ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le 3 Parate del Taekwon-do

data di redazione: 27 Settembre 2015
Le 3 Parate del Taekwon-do

I metodi di deviazione e bloccaggio degli attacchi del Taekwon-do

Le parate, nel Taekwon-do, chiamate anche difese o blocchi, costituiscono la risposta immediata a ogni azione offensiva, per evitare che questa colpisca un punto vitale o una parte vulnerabile del corpo.

La precisione, ovviamente, nell'intercettare l'attacco è fondamentale.

Ogni parata, in anticipo o in ritardo rispetto all'attacco risulterebbe del tutto inefficiente.

Nel Taekwon-do moderno, soprattutto in quello agonistico, le parate sono sempre meno comuni, sostituite spesso da manovre evasive e spostamenti.

Le tecniche di parata, in questa arte marziale coreana, hanno la loro origine nello studio della scherma utilizzando però come lama l'avambraccio.

Questo sistema di scherma corporeo, che ha come obiettivo la deviazione della traettoria dell'attacco, ebbe notevoli successi contro attacchi eseguiti con le braccia, ma minor successo contro quelli realizzati con le gambe, questi ultimi molto più potenti dei primi.

Il tempo e l'esperienza sportiva ampliarono questo concetto di parata, e si cercò di ottenere una maggiore una maggiore efficacia difensiva.

Fu così che nacquero le parate protettrici, che servono pertanto a riparare e coprire l'oggetto o punto vitale.

La parte del corpo utilizzata sono il gomito e il ginocchio, essendo questi punti duri e spigolosi; sia l'uno che l'altro devono essere in flessione, per evitare lesioni.

Le parate le possiamo dividere in due categorie:

  1. le parate intercettatrici
  2. le parate protettrici

Una caratteristica che differenzia i due tipi di parata è che in quelle che deviano il braccio si allontana dal corpo, mentre in quelle che proteggono il braccio vi rimane accostato, e in entrambi i casi la mano del braccio che para può rimanere aperta o chiusa indistintamente.

La parte del corpo più utilizzata per le parate intercettatrici è l'avambraccio.

Vediamo ora tre tipi di parate, la parata alta, la media e infine la bassa.

LA PARATA ALTA (OLGUL MAKI)

La parata alta è una tecnica difensiva che serve a deviare un attacco diretto alla testa, mediante l'interposizione dell'avambraccio.

La traettoria del braccio che para è ascendente e il suo avambraccio esegue una rotazione nella fase finale, per offrire così la parte morbida e ammortizzante, aumentando al tempo stesso la resistenza e la stabilità.

LA PARATA MEDIA (MONTONG AN MAKI)

Questa parata invece costituisce una tecnica difensiva che protegge la parte media del corpo utilizzando il lato esterno del braccio mediante una traettoria circolare dell'arto, che si sposta dall'esterno del corpo verso l'interno.

Nella fase finale, il braccio termina con il pugno all'altezza della spalla opposta.

LA PARATA BASSA (ARE MAKI)

Il suo scopo è quello di difendere la zona fra l'ombeico e l'inguine, e spesso è utilizzata contro i calci frontali.

A causa della potenza degli attacchi del Taekwon-do, questa parata serve in un qual modo a deviare la traettoria dell'arto che attacca.

Buon ABC allenamento



Potrebbe interessarti anche

Allenamento Arti Marziali Evoluzione dei Sistemi
04 Dicembre 2018

Allenamento Arti Marziali Evoluzione dei Sistemi

L'evoluzione delle arti marziali dalle origini ai giorni d'oggi

Si ritiene che il buddismo zen e le arti marziali abbiano avuto un fondatore comune, risultano, infatti, strettamente connesse la loro filosofia e la loro storia. Si pensi che in un bassorilievo babilonese risalente a circa 5000 anni fa sono raffigurate situazioni di lotta a mani nude che ricordano molto le arti marziali asiatiche…anche da ciò si è da sempre ritenuto che la culla delle arti marziali da combattimento possa essere stata la Mesopotamia da dove è stato influenzato dapprima l’Oriente e, molti secoli dopo, l’Occidente: la lotta e il pugilato (Pancrazio) dei greci e dei romani avevano qualche affinità con i loro corrispettivi orientali.

Il Kenpo cinese
01 Ottobre 2014

Il Kenpo cinese

Nel panorama marziale il Kenpo è considerato un sistema flessibile ed innovativo.

Nel Kenpo non si vuole attivare l'aggressività per  utilizzarla per fini malvagi, questo disorienterebbe il kenpoista ed il suo gruppo. La prima legge delle "Mani Vuote", cioè "un poetico e  preciso codice d'onore" dice: "vengo a te con le mani vuote, non ho armi, ma se sarò obbligato a difendermi, a difendere i miei principi e il mio onore, la mia vita, o difendere un diritto o un'ingiustizia, ecco allora le mie armi...."

Ultimi post pubblicati

Powerbuilding per Aumentare Forza e Massa Muscolare
18 Maggio 2021

Powerbuilding per Aumentare Forza e Massa Muscolare

I programmi di powerbuilding espongono gli atleti ad entrambi gli stili di allenamento in un approccio leggermente più abbreviato. Questo apre la porta alla valutazione oggettiva di ogni sport e del proprio potenziale per avere successo nell'uno o nell'altro.

Come Allenarsi a Casa Tutto L'anno
09 Giugno 2021

Come Allenarsi a Casa Tutto L'anno

Questo programma è completo ed esaustivo, in quanto è composto da schede di allenamento specifiche per l'aumento della massa e forza muscolare e altre specifiche per la definizione muscolare, mediante l'esecuzione degli esercizi più importanti ed efficaci del bodybuilding.