO L'APPRENDIMENTO DI QUESTA ARTE MARZIALE

 

Nella disciplina marziale del Judo il numero di lezioni, in genere, varia da 2 a 3 a settimana, mentre gli allenamenti per la preparazione alle competizioni sono più frequenti e hanno una durata un pò più lunga rispetto alla lezione canonica. Lo svolgimento della lezione dipende dalla scuola ma generalmente seguono una scaletta precisa:

 

IL SALUTO


All'inizio della lezione tra gli allievi e gli insegnanti o prima di ogni forma di studio o allenamento nella lotta a terra si esegue il saluto tradizionale in ginocchio, chiamato "Zarei". Invece prima di ogni forma o studio della lotta in piedi si esegue il "Ritsurei", il saluto tradizionale in postura eretta.

 

 

TECNICHE DI CONTROLLO E ROTTURA DELLA CADUTA


Sono lo studio degli "Ukemi Waza", in sostanza lo studio delle cadute di diversi tipi:


- la caduta all'indietro (Ushiro Ukemi)
- la caduta laterale, che si può eseguire su entrambi i lati (Yoko Ukemi)
- la caduta in avanti (Mae Ukemi)
- la caduta saltata o arrotolata, che si può eseguire su entrambi i lati e in avanti (Zempo kaiten Ukemi)

 

Sucessivamente il Maestro allenerà gli allievi e li guiderà nello studio dei fondamentali (Khion), che comprende:


- l'allenamento delle tecniche di proiezione (Nage Waza)
- l'allenamento delle tecniche di controllo (Osae Waza)
- l'allenamento delle tecniche di disarticolazione (Kansetsu Waza)
- l'allenamento delle tecniche di soffocamento (Shime Waza)

 

LO STUDIO DEI KATA


I Kata sono forme e sequenze di tecniche, insegnati nell'apprendimento avanzato, e sono fondati sui principi della disciplina stessa e sono:


- Nage no Kata (è la forma delle proiezioni)
- Katame no Kata ( è la forma del controllo)
- Kime no Kata (è la forma della decisione)
- Ju no Kata (è la forma dell'adattabilità)
- Koshiki no kata (è la forma antica dello stile)
- Itsutsu no Kata (è la forma dei 5 principi)
- Kodokan Goshin Jitsu (è la forma delle tecniche di difesa)
- Gonosen no Kata (è la forma dei contrattacchi)

 

STUDIO DEL COMBATTIMENTO


Copre una parte fondamentale della lezione anche l'allenamento al combattimento, talvolta isolato con sole tecniche di Nage Waza, cioè solo con tecniche di proiezione da in piedi (Randori), oppure con solo combattimento al suolo con tecniche di soffocamento e disarticolazione (Ne Waza).
Alla fine, si unisce tutto e si abbina la fase di lotta in piedi a quella a terra con le regole arbitrali, simulando la gara nel modo più realista possibile (Shiai).

 

SALUTO FINALE


Alla fine della lezione, rispettando la tradizione marziale si effettua il saluto finale (Zarei) tra gli allievi e il Maestro in segno di rispetto reciproco.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Le scuole di arti marziali di ieri e di oggi
01 Ottobre 2014

Le scuole di arti marziali di ieri e di oggi

Anticamente le arti marziali venivano praticate in circoli chiusi e praticamente inaccessibili ed era necessario, per potervi accedere, superare una serie di dure prove attitudinali. Il luogo destinato all’allenamento era all’aria aperta o veniva adattata la parte abitabile della casa che soddisfacesse alle esigenze di spazio, ventilazione e discrezione

Arti Marziali Cinesi: stili morbidi e stili duri
01 Ottobre 2014

Arti Marziali Cinesi: stili morbidi e stili duri

Cosa significa e cosa differenzia uno stile morbido da uno duro

A volte si sente parlare che gli stili morbidi non utilizzano la forza bruta per sconfiggere l'avversario e quindi è adatto a persone meno prestanti fisicamente; mentre gli stili duri sono quelli che hanno terreno fertile in persone forti fisicamente che sanno imporre la loro stazza fisica. In realtà il morbido e il duro non sono divisi da una barriera così netta

Ultimi post pubblicati

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.

Esericizi per la Parte Alta del Corpo - Upper Body
25 Giugno 2020

Esericizi per la Parte Alta del Corpo - Upper Body

Dopo l’esperienza di questa quarantena, stiamo riscoprendo gradualmente la bellezza e l’efficacia degli allenamenti a corpo libero. Nel precedente articolo ho introdotto quelli che secondo me sono degli ottimi esercizi a corpo libero per la metà inferiore del corpo (lower body), adesso mi occuperò della parte alta del corpo (upper body).