Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Qualità Fisiche Da Allenare Nelle MMA

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 10 Maggio 2018
Qualità Fisiche Da Allenare Nelle MMA

Come Allenarsi Fisicamente Nelle MMA

MMA o arti marziali miste: è lo sport da combattimento a contatto pieno più completo che esiste nell'ambito delle discipline marziali e sdc.

Questa disciplina combina le tecniche di numerose arti marziali permettendo così all’atleta un infinita varietà di possibili combinazioni per vincere l’avversario. 

Si svolge sia in piedi che a terra, con l’utilizzo di tecniche di grappling (strangolamenti, portate a terra, leve articolari) e di striking (calci, pugni, ginocchiate, gomitate).

L’atleta di MMA gareggia in una disciplina sportiva dove il corpo viene utilizzato in maniera globale. La necessità di utilizzare sia colpi in piedi che la lotta corpo a corpo impongono all’atleta la necessità di sviluppare numerosi aspetti della proprie capacità fisiche.

La preparazione atletica risulta pertanto fondamentale per rendere un atleta di MMA capace di eccellere sul ring.

In una disciplina a così elevato impegno organico la semplice preparazione tecnica non consente all’atleta di raggiungere il massimo del suo potenziale, per fare ciò è indispensabile pianificare una adeguata preparazione atletica da sviluppare nell’arco dell’intera stagione.

Come premesso, andando ad analizzare da un punto di vista atletico le qualità fisiche utilizzate nell’MMA, possiamo verificare che questi atleti utilizzano il corpo in molteplici situazioni che spaziano appunto dalla lotta al combattimento in piedi. 

Per questo motivo è possibile individuare numerose qualità atletiche che vengono impegnate durante un incontro, ciascuna delle quali deve essere allenata tramite esercizi specifici.

Le capacità atletiche da condizionare nell’MMA 

La forza assoluta 

La forza assoluta è la massima forza che l’atleta riesce a sviluppare. Essa è fondamentale nelle fasi di lotta, per spostare, afferrare, sopraffare e evitare l’avversario soprattutto a terra.

esercizi consigliati

  • Deadlift, squat, 
  • ripetizioni
  • 1 / 8

La forza esplosiva 

La forza esplosiva è una manifestazione di forza massima sprigionata con estrema rapidità. Si può definire come accelerazione della forza ossia capacità di imprimere una forza elevata in tempi brevi. 

Essa è indispensabile per colpire efficacemente l’avversario, per afferrarlo e dominarlo nella lotta a terra e per liberarsi dalle prese. 

La forza esplosiva si manifesta e si allena con gesti particolarmente veloci, ma è inevitabilmente influenzata dalla forza massimale. 

esercizi consigliati

  • Snatch, power snatch, clean, jerk, balzi 
  • ripetizioni
  • 2 / 20

la forza veloce 

Per forza veloce si intende la capacità di superare resistenze moderate con un’elevata velocità di contrazione. 

La forza veloce è alla base delle tecniche di calcio e pugno utilizzate durante l’incontro.

esercizi consigliati

  • Burpee, skip, calci e pugni con sovraccarichi ed elastici, saltelli con ostacoli
  • ripetizioni
  • 10 / 20

La forza resistente 

La forza resistente è la capacità del muscolo di produrre forza per un tempo prolungato, essa viene utilizzata dall’atleta durante la lotta, in quanto in questa fase del combattimento il continuo contatto con l’avversario obbliga l’atleta a molteplici contrazioni muscolari per impedire di essere sopraffatti. 

esercizi consigliati

  • Deadlift, squat, bench press, windmill, rope climbing, chin up, renegade, ring training, circuiti
  • ripetizioni
  • 15 / 30 

La resistenza alla forza veloce 

la resistenza alla forza veloce è la capacità di esprimere elevati livelli di forza veloce usata nelle tecniche di calcio e pugno per un tempo lungo. 

Risulta indispensabile se l’incontro si sviluppa prevalentemente con scambi di colpi in piedi per garantire l’adeguata velocità all’atleta. 

esercizi consigliati

  • Sprint, jerk, push up, slitte 
  • ripetizioni
  • 15 / 50, 30/ 60 secondi

La forza speciale 

La forza speciale o forza specifica rappresenta la forza espressa nei gesti atletici specifici dell’MMA che pertanto si sviluppa nei colpi e nella lotta. 

La forza speciale rappresenta la capacità dell’atleta di utilizzare il proprio corpo al meglio durante ogni incontro. 

esercizi consigliati

  • Torsion, rope wave, hammer
  • ripetizioni
  • 10 / 30 secondi

La reattività 

La reattività consiste nella capacità dell’atleta di eseguire movimenti e sviluppare forze in tempi rapidi, corrisponde alla capacità di rispondere nel minore tempo possibile alle differenti situazioni che si evolvono durante l’incontro. 

Se siete appassionati continuate a leggere i nostri articoli di MMA

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

M.M.A. per le Forze di Polizia
31 Maggio 2019

M.M.A. per le Forze di Polizia

Le Mixed Martial Arts (MMA) sono lo sport di combattimento a contatto pieno più completo che esista e sono in assoluto, tra tutte le arti marziali/sport di combattimento, il sistema più efficace per il combattimento reale a mani nude e per la difesa personale e sono particolarmente raccomandate per l’allenamento delle forze di polizia e militari.

Holly Holm, Regina dell'UFC
16 Novembre 2015

Holly Holm, Regina dell'UFC

La sua vittoria più importante l'ha centrata all'UFC 193, il 14 novembre u.s., quando ha conquistato il titolo dei pesi gallo nelle MMA contro un'agguerritissima e fino ad allora imbattuta e campionessa in carica Ronda Rousey.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.