(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

UFC 202 - La Rivincita tra Conor McGregor e Nate Diaz

data di redazione: 18 Agosto 2016
UFC 202 - La Rivincita tra Conor McGregor e Nate Diaz

Ci siamo, siamo agli sgoccioli dell'attesissimo incontro, la rivincita che tutti aspettano, quella tra Conor McGregor e Nate Diaz.

Ricordiamo che il 5 marzo i due si erano incontrati al T-Mobile Arena a Las Vegas di UFC 196 e Nate Diaz dopo aver pressato con un'ottima pugilistica l'Irlandese (al debutto nei pesi Welter), lo sottometteva con uno strangolamento al secondo round, andando letteralmente contro i pronostici.

Sembrava che questo match non si dovesse più disputare, invece il 20 agosto p.v. si incontreranno nel main event di UFC 202 sempre presso la T-Mobile Arena a Las Vegas.

Come la volta scorsa i due combattenti si sfideranno nei pesi welter, ovvero al limite dei 77 Kg (170 libbre). Questo evento viene propagandato come l'evento più atteso e di maggior successo della storia dell'UFC, e McGregor si dice pronto ad affrontare il suo rivale: "mi sono preparato al meglio per affrontare il mio avversario, farò fuori quest'uomo alto, brutto, mancino e messicano".

I veleni, con due fighter come questi, non si risparmiano neanche in conferenza stampa.

Per McGregor la vittoria a UFC 202 è essenziale per mantenere la sua credibilità di grande combattente, anche se non ne avrebbe bisogno.

Il 19 aprile l'Irlandese aveva scritto su Twitter che aveva intenzione di ritirarsi come combattente, anche se questo suo annuncio non era stato preso poi così seriamente da chi lo conosce bene e sa quindi di che temperamento è fatto.

E non avevano torto. Sembra che McGregor questa volta, al contrario del solito (da quello che riferisce in un'intervista), si sia preparato in maniera specifica, consapevole di trovarsi di fronte un astuto e temibile lottatore con una grandissima resistenza, come ha dimostrato anche nel loro precedente incontro.

Si preavvisa un incontro spettacolare! Certo è che se vincesse McGregor si aprirebbero le porte per una terza sfida. Staremo a vedere.

Potrebbe interessarti anche

I 7 Migliori Esercizi per le M.M.A.
17 Luglio 2015

I 7 Migliori Esercizi per le M.M.A.

Quali Esercizi Effettuare per Rafforzare il Fisico nelle M.M.A.

Forza e condizionamento sono di vitale importanza per il successo di un lottatore di MMA, sia che gareggi all'interno delle gabbie, sia che pratichi le MMA per puro divertimento in palestra. In questo sport non bisogna avere punti deboli e quindi bisogna potenziare tutto il corpo indistintamente. Quando ti alleni per le MMA, devi solo ricordarti che sei un combattente e non un body builder. Infatti non tutti fighter sono grossi muscolosi e definiti. ma questo non significa che non abbiano colpi micidiali di una velocità e potenza inaudita, anzi, uno su tutti? Fedor Emelianenko. Il senso della questione è che gli obiettivi dell'allenamento pesi nelle M.M.A. sono diversi.

M.M.A. Scheda di Potenziamento Pesi di Chuck Liddell
27 Gennaio 2015

M.M.A. Scheda di Potenziamento Pesi di Chuck Liddell

Come si allenava Chuck Liddell, il Grande Campione dell'UFC

Chuck Liddell ha iniziato il suo cammino marziale studiando Koei-Kan Karate all'età di 12 anni, anche se è meglio conosciuto come Kempo Karate, stile insegnato da John Hackleman. Si è poi allenato per diversi anni nella Kick Boxing e ha studiato anche Brasilian Jiu Jitsu conquistando la cintura viola, ma nonostante ciò, nei suoi incontri ha sempre preferito lo scambio di colpi in piedi, cercando di evitare i takedown.   

Ultimi post pubblicati

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI
12 Dicembre 2018

TWIST ROLLER PER ESTENSORI AVAMBRACCI

Descrizione esecuzione esercizio con i vari step per eseguire in maniera perfetta il movimento. Elenco dei muscoli coinvolti, biomeccanica dell'esercizio e tipo di esercizio.

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali
10 Dicembre 2018

Infortunio ai Muscoli Ischiocrurali

Il migliore metodo per evitare un doloroso infortunio ai flessori della coscia è la prevenzione. Spesso accade che gli atleti, quando sono in forma, tendono a strafare e spesso e volentieri sono gli eccessivi carichi di lavoro a produrre questo genere di infortunio.