Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il Minotauro

data di redazione: 11 Gennaio 2015
Il Minotauro

Un grande campione dimostra il valore del Brazilian ju jitsu nei combattimenti misti.

"Mi piacerebbe essere ricordato come un guerriero, come qualcuno che ha sempre creduto nella tattica del Jiu-Jitsu, che ha lottato pulito, senza troppi colpi, usando il Jiu-Jitsu per finalizzare. Credo nel Jiu-Jitsu come filosofia di vita e sono riuscito a portare questo sport sul ring, in un'epoca in cui molta gente cominciava a pensare che alcune tecniche di Jiu-Jitsu non potessero essere usate nelle MMA.

Voglio essere ricordato come uno che faceva bei combattimenti, sempre alla ricerca della finalizzazione, proteso sempre verso il superamento di se stesso. Mi piace il pugilato, la Muay Thay e altre tecniche ma in realtà la mia passione è il Jiu-Jitsu Brasiliano"

 

È il grande combattente di MMA Antonio Rodrigo Nogueira, famoso come Minotauro, Brasiliano, nato a Vitoria da Conquista in Brasile il 2 giugno 1976. 

 

Vincendo il titolo dei pesi massimi nel Pride Giapponese nel 2001 diviene popolare in tutto il mondo, famoso per essere un combattente di MMA che basa la sua tattica sulle finalizzazioni del BJJ, anche se è preparatissimo anche nel confronto da in piedi con un'ottima pugilistica.

Memorabile e combattuto è l'incontro contro Fedor Emilianenko nel 2003, dove subì una pesante sconfitta e perse il titolo.

Diventa campione dei pesi massimi e il terzo fighter della storia a detenere sia il titolo dell'UFC che quello del Pride nell'evento UFC 81 combattendo e vincendo al terzo round per ghigliottina contro un agguerritissimo e preparatissimo Tim Sylva.

 

Un vero portabandiera brasiliano, incanta la sua nazione e porta il suo stile di origine in vetta (BJJ) quando sconfigge Dave Herman in patria, dopo che questo nel pre-gara in conferenza stampa aveva sminuito il Jiu Jitsu Brasiliano affermando di non essere efficace.

Lo vince proprio con il BJJ, con una spettacolare leva al braccio!

  

Come comincia la carriera di combattente del Minotauro?

Quindi è proprio nel BJJ che inizia la sua carriera da fighter quando crescendo in questa disciplina combatte già da cintura viola nel campionato Brasiliano arrivando terzo, e successivamente secondo al mondiale.

Con la cintura marrone diventa campione Panamericano e Brasiliano, e con la nera terzo al mondiale.

È allenandosi a Miami con altri combattenti che comincia a guardare le MMA come un nuovo campo nel quale cimentarsi, anche per questione di soldi visto che in questi circuiti ad alti livelli gli atleti erano ben pagati.

ll primo incontro di Nogueira “Minotauro”

È il 12 giugno del 1999 quando combatte per la prima volta nelle MMA negli Stati Uniti contro David Dodd, e vince per finalizzazione (Kimura).

In un'intervista parla di quell'incontro:

"Baraùa e Conan, che stavano al mio angolo, erano molto più nervosi di me, io mi mettevo in mezza guardia e loro volevano morire... oggi si fanno mezze guardie nel Vale Tudo e io cominciai a fare una cosa che nessuno faceva, piazzai un crocifisso sull'avversario, dal mio angolo gridavano di lasciarlo andare e di colpirlo. Riuscii a introdurre il BJJ nel Vale-Tudo, cosa assai poco comune a quei tempi"

 

Il combattimento contro Bob Sapp

C'era una grande differenza di stazza ma in quest'incontro il Minotauro dimostra davanti ad un pubblico di 108 mila persone l'efficacia del BJJ .

In un primo momento Bob Sapp afferra Rodrigo e lo scaraventa a terra e comincia a menare forte da sopra, ma successivamente  il Minotauro ribalta la situazione mostrando infallibili doti tecniche.

Nell'intervista disse:

"Arrivò più lontano di quanto pensassi, era troppo grosso per resistere a lungo. La gente ha avuto modo di verificare che il Jiu-Jitsu funziona, perfino di fronte ad una simile differenza di stazza. Il maestro Helio Gracie venne a congratularsi con me. Mi disse: "un gran combattimento, hai un gran cuore". È stato meraviglioso usare il BJJ e ricevere il riconoscimento del maestro Helio"

 

Un grande personaggio, che nei suoi discorsi non nasconde la passione sfrenata per il BJJ, e non fa che confermare l'importanza e l'efficacia di questa disciplina di lotta anche in combattimenti duri e con poche regole come le MMA.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Come impostare un Circuito a Tempo in stile MMA
19 Novembre 2014

Come impostare un Circuito a Tempo in stile MMA

Il Timing Circuit è stato ispirato dal lavoro effettuato con le kettlebell, si tratta di una tipologia di allenamento a circuito dove non si contano serie e ripetizioni, ma il fattore base è unico : IL TEMPO

UFC 219, Grande Attesa Per L'Evento Di Fine Anno
29 Dicembre 2017

UFC 219, Grande Attesa Per L'Evento Di Fine Anno

Le grandi MMA tornano protagoniste negli ultimi giorni del 2017. Nella notte tra sabato 30 e domenica 31 dicembre UFC 219 chiuderà l'anno con un evento da urlo, ricco di match-up interessantissimi. Nell'occasione, FOX Sports trasmetterà l'evento per intero (qui l'analisi dei match della main card). Attesa alle stelle soprattutto per il ritorno di Marvin Vettori, che tornerà in azione dopo la vittoria su Vitor Miranda dello scorso 25 giugno.

Ultimi post pubblicati

7 Vantaggi dello Squat e Varianti da Fare
29 Maggio 2020

7 Vantaggi dello Squat e Varianti da Fare

Squat a casa o in palestra, i vantaggi del farlo

Lo squat è un esercizio di allenamento dinamico della forza che richiede che diversi muscoli della parte superiore e inferiore del corpo lavorino contemporaneamente. Molti di questi muscoli aiutano a svolgere attività quotidiane come camminare, salire le scale, piegarsi o trasportare carichi pesanti. Aiutano anche a svolgere attività legate all'atletica.

Il vero significato della Competizione nel Bodybuilding e nel Fitness
25 Maggio 2020

Il vero significato della Competizione nel Bodybuilding e nel Fitness

Conoscete il vero significato che dovrebbe avere la competizione nel bodybuilding e nel fitness, ma anche nello sport? Molto spesso nel mondo del fitness, così come in quello più specifico del bodybuilding, ci si imbatte in soggetti che sembrano vivere esclusivamente in funzione dell’ammirazione che suscitano negli altri. È un po’ come se per certe persone la loro stessa presenza in palestra fosse giustificata esclusivamente dal desiderio di essere superiori alla media.