(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Pancrazio da Arte Marziale a Sport da Combattimento

data di redazione: 30 Aprile 2015
Pancrazio da Arte Marziale a Sport da Combattimento
Agli inizi degli anni novanta in Russia la federazione di Pancrazio ha organizzato diversi tornei non tanto diversi dal ValeTudo Brasiliano, cioè combattimenti molto crudi a mani nude.
 
Si tratta del Pancrazio (Pan + Kratos, che significa "tutta la forza"), è un'antica Arte Marziale Greca, che è stata come un propulsore per la nascita di tutte le arti marziali conosciute al giorno d'oggi e che provengono dall'oriente.
 
Un'efficace arte marziale, che anticamente consisteva in un misto di lotta e pugilato. Il Pancrazio viene tutt'ora insegnato a diversi corpi militari in varie nazioni, e in sostanza è una forma di combattimento a contatto pieno controllato, con pochissime regole, ancor meno che nelle arti marziali miste.
 
Questa forma di combattimento nasce anticamente come purissima arte di guerra, con lo scopo primario della sopravvivenza, come la maggior parte delle arti marziali. In un secondo momento si sfruttò per intrattenere il pubblico in vere e proprie competizioni, fissando delle regole, che però erano molto limitate e perciò i combattimenti erano estremamente sanguinari.
 
Solo nel 648 a.C. vennero riviste e affinate ulteriormente le regole, potendo così inserire il Pancrazio nei giochi olimpici del tempo.
 
Un grande appassionato di Pancrazio fu il grande Alessandro Magno, e grazie a lui si diffuse in tutte le terre che conquistava e addirittura nel 200 a.C. vennero introdotte le gare ai giochi olimpici anche per i bambini.
 
Già a quei tempi questo sport da combattimento, che possiamo tranquillamente definirlo così visto che da arte marziale vera e propria si è trasformato in uno sport, aveva un contenuto formativo psicofisico con dei valori morali ed etici che sono stati tramandati fino ai giorni nostri.
 
Ciò non toglie che tutt'ora, data l'efficacia di quest'arte, sia insegnato anche come difesa personale.
 
Oggi il Pancrazio é ampiamente riconosciuto ed insegnato in tutto il mondo, e viene proposto in due stili:
  • Il Pankration Traditional (combattimento totale senza colpi alla testa)
  • Il Pankration Elite (combattimento a contatto pieno in cui sono concessi anche i colpi alla testa)
Diversi combattenti resi famosi dalle loro vittorie in UFC provengono dal Pancrazio ed hanno alle spalle diversi match di questo antichissimo sport da combattimento.
 
Buon ABC Allenamento 
Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Praticare discipline marziali dopo i 40 anni
02 Ottobre 2014

Praticare discipline marziali dopo i 40 anni

Sport da combattimento dopo i quarant'anni?

Sport duri come la Boxe, MMA o Grappling certamente devono essere affrontati in modo amatoriale e con alcune accortezze... poi tutto si può fare fino anche a tarda età. I benefici sono tantissimi, a partire dalla forma fisica fino all'equilibrio di mente e spirito

Karate: l'allenamento al sacco
11 Dicembre 2015

Karate: l'allenamento al sacco

L'allenamento al sacco nel Karate è importante per la sua funzione tecnico-pratica e psicologica

Molto spesso dopo anni di allenamento, senza un allenamento al sacco la convinzione nell'allievo sull'efficacia reale dei propri attacchi scema, proprio perché durante i quali è costretto ovviamente a controllare le tecniche per non far male al compagno

Ultimi post pubblicati

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.

Ricetta Per La Colazione con il Muesli
19 Ottobre 2018

Ricetta Per La Colazione con il Muesli

Il muesli o müsli (in svizzero tedesco Müesli o Birchermüesli) è una miscela di cereali e frutta secca solitamente consumata durante la prima colazione. Può essere mangiata da sola, ma è consigliato accompagnarla con latte, yogurt o latte di soia.
Preparazione: 25 min.
Difficoltà: 1
N. porzioni: 4