(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Pliometria e Arti Marziali

data di redazione: 13 Aprile 2015
Pliometria e Arti Marziali

Linee guida generali per un buon esercizio della pliometria

Perché fare pliometria nelle arti marziali?

L’esecuzione di esercizi pliometrici per le arti marziali contribuisce ad aumentare la potenza esplosiva, la velocità e la capacità di cambiare direzione rapidamente.

Aiuta in pratica anche gli atleti di sport da combattimento, a gestire più agevolmente il proprio corpo sul ring.

 

Eseguiti da soli, gli esercizi pliometrici hanno un’efficacia limitata; infatti essi sono particolarmente utili quando vengono eseguiti in combinazione con un programma di allenamento della forza; proprio perché senza una base di forza, allenamento pliometrico alla stregua dei fatti può fare più male che bene.

 

Prima di eseguire esercizi pliometrici per le arti marziali dovete fare un buon riscaldamento; quindi siate ben caldi prima di iniziare una sessione di allenamento pliometrico. Non solo contribuirete a prevenire gli infortuni, ma aumenterete di molto l'efficacia dei vostri allenamenti. 

 

Riscaldamento prima di una sessione di pliometria.

Iniziate con con 10 minuti di esercizio aerobico, come ad esempio lo jogging, poi fate seguire i jumping jacks.

Potete anche iniziare facendo piccoli ma frequenti saltelli sulle punte, a seguire cercate di riscaldare bene  la parte alta del corpo oscillando le braccia per scaldare bene le spalle poi in seguito anche la parte inferiore con calci a vuoto, affondi frontali e laterali per le ginocchia e i muscoli quadricipiti. 

 

 

Regole guida

Ecco alcune linee guida più importanti quando si effettuano esercizi pliometrici per le arti marziali:

 

  • In genere la pliometria non è consigliata ai minori di 16 anni - in particolare le esercitazioni più impegnative, come salti di profondità. Allo stesso modo soggetti anziani sopra i 60 non dovrebbero fare allenamenti troppo intensi.

 

  • Non eseguire nessun esercizio pliometrico se non se ne conosce bene la modalità di esecuzione e i tempi di recupero.

 

  • Non fare circuiti pliometrici insieme a lavori di resistenza.

 

  • Gli esercizi pliometrici non vi devono lasciare senza fiato, quindi non siate tentati di aggiungere serie e ripetizioni in più di quelle previste. 

 

  • Eseguite esercizi pliometrici per gli arti inferiori del corpo su una superficie morbida, come ad esempio in un prato o sul tatami in palestra.

 

  • Due o al massimo tre sedute di esercizi pliometrici a settimana sono sufficienti.

 

  • Riposate completamente tra la serie  (dai 3 ai 5 minuti). L'obiettivo non è la fatica, ma dovete completare ogni ripetizione con una buona qualità di esecuzione con  la massima intensità e velocità.

 

  • Una sessione pliometrica non deve essere eccessivamente lunga.

 

  • Non aggiungete carico extra come pesi alle caviglie o  giubbotti imbottiti; ciò potrebbe portare a lesioni ed effetti negativi sulla qualità dei drill.

 

  • Mantenete il busto eretto durante i movimenti per non sforzare inutilmente la schiena.

 

 

 

Buon allenamento da ABC

 

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Filosofia del Combattimento del Kendo
02 Ottobre 2014

Filosofia del Combattimento del Kendo

Nel Kendo la forza non gioca un ruolo decisivo come in altre arti marziali o soprattutto sport da combattimento come la lotta olimpica. L'intuizione che proviene dallo spirito e dalla tecnica giocano un ruolo decisivo

I Kata
30 Settembre 2014

I Kata

La pratica delle forme nelle arti marziali giapponesi: scopi e benefici

La pratica del Kata è individuale e richiede un costante allenamento: sono le serie tecniche che costituiscono l'elemento più rappresentativo delle arti marziali giapponesi.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.