(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Le Proiezioni nel Judo

data di redazione: 10 Luglio 2015 - data modifica: 20 Marzo 2019
Le Proiezioni nel Judo

Le posizioni principali per effettuare le proiezioni e gli sbilanciamenti nel judo

Le Proiezioni nel Judo

Nel Judo ci sono delle posizioni di base, tramite le quali il principiante può sperimentare tutte le tecniche che il suo maestro gli insegna, diciamo delle impostazioni classiche ma non per questo inefficaci.

Gli Shisei sono le posizioni del corpo che si possono assumere durante la pratica di questa disciplina, e che possiamo suddividere in tre sezioni:

  • la posizione naturale
  • la posizione difensiva
  • la posizione d'attacco

Sono molteplici, però diciamo che quelle più comuni che può adottare chi è alle prime armi sono fondamentalmente due, e sono quelle maggiormente usate nelle forme di esecuzione e durante l'allenamento libero.

  • Shizen Hon Tai, cioè la posizione fondamentale naturale del corpo
  • Jigo Hon Tai, ovvero la posizione fondamentale difensiva del corpo

Le forme di presa fondamentali sono dette Kihon Kumi Kata, e vengono eseguite da colui che cerca di portare l'attacco, che viene chiamato "tori", e possono essere:

  • Ai Yotsu (presa simmetrica tra i due opponenti, cioè guardia destra contro guardia destra)
  • Henka Yotsu (presa contraria, cioè sinistra contro destra)

Queste due forme appena descritte, variano secondo l'esigenza del Judoka nell'eseguire le diverse tecniche impugnando ambedue i baveri, le maniche, la cintura o gli Zubon, ovvero i calzoni del Judogi.
In forma Migi (destra), descriviamo ora come assumere la "posizione base" dalla quale poi possiamo portare una miriade di tecniche di proiezione o sbilanciamenti.

FORMA DI PRESA CLASSICA NEL JUDO

Tori impugna con la mano destra il bavero sul petto appena sopra la clavicola sinistra del nostro avversario (uke), e con la mano sinistra la sua manica destra all'altezza del gomito.
Il piede destro di tori sarà di poco avanzato rispetto al sinistro, e le gambe leggermente divaricate in modo tale da avere il massimo equilibrio.
La presa del bavero del Judogi è detta Tsurite, e ha diverse funzioni, che possono essere quella di tirare, sollevare o squilibrare l'avversario.
La presa alla manica, con la funzione di apertura e squilibrio, è detta Hikite.
Una volta assunta questa posizione, vi sono due modi principali di camminare, ovvero lo Ayumi Ashi (muovere i piedi normalmente) e lo Tsugi Ashi (muovere i piedi scivolando).

GLI SQUILIBRI E LE TECNICHE DI APPLICAZIONE NEL JUDO


Il principio fondamentale per eseguire una tecnica di Judo con la massima resa e il minimo sforzo è quello di porre in disequilibrio il corpo dell'avversario.
Gli squilibri, rispetto al corpo nello spazio, sono infiniti come i punti di una sfera che circonda la persona.
Nonostante tutto, per imparare meglio, immaginiamo intorno a noi otto punti che indicano le direzioni fondamentali di squilibrio, e attraverso essi cerchiamo di applicare le tecniche fino ad arrivare sempre più vicini alla perfezione.


Le fasi che consentono inoltre di mettere in pratica una tecnica sono:

  • Kusushi (squilibrio del corpo di uke)
  • Tsukuri (preparazione o costruzione del gesto tecnico)
  • Kake ( applicazione, fase finale dell'esecuzione)


LE TECNICHE DI PROIEZIONE NEL JUDO

  • Le tecniche di proiezione sono chiamate Nage Waza.
  • Le tecniche di proiezione in posizione eretta (Tachi Waza) sono a loro volta suddivise in tre gruppi, che specificano le parti del corpo usate in modo prevalente da tori per l'applicazione della tecnica stessa:
  • Te Waza: gruppo di tecniche in cui, per effettuare una proiezione esiste una prevalenza dell'uso delle braccia
  • Koshi Waza: gruppo di tecniche in cui, per effettuare una proiezione, esiste una prevalenza dell'uso delle anche
  • Ashi Waza: gruppo di tecniche in cui, per effettuare una proiezione, esiste una prevalenza dell'uso delle gambe

Infine ci sono le tecniche di proiezione in cui occorre sacrificare il proprio equilibrio (Sutemi Waza) che sono a loro volta ripartite in due gruppi che specificano la parte del corpo di tori che prende appoggio sul tatami per effettuare la proiezione stessa.

  • Ma Sutemi Waza: quando occorre sacrificare il proprio equilibrio poggiando il dorso
  • Yoko Sutemi Waza: quando occorre sacrificare il proprio equilibrio poggiando il fianco

Buon allenamento da ABC, Ti consigliamo il manichino da allenamento per il Judo

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Perchè le Arti Marziali Europee si estinsero quasi totalmente?
04 Dicembre 2018

Perchè le Arti Marziali Europee si estinsero quasi totalmente?

Perché quelle asiatiche sono sopravvissute fino ad oggi?

Per noi europei più pragmatici, l'introduzione delle armi da fuoco segnò la fine delle arti marziali come mezzo per fare la guerra. Sebbene i cinesi avessero scoperto la polvere da sparo no la utilizzarono subito per gli stessi usi mortali cui la destinarono gli europei, ma la adoperarono soptrattutto per i fuochi d'artificio di Capodanno

Perché allenarsi con i Pesi nelle Arti Marziali
23 Giugno 2017

Perché allenarsi con i Pesi nelle Arti Marziali

Motivazioni oggettive sull’utilizzo dei pesi nelle discipline di combattimento

Tantissimi artisti marziali dedicano gran parte del loro tempo, dei loro sforzi e della loro concentrazione nello sviluppo dell’abilità tecnica. Quanto conta la forza sviluppata con il lavoro in sala pesi?

Ultimi post pubblicati

Allenamento PHA
18 Giugno 2019

Allenamento PHA

Le schede di allenamento in PHA prevedono diversi esercizi eseguiti consecutivamente stimolando distretti corporei il più possibile distanti tra loro (ad esempio cosce/deltoidi o bicipiti femorali/pettorali), in generale alternando l’attività della parte superiore con quella inferiore del corpo o viceversa. Tale sequenza andrà a reclutare tutti i gruppi muscolari del corpo in un’unica seduta (allenamento total body).

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute
16 Giugno 2019

I 20 Migliori Alimenti Per La Salute

Non esiste una definizione specifica di superfood, un termine che, alla resa dei conti, è stato creato unicamente per soddisfare delle esigenze di mercato: in modo molto vago possiamo dire che un superfood è un alimento ricco di nutrienti, in grado di apportare importanti benefici per la salute.