(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Fedor Emelianenko - Biografia

data di redazione: 07 Novembre 2017
Fedor Emelianenko - Biografia

Fedor Emelianenko è stato uno dei più forti atleti peso massimo nella storia delle MMA. Nel corso della sua carriera è stato denominato “Cyborg" per la sua incredibile calma sia prima che durante il combattimento. Fedor, 41 anni, classe 1976, è nato a Rubizhne, città attualmente in Ucraina ma parte dell’Unione Sovietica al momento della sua nascita. Inizia la sua carriera marziale con il Judo ed il Sambo. 

Nelle MMA, Fedor Emelianenko è forte in ogni aspetto del combattimento: considerato di piccole dimensioni, per la categoria dei pesi massimi, vanta una grandissima velocità ed esplosività con un gancio potente e letale. Visti i suoi trascorsi nel sambo e judo, la sua abilità migliore è probabilmente il grappling, sia offensivo che difensivo: ha infatti più volte dato dimostrazione della sua abilità anche con avversari molto tecnici in questo settore. Ottimo incassatore ed atleta molto resiliente, ha però avuto problemi con le sue arcate sopraccigliari, che quando colpite spesso si sono aperte con vistose ferite.

PALMARES DI FEDOR 

SAMBO

  • Mondiali vinti a Salonicco e Panamá nel 2002, a Praga nel 2005 e 2007
  • Europeo vinto ad Istanbul nel 2002
  • Campionati nazionali vinti a Mosca nel 2002, Kstovo nel 2005, Ulan-Udė nel 2007, San Pietroburgo e Kstovo nel 2008 e Mosca nel 2012
  • Terzo posto ai mondiali di San Pietroburgo nel 2008, ai campionati nazionali di Kaliningrad nel 1998 e a quelli di Orenburg nel 2000.

JUDO

  • due terzi posti ottenuti ai campionati nazionali di Kstovo nel 1998 e nel 1999.

MMA

  • Vittorie 36
  • per knockout 11
  • per sottomissione 16
  • Sconfitte 5
  • Pareggi 1
  • No contest 1

Sembrava dovesse smettere, ma agli inizi del 2017, firma un contratto per più incontri con la federazione rivale a quella di Dana White, la Bellator MMA; il 18 febbraio avrebbe dovuto affrontare Matt Mitrione all'evento Bellator 172, ma a poche ore dall'incontro lo statunitense ha dovuto dare forfait a causa di un problema di calcoli renali. L'incontro si tiene il 24 giugno al Madison Square Garden di New York all'evento Bellator 180: Mitrione vince per KO alla prima ripresa.

potrebbe interessarvi: DIETA E ALLENAMENTO DI FEDOR

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

5 Miti da Sfatare sull'Allenamento MMA
13 Maggio 2015

5 Miti da Sfatare sull'Allenamento MMA

Le Mixed Martial Art's sono una disciplina alquanto complessa del mondo degli sport da combattimento. Le numerose tecniche da apprendere, il condizionamento atletico da avere tutto l'anno (anche nelle categorie amatoriali), la forza, la potenza, la resistenza, l'elasticità e la determinazione hanno reso le MMA molto popolari in tutto il mondo ed anche in Italia. Data la giovane età di questa disciplina, vi sono alcuni falsi miti sull'allenamento; in questo articolo cercheremo di fare chiarezza.  

La Preparazione degli Atleti di MMA e GRAPPLING
02 Ottobre 2014

La Preparazione degli Atleti di MMA e GRAPPLING

Come strutturare la preparazione di un atleta di MMA o GRAPPLING

Le variabili per la decisione dei mezzi e metodi di allenamento sono molteplici, in primis è necessario differenziare il grappling dalle MMA, in quanto anche se appartengono allo stesso “universo”, le competizioni richiedono capacità condizionali sviluppate in modo diverso. 

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.