(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Laamb la Lotta Senegalese

data di redazione: 10 Dicembre 2014 - data modifica: 09 Dicembre 2014
Laamb la Lotta Senegalese
Denominato Laamb in lingua wolof letteralmente significa "lotta" e Lutte in lingua francese. In pratica è il wrestling senegalese che non è altro che uno stile di lotta tradizionale e molto popolare in Africa, il quale è lo sport nazionale del Senegal.
 
Storicamente questo stile di wrestling veniva utilizzato come forma di intrattenimento per passare il tempo durante il giorno nella stagione secca ed era anche un modo per corteggiare o impressionare le potenziali mogli e anche per risolvere in maniera maschia le controversie tribali.
 
La Lotta senegalese è uno dei pochi stili di wrestling africani che consente anche i colpi e con la sua recente popolarità, lo stile si è evoluto includendo tecniche di arti marziali provenienti dall'estero come il judo e karate e sport di combattimento come boxe e kick boxing.
 
Questo Sport è diventato popolarissimo in Senegal diventando lo sport più seguito surclassando anche il Calcio che in Senegal era molto seguito e praticato con eccellenti risultati. Questo per darvi l'idea di quanto è popolare il laamb in Senegal.
 

Caratteristiche del LAAMB - Lotta Senegalese

 
I M'burr (lottatori) vincono un incontro portando, proiettando l'avversario a terra, sia sulla loro schiena, ginocchia o spalle al di là di una certa zona.
I Lottatori indossano una specie perizoma o pantaloncini molto succinti e spesso indossano talismani e si ungono con pozioni definite magiche per aumentare la loro fortuna durante le gare.
 
Le tecniche impiegate non sono molto sofisticate, sono molto simili alla lotta occidentale, la recente introduzione di tecniche di altre arti marziali e stili pugilisti come il judo o la boxe devono essere ancora assimilate al meglio. Non hanno una tecnica sopraffina, ma i lottatori senegalesi hanno una tenuta fisica ed una forza sovrumana. Inoltre le condizioni economiche non di certo floride fanno sì che questi atleti durante gli incontri diano il 110% di loro stessi. 
 
I Wrestlers si allenano duramente ogni giorno, ed in genere usano movimenti funzionali per aumentare la forza, non sempre usando gli attrezzi convenzionali occidentali come bilancieri e le classiche piastre in ghisa ma spesso e volentieri usano il proprio peso corporeo effettuando trazioni, piegamenti ed accosciate a corpo libero o con qualche mezzo di fortuna come tronchi o massi pesanti.
 
Queste attività le effettuano di giorno perchè alla sera vanno in palestra ad affinare le tecniche lottatorie. Pertanto effettuare due allenamenti al giorno per loro è del tutto normale, se poi aggiungiamo che gli spostamenti tra un posto ed un altro vengono effettuati con mezzi pubblici, bicicletta e corsa vi fa capire quanto siano forti questi atleti. Altro che CORTISOLO! Sovrallenamento? Questi atleti ci fanno il bagno con il CORTISOLO!
Personalmente abbiamo conosciuto in palestra, un ragazzo senegalese che nel suo paese effettuava questo tipo di gare di lotta africana. Ci ha raccontato un pò come erano i suoi allenamenti in patria e come erano strutturate le palestre in Senegal.
 
In Senegal aveva praticato Karate, Boxe e Lotta e nonostante pesasse oltre i 110 kg per un 190 centimetri di altezza era slegatissimo e molto veloce portando calci ad altezza viso in un modo disarmante. 
 
Le palestre in Senegal da lui frequentate erano molto spartane ma nelle quali si potevano praticare un innumerevole stili di combattimento e quindi l'allievo a proprio piacimento poteva effettuare sia boxe (per i pugni), che karatè (soprattutto per i calci) che il Laamb (per la lotta) nonché allenarsi con i pesi per fortificare il fisico. Praticamente una sorta di MMA AFRICANA.
 
Gli allenamenti effettuati con i pesi erano incredibili, questo ragazzo si allenava sempre in Total Body 3 volte la settimana a giorni alterni e si allenava con poche alchimie, fronzoli e paranoie, effettuava Stacco, Squat, Panca Piana, Military press, Curl con bilanciere, trazioni alla sbarra e parallele. Era molto muscoloso, circa 110 kg di peso per un altezza di oltre 190 centimetri. Non vogliamo entrare nel merito dei carichi, ci soffermiamo nel dire che erano tutti a 3 cifre.
 
In Senegal è del tutto normale avere un simile ritmo di allenamento, per loro è un divertimento ed un modo per uscire dalla povertà. Abbiamo molto da imparare da questi atleti. Loro non hanno niente e con il niente diventano dei campioni.
 
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Sport Da Combattimento - Condizione Fisica Ottimale Vs Superallenamento
08 Gennaio 2017

Sport Da Combattimento - Condizione Fisica Ottimale Vs Superallenamento

Uno degli obiettivi più ambiti per qualsiasi atleta è quello di arrivare al momento della competizione al 100% in termini di condizione fisica, e per gli sport da combattimento non fa differenza. L'ultimo mese prima del match ci si allena duramente con sedute di sparring, allenamenti funzionali a circuito, corsa, ripetute, sedute per affinare la tecnica, ecc.

La Potenza della Mente negli Sport da Combattimento
22 Febbraio 2016

La Potenza della Mente negli Sport da Combattimento

Quanto conta e come allenare la mente per affrontare il combattimento

Ciò che spinge i principianti ad andare in palestra a sudare è il puro e semplice divertimento; è chiaro che è questa la loro motivazione, poi con il passare del tempo l'ambizione...

Ultimi post pubblicati

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso
15 Febbraio 2019

Il Miglior Allenamento Per Perdere Grasso

Programma di allenamento per dimagrire con esercizi di forza, cardio, protocolli HIIT e consigli alimentari perchè senza una buona alimentazione non si va da nessuna parte.

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti
14 Febbraio 2019

Riso Pilaf Con Frutta e Cipollotti

Il termine pilaf di per sè, contrariamente al significato che ha acquisito per metonimia in italiano e in altre lingue, non si riferisce al riso, ma alla maniera di cucinarlo: pilaf è la cottura del riso, non il riso in sè.
Preparazione: 30 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4