Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Oktagon - Bellator: Alessio Sakara Perde a Firenze

data di redazione: 10 Dicembre 2017
Oktagon - Bellator: Alessio Sakara Perde a Firenze

Oktagon - Bellator: Alessio Sakara Perde a Firenze

ll nostro Alessio Sakara, ieri sera, ha perso contro Rafael Carvalho, l'incontro valevole per il titolo mondiale dei pesi medi per la promozione Bellator al Nelson Mandela Forum di Firenze. Ricordiamo che Alessio ha debuttato in Bellator nell'aprile del 2016 affrontando l'americano Brian Rogers all'evento "Bellator 152" con una vittoria a metà del secondo round per Ko. Il 10 dicembre a "Bellator 168" vinse sempre per Ko al primo round anche contro Joey Beltran, annunciando di seguito il 27 aprile di quest'anno la finale appena combattuta per il titolo al limite degli 84 Kg. Giova precisare che Alessio Sakara è arrivato dove davvero pochi atleti sono riusciti, contando che ha 36 anni e che per questa finale ha dovuto affrontare un consistente taglio del peso, arrivando nel giorno di questa prova preliminare dell'incontro, un pò provato dalla dieta ferrea.

L'avversario, Rafael Carvalho, brasiliano e più giovane di Sakara di 5 anni aveva combattuto l'ultima volta l'8 aprile a Torino contro Melvin Manhoef vincendo per Ko con un Head Kick al quarto round. Un avversario ostico, nel pieno delle sue forze, che segna con questo incontro la sua quindicesima vittoria consecutiva nelle MMA, di cui ben 12 per Ko.

La sfida si è conclusa nelle prime fasi del match, quando Carvalho assesta prima una combinazione calcio-diretto destro che Alessio accusa indietreggiando, per poi proseguire con una ginocchiata al volto e un gancio che stendono il Legionario. A nostro avviso non era l'Alessio di sempre, probabilmente il taglio del peso ci ha messo del suo (sono 4 anni che Alessio non combatte in questa categoria) e l'avversario è comunque un combattente di spessore, fatto sta che il Legionario non riesce a superare neanche la prima ripresa. Sicuramente la delusione è palpabile, c'è chi si aspettava di più. Ci sarà chi critica e chi no, ma il Legionario è e rimane sempre un esempio e un simbolo per tutti noi italiani nel mondo del combattimento, in particolare delle Arti Marziali Miste, sia in Italia che oltre confine.

TI POTREBBERO INTERESSARE I SEGUENTI ARTICOLI DI ABC ALLENAMENTO:

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

GLOSSARIO MMA 3 ed Ultima Parte
27 Maggio 2015

GLOSSARIO MMA 3 ed Ultima Parte

Nelle MMA (Mixed Martial Arts), spesso viene usata una terminologia per indicare prese o azioni che all'utente meno esperto può risultare di difficile comprensione. Lo sviluppo di un glossario...

La Preparazione degli Atleti di MMA e GRAPPLING
02 Ottobre 2014

La Preparazione degli Atleti di MMA e GRAPPLING

Come strutturare la preparazione di un atleta di MMA o GRAPPLING

Le variabili per la decisione dei mezzi e metodi di allenamento sono molteplici, in primis è necessario differenziare il grappling dalle MMA, in quanto anche se appartengono allo stesso “universo”, le competizioni richiedono capacità condizionali sviluppate in modo diverso. 

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.