Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

MMA Circuito per la Resistenza

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
MMA Circuito per la Resistenza

Circuito semplice ma efficace per la resistenza muscolare in vista di un incontro

In particolare nell' MMA ma comunque in tutti gli sport da combattimento che prevedono colpi quali la boxe la thay boxe la muay thay e altre ancora è di fondamentale importanza la preparazione fisica e mentale nel caso si voglia affrontare un match.

 

La preparazione fisica deve essere studiata in modo tale da arrivare al giorno dell'incontro in condizioni ottimali, per quel che riguarda le riserve di energia e  la condizione mentale.

 

Il difficile spesso è

  1. saper alternare al meglio i giorni di lavoro intenso ai giorni di riposo per il recupero,
  2. gli allenamenti necessari per fare fiato e quelli per migliorare la resistenza muscolare
  3. e ovviamente quelli per la forza esplosiva.

È importante saper ascoltare l'atleta stesso in quanto ognuno e' diverso dall'altro.

 

In ogni caso oggi ci focalizziamo sugli allenamenti della resistenza muscolare, che a mio avviso nel mese antecedente l'incontro dovrebbero avere una frequenza di un paio a settimana e non di più.

 

Questo soprattutto nel caso di uno sport come l'MMA che necessita di allenamenti riguardanti sparring di lotta e di striking frequenti, oltre che di lotta alla rete e ai take down, fondamentali per finire in posizione favorevole all'avversario a terra.

 

Il tutto e' dispendioso, ed è proprio per questo che è di primaria importanza non esagerare con la frequenza dei circuiti di cui parliamo oggi.

 

Iniziate con un adeguato riscaldamento per salvaguardare i muscoli da infortuni, poi vi preparate al sacco per un circuito strutturato in questo modo:

 

  • 2 minuti al sacco solo pugni diretti
  • 30' di recupero
  • 2 minuti al sacco low kick
  • 30' di recupero
  • 2 minuti al sacco pugni a corta distanza ganci montanti
  • 30' di recupero
  • 2 minuti al sacco calci e tecniche di braccia solo a media distanza
  • 30' di recupero
  • 2 minuti al sacco di ginocchiate e tecniche di braccia e gomiti a corta distanza

 

In questo modo allenerete tutte le distanze inerenti al lavoro di striking ottenendo un doppio beneficio cioè resistenza e tecnica.

 

Se fatto in gruppo inoltre puo' risultare un allenamento coinvolgente e apparentemente meno faticoso. Il consiglio comunque e' quello di svolgere tutto il lavoro con un'intensita' adeguata al periodo e alla condizione di chi la esegue.

 

Con un circuito simile si avranno 10 minuti di lavoro con al suo interno 2 minuti di recupero, che si puo' ripetere una, due o tre volte con una distanza di 5 minuti l'uno dall'altro a seconda sempre della condizione fisica dell'atleta e in base alla durata dei round del suo match.

 

Buon allenamento da ABC

 

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Programma per l'Incremento della Forza, Resistenza e Condizionamento
13 Settembre 2016

Programma per l'Incremento della Forza, Resistenza e Condizionamento

Per un combattente, che desidera eccellere in tutti i campi del combattimento, come ad esempio per un Fighter di MMA è importante allenarsi per massimizzare sia la velocità dei colpi come un pugile o thaiboxer, sia la forza nonché potenza dei muscoli come un lottatore di greco romana o submission grappling

Arti Marziali - Ten rounds of death workout
03 Aprile 2019

Arti Marziali - Ten rounds of death workout

Allenamento per veri duri con i “dieci round della morte”

Questo programma di allenamento vi aiuterà a far fronte ad un combattimento di MMA, una competizione di Kickboxing o semplicemente per mantenervi in buone condizioni fisiche per la vostra difesa personale.

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.