(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Minotauro

data di redazione: 11 Gennaio 2015
Il Minotauro

Un grande campione dimostra il valore del Brazilian ju jitsu nei combattimenti misti.

"Mi piacerebbe essere ricordato come un guerriero, come qualcuno che ha sempre creduto nella tattica del Jiu-Jitsu, che ha lottato pulito, senza troppi colpi, usando il Jiu-Jitsu per finalizzare. Credo nel Jiu-Jitsu come filosofia di vita e sono riuscito a portare questo sport sul ring, in un'epoca in cui molta gente cominciava a pensare che alcune tecniche di Jiu-Jitsu non potessero essere usate nelle MMA.

Voglio essere ricordato come uno che faceva bei combattimenti, sempre alla ricerca della finalizzazione, proteso sempre verso il superamento di se stesso. Mi piace il pugilato, la Muay Thay e altre tecniche ma in realtà la mia passione è il Jiu-Jitsu Brasiliano"

 

È il grande combattente di MMA Antonio Rodrigo Nogueira, famoso come Minotauro, Brasiliano, nato a Vitoria da Conquista in Brasile il 2 giugno 1976. 

 

Vincendo il titolo dei pesi massimi nel Pride Giapponese nel 2001 diviene popolare in tutto il mondo, famoso per essere un combattente di MMA che basa la sua tattica sulle finalizzazioni del BJJ, anche se è preparatissimo anche nel confronto da in piedi con un'ottima pugilistica.

Memorabile e combattuto è l'incontro contro Fedor Emilianenko nel 2003, dove subì una pesante sconfitta e perse il titolo.

Diventa campione dei pesi massimi e il terzo fighter della storia a detenere sia il titolo dell'UFC che quello del Pride nell'evento UFC 81 combattendo e vincendo al terzo round per ghigliottina contro un agguerritissimo e preparatissimo Tim Sylva.

 

Un vero portabandiera brasiliano, incanta la sua nazione e porta il suo stile di origine in vetta (BJJ) quando sconfigge Dave Herman in patria, dopo che questo nel pre-gara in conferenza stampa aveva sminuito il Jiu Jitsu Brasiliano affermando di non essere efficace.

Lo vince proprio con il BJJ, con una spettacolare leva al braccio!

  

Come comincia la carriera di combattente del Minotauro?

Quindi è proprio nel BJJ che inizia la sua carriera da fighter quando crescendo in questa disciplina combatte già da cintura viola nel campionato Brasiliano arrivando terzo, e successivamente secondo al mondiale.

Con la cintura marrone diventa campione Panamericano e Brasiliano, e con la nera terzo al mondiale.

È allenandosi a Miami con altri combattenti che comincia a guardare le MMA come un nuovo campo nel quale cimentarsi, anche per questione di soldi visto che in questi circuiti ad alti livelli gli atleti erano ben pagati.

ll primo incontro di Nogueira “Minotauro”

È il 12 giugno del 1999 quando combatte per la prima volta nelle MMA negli Stati Uniti contro David Dodd, e vince per finalizzazione (Kimura).

In un'intervista parla di quell'incontro:

"Baraùa e Conan, che stavano al mio angolo, erano molto più nervosi di me, io mi mettevo in mezza guardia e loro volevano morire... oggi si fanno mezze guardie nel Vale Tudo e io cominciai a fare una cosa che nessuno faceva, piazzai un crocifisso sull'avversario, dal mio angolo gridavano di lasciarlo andare e di colpirlo. Riuscii a introdurre il BJJ nel Vale-Tudo, cosa assai poco comune a quei tempi"

 

Il combattimento contro Bob Sapp

C'era una grande differenza di stazza ma in quest'incontro il Minotauro dimostra davanti ad un pubblico di 108 mila persone l'efficacia del BJJ .

In un primo momento Bob Sapp afferra Rodrigo e lo scaraventa a terra e comincia a menare forte da sopra, ma successivamente  il Minotauro ribalta la situazione mostrando infallibili doti tecniche.

Nell'intervista disse:

"Arrivò più lontano di quanto pensassi, era troppo grosso per resistere a lungo. La gente ha avuto modo di verificare che il Jiu-Jitsu funziona, perfino di fronte ad una simile differenza di stazza. Il maestro Helio Gracie venne a congratularsi con me. Mi disse: "un gran combattimento, hai un gran cuore". È stato meraviglioso usare il BJJ e ricevere il riconoscimento del maestro Helio"

 

Un grande personaggio, che nei suoi discorsi non nasconde la passione sfrenata per il BJJ, e non fa che confermare l'importanza e l'efficacia di questa disciplina di lotta anche in combattimenti duri e con poche regole come le MMA.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

L'Allenamento di Brock Lesnar
15 Agosto 2015

L'Allenamento di Brock Lesnar

Scheda di Allenamento del Grande Campione Brock Lesnar

Brock Lesnar è cresciuto in una fattoria dove ha creato le basi per fortificare la propria etica del lavoro duro. Un giovane uomo che si rende conto rapidamente dei principi di base: del duro lavoro fisico, della forza mentale e della resistenza. Cresciuto in una piccola comunità rurale nei pressi di Webster, nel Dakota del Sud, Lesnar ha imparato sin da piccolo cosa significasse lavorare sodo. Ogni mattina Lesnar era già sveglio, prima dell'alba, per assolvere alle faccende mattutine della fattoria.

Glossario M.M.A. Parte 2
09 Maggio 2015

Glossario M.M.A. Parte 2

Termini e Tecniche - Il Mondo delle MMA in sintesi - 2 Parte

Gable Grip - Prende il nome dal leggendario allenatore di wrestling Iowa Dan Gable, questa tecnica consiste nel stringere le mani palmo a palmo con i pollici a fianco di ogni mano. Tecnica utilizzata nella lotta greco romana, Submission Grappling e M.M.A.

Ultimi post pubblicati

Quante volte andare in palestra?
23 Ottobre 2018

Quante volte andare in palestra?

Il Giusto Numero di Sedute Settimanali a Seconda del Proprio Obiettivo

E' la classica domanda che ci pongono tutti i nostri clienti e lettori. Una prima risposta che vi diamo è questa: dipende dal vostro obiettivo. In palestra si allenano delle qualità, che poi ci permetteranno di sviluppare un corpo statuario, muscoloso e magro; a seconda del vostro obiettivo dovrete adottare una particolare strategia di allenamento che comporterà anche l'inserimento del giusto numero di sedute settimanali.

Crepes ai Pistacchi
23 Ottobre 2018

Crepes ai Pistacchi

I pistacchi danno tanti benefici perché contengono molti sali minerali soprattutto potassio, fosforo, magnesio e calcio, oltre a ferro e rame. Contengono, inoltre, molta vitamina A ma anche vitamina B,C e vitamina E.
Preparazione: 35 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 4