(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Praticare discipline marziali dopo i 40 anni

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Praticare discipline marziali dopo i 40 anni

Sport da combattimento dopo i quarant'anni?

La pratica di Arti Marziali o Sport da combattimento sono portatori di alcuni valori che vanno ben oltre la semplice attività fisica; nonostante essa possa continuare per molti anni, e sebbene col tempo la velocità e i riflessi diminiuscano, la pratica costante permette di realizzare un equilibrio psico-fisico che consente di prevenire le situazioni e di acquistare un senso controllato della risposta.

L'età contribuisce senza dubbio a far apprezzare meglio il "do", la "via".

 

A commento di quanto detto citiamo alcuni pareri raccolti fra i praticanti di età superiore a quarant'anni:

 

Piero Z., 54 anni , cintura nera 4° Dan, docente universitario:"La Boxe mi aiuta a integrarmi nella società e a calmare la mia aggressività. Inoltre, mi aiuta a mantenere il fisico sempre in forma; a quest'età, e molto importante".

Roberto G., 45 anni, commerciante: "grazie al Kendo, si impara a comportarsi in modo corretto ed equilibrato, secondo canoni stabili e umani".

 Filippo V., 46 anni, avvocato:"Il Wing Chun costituisce una prefetta sintesi tra arte guerriera e pensiero filosofico, contribuendo a una migliore realizzazione dell'individuo".

Davide E., 49 anni, commercialista. " Il Kung Fu Pa Gua rappresenta un modo di essere e comportarsi, e indica un cammino da seguire nella vita, ed è un'attività sportiva che contribuisce a formare la personalità".

 

Sebbene le caratteristiche e le possibilità fisiche dell'individuo siano in relazione all'età e non sia sempre possibile adeguare immediatamente l'organismo alle esigenze della pratica scelta, ogni individuo ha la possibilità di sviluppare certi aspetti o certe tecniche che valorizzino in modo ottimale le sue condizioni. Per questo nonostante il passare degli anni, si può dar prova di flessibilità, resistenza e forza, e realizzare un lavoro positivo e un progresso costante.

Pur dovendo limitare la velocità, è possibile realizzare un lavoro efficace anche nella pratica dello Sparring libero. Una migliorata situazione fisica, una maggiore capacità di controllo e l'uso abituale di movimenti di colpi, calci, ginocchiate, spazzate eccetera in modo controllato e meno traumatico, contribuiscono a dare ugualmente efficacia al lavoro.

 

Ad esempio il modo delle tecniche e dei Kata nell'ambito del Karate ad esempio è aperto assolutamente a tutte le età, i movimenti, prendendo forza e velocità, acquistano serenità, solennità e fermezza di spirito, che si riflettono sull'esecuzione, a prescindere dalle limitazioni tecniche dovute alle condizioni fisiche di ognuno; i kata dei grandi maestri di età avanzata per esempio costiutiscono un patrimoniuo di insegnamenti del Karate-do.

Chiaramente sport come la lotta, Grappling, MMA, di per sé molto traumatici anche negli allenamenti vanno presi in maniera amatoriale e fatti limitando il tempo degli allenamenti e dando più importanza alla qualità.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Impariamo il judo - 1° parte
27 Agosto 2015

Impariamo il judo - 1° parte

Tecnica fondamentale di controllo e sbilanciamento

Quando si muovono i primi passi nel Judo, le tecniche che vengono insegnate generalmente sono identiche sia per gli adulti che per i bambini. La prima cosa da fare per iniziare un "combattimento" di Judo consiste nell'eseguire le prese, cioè nell'afferrarsi l'un l'altro.

​Mushin e Awase, Una Combinazione Perfetta nelle Arti Marziali
15 Ottobre 2015

​Mushin e Awase, Una Combinazione Perfetta nelle Arti Marziali

Mushin e Awase. Si sono spesi fiumi di parole per descrivere ed esaltare il significato di questi due principi molto importanti nelle arti marziali.

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.