Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Mata Leao

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 17 Dicembre 2018
Mata Leao

Consiste in una delle tecniche più efficaci per la difesa personale ed è molto utilizzata anche nelle MMA

Il "mata leao" è una delle classiche prese di sottomissione del ju-jitsu brasiliano utilizzate moltissimo nelle MMA e nel Submission Grappling come tecnica di finalizzazione dell'avversario; in più l'hanno anche adottata diversi stili di Difesa Personale come il Wing Chun e il Krav Maga per la leggera immobilizzazione o "soft control".

In un combattimento reale rappresenta uno dei più sicuri ed efficaci metodi per controllare le sottomettere un aggressore prestante a livello fisico, anche per questo è efficacissimo per il controllo e l'immobilizzazione. Nel vivo dello scontro reale un aggressore tenace o esaltato può sopportare un dolore incredibile e con tutto questo portare avanti i suoi intenti malefici. 

Tuttavia, qualunque possa essere il suo grado di tenacia o di determinazione, se si applica bene un "mata leao" il combattimento ha termine, infatti la presa da dietro è una tecnica altamente efficace di strangolamento che interrrompe l'afflusso di sangue al cervello.

Il risultato è la perdita di coscienza, che si ha entro pochi secondi a prescindere dalla forza e dalla taglia o dalla ferocia dell'avversario. In più, poiché nell'effettuare lo strangolamento vi trovate dietro, è molto difficile per lui colpirvi, accecarvi o mordervi.

State attaccando con una presa di sottomissione estremamente efficace che richiede poca forza, da una posizione dove l'avversario può fare ben poco per nuocervi.

 

Vi sono alcuni pericoli insiti negli strangolamenti che voglio fare presente in questo articolo in modo da mettere in guardia il praticante di qualiasi disciplica e che voglia utilizzare la "mata leao".

Se mantenete troppo a lungo la "mata leao" e stringete un pò più del dovuto, può essere molto dannoso o persino fatale alla vittima. Se la tecnica è ben applicata normalmente la perdita di coscienza si ha entro circa dieci secondi. Assicuratevi di lasciare la presa non appena il vostro compagno di allenamento batte la mano per segnalare la resa. In una situazione reale, nel quale "battere" non è previsto, potete trovarvi nella necessità di far perdere conoscenza al vostro aggressore.

E' importante sapere che in alcuni paesi le prese di soffocamento o di strangolamento sono illegali. Prima di utilizzarle in situazioni di strada è bene conoscere cosa dicono le leggi locali al riguardo.

Se per caso fate perdere i sensi al vostro simpatico aggressore, lasciate la presa e fatelo distendere sul fianco: riprenderà coscienza da solo (magari con già le manette inserite, nel caso delle forze dell'ordine). 

Esistono diversi modi per far riprendere coscienza al compagno di allenamento, ma distendere la persona sul fianco ha funzionato diverse volte (a detta di molti praticanti esperti nel ju-jitsu tradizionale) ma naturalmente la scelta sul modo di gestire lo svenimento dell'aggressore in un situazione di strada è determinata ovviamente dalle circostanze in cui vi trovate al momento.

 

Metodo didattico per apprendere l'esecuzione di una mata leao

 

1. inginocchiati detro al compagno che sta seduto sulle ginocchia davanti a te.

2. Fai scorrere il pollice a lato del collo del compagno davanti e porta il braccio intorno alla gola di questi finché il gomito non raggiunge il pomo d'adamo. E' un dettaglio importante infatti avere l'incavo del gomito direttamente dinanzi al pomo d'adamo, questo signifca assicurarsi che l'avversario non riceverà lesioni alla trachea. L'afflusso sanguigno nelle arterie coroitidi diretto al cervello sarà interrotto, mentre non lo sarà l'afflusso di aria ai polmoni (quindi si avrà uno strangolamento invece di un soffocamento). E' importante che il braccio si trovi sotto il mento della "vittima": infatti se essa ha la possibilità di abbassare il mento verso il braccio l'effetto strangolamento non avrà l'effetto desiderato.

3.  appoggia poi la mano del braccio che sta effettuando lo strangolamento, con il palmo rivolto verso il basso, sul bicipite dell'altro braccio.

4. Il lavoro completo della mata leao consiste nel collocare la mano del braccio che non sta soffocando dietro la testa dell'avversario. Ora sei pronto ad effettuare lo strangolamento.

5. Per concludere una buona mata leao devi avvicinare i gomiti tra loro ed il gioco è fatto (la mano che si trova dietro alla testa del compagno che subisce la mata leao non deve stare troppo alta, poiché in tal caso lui potrebbe sollevare la testa e staccarsi dalla presa). 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

MMA: Difendere i tentativi di atterramento
16 Settembre 2018

MMA: Difendere i tentativi di atterramento

Esercizi specifici contro i temuti Take Down

La prima cosa da fare per imparare a difendersi dai take-down è saper conoscere alla perfezione le tecniche stesse di atterramento. La lotta greco romana, la lotta libera e grappling ci aiutano ad addentrarci meglio dentro questo tema specifico.

MMA Psicologia della Competizione (seconda parte)
01 Ottobre 2014

MMA Psicologia della Competizione (seconda parte)

L'arbitraggio, la concentrazione e anche aggressività e timore fisico sono aspetti da tenere in considerazione

In una competizione di MMA gli elementi da tenere in considerazione sono tanti. L'allenatore, l'arbitro, l'ambiente e il temperamento individuale dell'atleta possono influire sull'esito del match.

Ultimi post pubblicati

Schede Di Allenamento Online Per Tutti
15 Settembre 2019

Schede Di Allenamento Online Per Tutti

Il mondo delle palestre è un ambiente nuovo e vorresti evitare di sbagliare allenamento? In questo articolo troverai la scheda di allenamento da portare sempre con te (smartphone e/o cartaceo).

Crossfit Consigli Per i Principianti
08 Settembre 2019

Crossfit Consigli Per i Principianti

Come Iniziare Ad Allenarsi Nel Crossfit

Il CrossFit ha preso in prestito movimenti eseguiti nelle preparazioni atletiche di altri sport tra cui ginnastica, sollevamento pesi olimpico, powerlifting e canottaggio.