(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Dieta e Allenamento di Fedor Emelianenko

data di redazione: 09 Gennaio 2015 - data modifica: 13 Novembre 2017
Dieta e Allenamento di Fedor Emelianenko

Come si allena e come mangia un lottatore di MMA

È senza dubbio uno dei lottatori di MMA che ha incassato più titoli e che ha incantato gli appassionati di questa disciplina con la sua tecnica pugilistica e di lotta al suolo impeccabili. Sconfiggendo un avversario dopo l'altro, Fedor, ha costruito una carriera irreprensibile, quasi perfetta, mostrando freddezza e tranquillità al contempo anche durante i suoi match più duri.

Il suo aspetto tranquillo e sereno non cambia nemmeno quando conquista cinture e titoli. È un personaggio che non ha mai sventagliato la sua vita privata a TV o riviste, nonostante sia diventato una celebrità nell'ambiente delle MMA combattendo contro campioni del calibro di Tim Silva, Mirko Crop Cop e il Minotauro.

 Vive da quando aveva due anni a Stary Oskol, situata a 600 km a sud di Mosca, ed è in questa cittadina operaia russa che si allenava e si preparava per i suoi incontri, visto che da qualche tempo ha appeso i guantini al chiodo.

 

Riguardo alla sua città in un'intervista afferma:

"Io potrei allenarmi in qualunque città della Russia o del mondo, ma qui sono cresciuto, qui vivono la mia famiglia e i miei amici, e sempre qui c'è la mia accademia. Amo la mia città"

 

Nonostante la fama e la gloria Fedor si è sempre mantenuto fedele alle sue origini, alla sua città, ai suoi amici e alla sua squadra.

Un personaggio umile e semplice

Vive in un appartamento modesto e conduce un'utilitaria, che fu un regalo dell'amministrazione della sua città quando diventò campione del Pride, per il fatto di aver innalzato il nome della sua cittadina e della Russia in tutto il mondo.

Un personaggio semplice per eccellenza, la sua vita è sempre stata

  • allenamento
  • amici
  • famiglia
  • parrocchia

che ha sempre frequentato regolarmente, tanto che uno dei suoi migliori amici e confidenti è sempre stato il parroco Padre Andrey.

 

Alla domanda sul suo interessamento alla gloria e alla fama risponde:

"Io rappresento il mio paese, voglio solo che gli atleti russi conquistino tutto, in tutto il mondo. Sono una persona religiosa e cerco di mantenermi al margine di dichiarazioni ed attacchi a me diretti attraverso i mezzi di comunicazione"

 

Un grande, che ha sempre festeggiato le sue vittorie con una cerimonia di ringraziamento a Dio con la famiglia e gli amici, che nel tempo libero legge la Bibbia e i testi religiosi, che passa quotidianamente il tempo a giocare a scacchi e a parlare con il suo amico padre Andrey.

Come sono gli allenamenti quotidiani di fedor?

"Mi alleno due volte al giorno, con un intervallo in mezzo, e quattro volte la settimana corro per 15 km"

Per quanto concerne il pugilato negli ultimi tempi mi sono allenato molto con Kirill Sidelnikov, 20 anni, penso che sia una grande promessa di questo sport. 

Per quanto riguarda la lotta lavoro con giovani lottatori, ci alleniamo insieme, ma non recito il ruolo dell'allenatore, sono un compagno di sparring.

Indubbiamente li correggo, quando percepisco un errore. Tuttavia quando si è attivi nella competizione non è facile allenare qualcun altro, oltre a se stessi"

L'allenamento funzionale di Fedor Emelianenko non è una novità per quanto riguarda la tipologia di esercizi utilizzati, in quanto esegue i classici Pullup (trazioni alla sbarra) e Pushup (piegamenti a terra sulle braccia), la cosa incredibile è che un atleta del suo peso (a tre cifre, intorno ai 100 kg), riesca ad effettuare serie di trazioni alla sbarra da 40 ripetizioni e altrettante ripetizioni di Dip alle parallele.

Per Fedor questo è "Solo" il riscaldamento in quanto poi esegue pesanti allenamenti di forza e condizionamento atletico con Pneumatici da Trattore e Colpi di Mazzetta con i quali esegue il Tire Flip e l'Hammer exercise.

Il regime alimentare di Fedor Emelianenko

 "In realtà mangio essenzialmente di tutto, il mio regime dietetico consiste nel mangiare più volte al giorno, e non seguo una dieta stretta.

Normalmente faccio colazione con una torta francese e quando digiuno mangio biscotti di avena con castagne. A cena mangio 3 piatti, preferibilmente di carne e pesce. Quando sto digiunando prendo del borsch e solyanka, che sono delle zuppe russe. Non bevo coca cola o altre bibite rinfrescanti e abitualmente non mangio dolci, benché mi capiti qualche volta alle feste o nelle festività"

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

MMA e Submission Grappling - Arm Bar, tecnica di sottomissione illustrata
16 Settembre 2018

MMA e Submission Grappling - Arm Bar, tecnica di sottomissione illustrata

Sequenza illustrata di una sottomissione in arm bar

Questa tecnica, molto spesso utilizzata nel Brazilian Jiu Jitsu, nel Submission Grappling e nelle Arti Marziali Miste (MMA), si rivela utilissima ed efficace in una situazione durante la quale ci troviamo a subire da una posizione svantaggiosa, cioè fuori dalla nostra guardia, l'attacco del nostro avversario.

Come impostare un Circuito a Tempo in stile MMA
19 Novembre 2014

Come impostare un Circuito a Tempo in stile MMA

Il Timing Circuit è stato ispirato dal lavoro effettuato con le kettlebell, si tratta di una tipologia di allenamento a circuito dove non si contano serie e ripetizioni, ma il fattore base è unico : IL TEMPO

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.