(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Preparazione Fisica nelle Arti Marziali e Sport di Combattimento

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 04 Dicembre 2018
Preparazione Fisica nelle Arti Marziali e Sport di Combattimento

L'importanza dei muscoli, forza e resistenza nelle arti marziali e sport di combattimento

Preparazione Fisica nelle Arti Marziali e Sport di Combattimento 
 
Secondo voi per essere dei buoni combattenti non serve avere un fisico atletico? Non serve avere resistenza aerobica e muscolare? Non serve avere forza esplosiva e forza massimale? 

Non serve essere preparati a livello muscolare? Molti Maestri ed istruttori di Arti Marziali, soprattutto di quelle tradizionali, disprezzano l'allenamento per potenziare il fisico asserendo che è superfluo ed inutile in quanto è la tecnica che farà vincere un combattimento ed inoltre lo sviluppo della massa muscolare renderebbe lenti.
 
Noi di ABC ALLENAMENTO non la pensiamo affatto così e vi spiegheremo le nostre ragioni. Prima di entrare nel merito del discorso vi vogliamo ricordare che il più grande artista marziale mai esistito, a detta di tutti, ovvero il grande BRUCE LEE, riteneva l'allenamento muscolare e cardiovascolare determinante per essere pronti in un combattimento. 

Il Grande Bruce Lee correva, per tre o quattro giorni la settimana, prima di colazione, per 5 o 6 miglia cercando di coprire tale distanza nel minor tempo possibile. 

Inoltre in altre 3 sedute alla settimana , si allenava con i pesi, sia per incrementare la massa muscolare con esercizi di body building, sia per migliorare la forza esplosiva e resistenza muscolare con allenamenti che oggi giorno li definiremmo FUNZIONALI , poi ovviamente effettuava le proprie sedute tecniche di colpi, lotta e sparring per migliorare nelle arti marziali.
 
Molti Istruttori di Difesa personale e arti marziali sostengono e dicono che in strada qualità fisiche come forza e resistenza non servono perché un'ipotetica aggressione dura pochi attimi. 

Coloro che sostengono queste tesi (false) sono quasi sempre: o obesi oppure secchi come "chiodi", quindi è del tutto normale che dicano queste cose.
 
Se un istruttore è grasso non può di certo dire che essere magri e definiti serve!! perché non sarebbe credibile visto il proprio stato di obesità. Se un istruttore è secco come un chiodo non può di certo dire che i muscoli e la forza servono perché altrimenti anche costui non sarebbe credibile davanti ai propri allievi. 

Vi ricordo che in strada le aggressioni che capitano sono quasi sempre o risse o aggressioni per rapina o scippo, avere una buona condizione fisica vi farà ragionare meglio perché il battito cardiaco, nonostante lo spavento, sarà sempre più basso di una persona NON allenata, inoltre una buona condizione fisica vi permetterà di difendervi colpendo e poi anche di scappare perché nelle risse rimanere nel luogo della "zuffa" contro molte persone, magari armate di bicchieri o cinture, non è salutare.
 
Noi di ABC ALLENAMENTO pensiamo che l'attività svolta da un Maestro di Arti Marziali e Sport di Combattimento sia una vera e propria missione, una missione che va condotta con passione dando l'esempio. 

Un Maestro deve essere fisicamente a posto, quindi deve condurre una vita sana mangiando come uno sportivo cercando di essere sempre pronto ad ogni situazione. Gli allievi sono come dei figli o fratelli minori, non c'è bisogno di dire nulla, seguiranno l'esempio. E probabilmente diventeranno degli artisti marziali di spessore o combattenti di tutto rispetto.
 
Una Scuola di Arti Marziali o Sport di Combattimento che si rispetti, ha al suo interno delle gerarchie, si è amici, si lavora assieme amichevolmente, ma ci sono sempre delle gerarchie dettate dall'anzianità di allenamento e quindi una sorta di rispetto reciproco; sappiate che nel sacrificio collettivo dettato da allenamenti tecnici ma anche di tipo sportivo con pesi, corsa ed attrezzi funzionali si coagula il Gruppo. Si formerà un Gruppo solido come la roccia.
 
E' la tecnica usata dai corpi militari scelti come i MARINES AMERICANI, I NAVY SEALS oppure i nostri NOCS della POLIZIA DI STATO . Questi corpi si allenano nonostante freddo, neve, fango, in condizioni psico - fisiche avverse. La Fatica ed il sudore forma il gruppo, importantissimo in questi corpi speciali dove si lavora in collettivo o squadra dove ogni uomo deve coprire e difendere l'altro.
 
Negli ultimi anni con l'avvento delle MMA mixed martial art's c'è stato un mixaggio delle arti marziali con gli sport di combattimento e quindi essendo le MMA discipline sportive si è data molta importanza all'aspetto fisico atletico dell'atleta il quale deve sostenere dalle 2 alle 5 riprese da 5' all'interno di una gabbia.
 
Questo è stato un bene perché molti maestri ed istruttori si sono ricreduti dalle loro posizioni e oggi giorno si da molta più importanza all'aspetto fisico atletico anche per gli allievi che non combattono e che vanno in palestra come hobby.
 
In conclusione il connubio tecnica, passione, resistenza e forza farà di voi un artista marziale all'avanguardia e non vedo cosa ci sia di male nel mostrare i propri addominali scolpiti o pettorali torniti. 

Un corso di arti arti marziali deve essere completo e quindi la preparazione fisica non può essere basata solo su 5 minuti di addominali e qualche piegamento sulle braccia fatto pure male. 
 
Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Che cos'è il Tai Chi? Quali Sono i Benefici che può Apportare alla Salute?
05 Settembre 2015

Che cos'è il Tai Chi? Quali Sono i Benefici che può Apportare alla Salute?

​Il Tai Chi è un tipo di arte marziale molto conosciuto per le sue tecniche di difesa e benefici per la salute.

Arti Marziali: Passione o Ossessione?
05 Gennaio 2018

Arti Marziali: Passione o Ossessione?

C'è una differenza ed un limite tra passione per le arti marziali ed ossessione? Tutti i marzialisti hanno passato mille fasi nel loro rapporto con le Arti Marziali, da quelle più intense e totalizzanti, a quelle di rottura e di "basta, ho chiuso", e via, in una girandola che accompagna sempre coloro che praticano queste discipline.

Ultimi post pubblicati

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco
18 Febbraio 2019

Soufflè Proteici Al Cioccolato e Cocco

Volete terminare le vostre proteine al cioccolato realizzando una ricetta deliziosa? Vi consigliamo di provare il nostro soufflè proteico al cioccolato e cocco.
Preparazione: 20 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2
Budino Proteico Alla Vaniglia
18 Febbraio 2019

Budino Proteico Alla Vaniglia

Il budino con latte e uova è un dolce altamente proteico ideale per una colazione o merenda da sportivo. In questa ricetta vi proponiamo un modo per farsi a casa propria un budino proteico con le vostre proteine del siero del latte. 
Preparazione: 40 min.
Difficoltà: 3
N. porzioni: 2