Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Come Perdere Peso in Modo Intelligente negli Sport da Combattimento

data di redazione: 02 Settembre 2016
Come Perdere Peso in Modo Intelligente negli Sport da Combattimento

Perdere quei maledetti 3 chili, in eccedenza, in fase di preparazione è uno dei problemi più comuni per chi fa agonismo, specie negli sport da combattimento, dove l'obiettivo è quello di rientrare nella propria categoria di peso, consona alle proprie dimensioni fisiche.

Molto spesso gli atleti professionisti, ricorrono a metodi pericolosi e assai dannosi per l'organismo (anche perchè devono perderne molti di più, spesso troppi a nostro avviso), ma i risultati possiamo ottenerli in maniera salutare ed intelligente anche per mezzo di un particolare allenamento ad alta intensità e con un tipo di alimentazione adeguato.

CARBOIDRATI PER PERDERE GRASSO CORPOREO

Molto spesso i carboidrati vengono visti come un qualcosa da eliminare per perdere peso, ma se questi forniscono energia, perchè evitarli prima di una sessione di allenamento per perdere grasso corporeo?

In questo caso specifico noi utilizzeremo i carboidrati per alimentare al meglio il nostro corpo ma dimagrendo.

È importante sapere che i sistemi energetici del nostro organismo si attivano in tempi diversi, a seconda di ciò che è disponibile, e la nostra evoluzione ha voluto che quel maledetto grasso che non riusciamo mai a smaltire sia usato solo come ultima risorsa. Per l'energia prima del grasso accumulato il nostro corpo tende ad utilizzare il glucosio ematico, e poi, le riserve di glicogeno.

Ma noi possiamo invertire questo meccanismo. Livelli bassi di glucosio ematico lo stimolano a ricorrere prima al grasso corporeo, così, il corpo rilascia gli acidi grassi accumulati e li usa per fornire energia indispensabile per affrontare i nostri allenamenti in preparazione, dimagrendo.

COME VI DOVETE COMPORTARE

Nell'ultimo mese in preparazione allenatevi a stomaco vuoto. Prediligete lavori aerobici ad intensità costante prima del primo pasto della giornata o più tardi, a stomaco relativamente vuoto.

Se avete gli allenamenti serali ad un orario obbligato programmate il vostro spuntino pre-allenamento lontano dalla sessione, in modo tale da avere lo stomaco vuoto. Quando il glucosio ematico è basso, il corpo seguendo un suo meccanismo preciso ricorrerà prima alle riserve di grasso (e di glicogeno).

Ricordatevi inoltre di bere molta acqua, specie durante gli allenamenti. Per quello che riguarda la struttura dei vostri allenamenti, inserite (in modo intelligente) le serie di allenamento a intervalli ad alta intensità (HIIT).

Questo significa che a giorni alterni dovreste effettuare scatti dalla durata di 60/90 secondi, a seconda del vostro grado di allenamento, per poi recuperare dagli 1 ai 3 minuti e così via.

Se riuscite ad effettuare 6 serie di scatti in questo modo la vostra sessione di allenamento giornaliera di "interval training" durerà circa 15/20 minuti ma sarà estremamente efficace per quello che riguarda la perdita di peso, perchè è in grado di accelerare il ritmo metabolico e continuerete a perdere grasso per il resto della giornata.

Usate l'allenamento a intervalli ad alta intensità non più di 3 volte alla settimana, alternandolo con i vostri allenamenti tecnici e le vostre sessioni di sparring.

Un'idea potrebbe essere quella di strutturare la vostra settimana in questo modo:

LUNEDI: (HIIIT) - 6 serie di scatti da 90 secondi (2 minuti di recupero fra una serie e l'altra) Allenamento tecnico

MARTEDI: Allenamento tecnico/sparring

MERCOLEDI: (HIIT) - 6 serie di scatti da 90 secondi (2 minuti di recupero tra una serie e l'altra) Allenamento tecnico

GIOVEDI: Allenamento tecnico/potenziamento(pesistica o lavori funzionali)

VENERDI: 6 serie di scatti da 90 secondi (2 minuti di recupero fra una serie e l'altra) Allenamento tecnico

SABATO: lavoro specifico/sparring

DOMENICA: Riposo/corsetta leggera

Ovviamente è soggettivo e questo schema è solo un'idea, dovete strutturare la vostra preparazione (con i giusti tempi di recupero e di durata degli scatti) a seconda delle condizioni dell'atleta, e se il vostro tempo libero ve lo consente sarebbe perfetto effettuare la sessione di scatti al mattino e l'allenamento tecnico la sera (nello stesso giorno). È fondamentale anche osservare il periodo di scarico l'ultima settimana prima della gara, facendo particolare attenzione all'alimentazione specie gli ultimi 3 giorni compreso quello dell'incontro.

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Programma di allenamento di 8 settimane per le arti marziali
28 Marzo 2019

Programma di allenamento di 8 settimane per le arti marziali

Preparazione fisica non agonistica per Praticanti Esperti

Perché seguire un piano di allenamento con i pesi? Chi si allena senza nessuna aspirazione agonistica, chi ad esempio pratica Kung Fu o altre arti marziali tradizionali, e non ha l’impegno categorico di rispettare una scadenza che coincide con il match, il più delle volte non ha un piano per prepararsi alla lotta, che magari gli può capitare per strada anche questa sera uscendo dal Dojo.

Allenamento e Dieta del Thaiboxer Buakaw Por. Pramuk
16 Dicembre 2014

Allenamento e Dieta del Thaiboxer Buakaw Por. Pramuk

Biografia, Tipo di Allenamento e Dieta di uno dei più grandi thaiboxer al mondo

Buakaw ha iniziato la sua carriera di fighter all'età di otto anni nella provincia di Surin nel nord-est della Thailandia, prima di trasferirsi a Por. Pramuk. Dicono che i suoi calci siano più forti di quelli di un cavallo, che abbia la resistenza di un maratoneta e che i suoi pugni siano talmente veloci da Non essere visti dall'occhio umano.  

Ultimi post pubblicati

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.

YMCA Bench Press Test
15 Luglio 2019

YMCA Bench Press Test

L'obiettivo dell'YMCA bench press test è di valutare la forza e la resistenza dei muscoli estensori del gomito e dei muscoli flessori ed adduttori della spalla.