(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

MMA e Submission Grappling - Arm Bar, tecnica di sottomissione illustrata

data di redazione: 25 Agosto 2015 - data modifica: 16 Settembre 2018
MMA e Submission Grappling - Arm Bar, tecnica di sottomissione illustrata

Sequenza illustrata di una sottomissione in arm bar

ARM BAR - TECNICA DI SOTTOMISSIONE

Questa tecnica, molto spesso utilizzata nel Brazilian Jiu Jitsu, nel Submission Grappling e nelle Arti Marziali Miste (MMA), si rivela utilissima ed efficace in una situazione durante la quale ci troviamo a subire da una posizione svantaggiosa, cioè fuori dalla nostra guardia, l'attacco del nostro avversario.

Chi ha un pò di domestichezza con la lotta, sa che quando si trova con le spalle a terra ha la possibilità di portare diversi tipi di attacchi e finalizzazioni, e molto spesso i lottatori prediligono questa posizione alle altre; di contro c'è da considerare il fatto che facendo ciò c'è la seria possibilità di subire i colpi più pesanti da parte del nostro avversario (nel caso si trattasse di Arti Marziali Miste).

Ogni volta che l'avversario si trova sopra e allunga le braccia, o per pressare o per colpire, si espone quindi inevitabilmente al pericolo di una presa e di una conseguente finalizzazione, bensì il campo del lottatore, che non aspetta altro.

Vediamo allora questa tecnica nei suoi passaggi principali, così come viene montata dai nostri collaboratori.

1) durante il combattimento A si trova lateralmente in posizione di vantaggio e cerca di colpire B

2) B con uno spostamento di anca si gira e mette il ginocchio come barriera fra lui e l'avversario e si protegge con le braccia avanzate

3) Il lottatore (B) blocca il braccio destro di A e sale con il bacino fino a portare la sua gamba (precisamente la tibia) sotto il braccio bloccato

3) a questo punto B passa la gamba oltre la testa di A, stringendo gli adduttori e immobilizzando così il braccio del suo avversario in una morsa dalla quale è davvero difficile divincolarsi

4) il lottatore allora si focalizza sulla mano di A (avendo cura che il pollice della mano dell'avversario sia rivolto verso l'alto) e ..

5) gli stende il braccio cercando di concludere la leva al gomito

6) per difesa A si stende con la schiena a terra e il lottatore completa la finalizzazione in Arm bar.

Questa tecnica è efficacissima ed è abbastanza comune durante le competizioni di MMA, di Submission Grappling e di Brazilian Jiu Jitsu, ma è altrettanto vero che è composta da numerosi dettagli e particolari da rispettare, difficili da illustrare in un singolo articolo (che ha lo scopo di farvi conoscere queste affascinanti discipline), ma siamo certi che un buon istruttore saprà trasmetterveli al meglio.

Scritto da: Davide Ursillo
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Oktagon - Bellator: Alessio Sakara Perde a Firenze
10 Dicembre 2017

Oktagon - Bellator: Alessio Sakara Perde a Firenze

ll nostro Alessio Sakara, ieri sera, ha perso contro Rafael Carvalho, l'incontro valevole per il titolo mondiale dei pesi medi per la promozione Bellator al Nelson Mandela Forum di Firenze.

Come impostare un Circuito a Tempo in stile MMA
19 Novembre 2014

Come impostare un Circuito a Tempo in stile MMA

Il Timing Circuit è stato ispirato dal lavoro effettuato con le kettlebell, si tratta di una tipologia di allenamento a circuito dove non si contano serie e ripetizioni, ma il fattore base è unico : IL TEMPO

Ultimi post pubblicati

Addominali Scolpiti in 60 Giorni
26 Aprile 2019

Addominali Scolpiti in 60 Giorni

Sia che il tuo obiettivo sia un six-pack scolpito da culturista professionista, o semplicemente che i tuoi pantaloni vestano meglio con una t shirt attillata estiva, il percorso per ottenere la pancia piatta è il medesimo.

Scheda Di Allenamento Con Serie e Ripetizioni Variabili
25 Aprile 2019

Scheda Di Allenamento Con Serie e Ripetizioni Variabili

Negli Stati Uniti D'America sta andando di moda l'allenamento con i dadi. L'allenamento con i dadi? Certo usano i dadi per determinare il numero di serie e ripetizioni di un determinato allenamento, in modo da rendere sempre nuovo e stimolante l'allenamento del giorno.