Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Protocollo di Allenamento a Circuito per Migliorare la Resistenza in Combattimento

data di redazione: 23 Novembre 2016
Protocollo di Allenamento a Circuito per Migliorare la Resistenza in Combattimento

Il circuit training con stazioni a tempo è un ottimo metodo per allenarsi per migliorare la condizione fisica dei propri atleti. I primi a farne uso nell’ambiente dell’ allenamento sono stati gli atleti di sport di squadra, oggi largamente utilizzati negli sport da combattimento di qualsiasi genere. dalla lotta greco romana alle mma, dalla boxe al Brazilian Jiu jitsu, dal judo al submission grappling.

Il circuit training, in origine, è nato come metodologia d’allenamento della forza ma è molto utile per migliorare le capacita’ di produrre e tollerare acido lattico a livello muscolare, due componenti metaboliche fondamentali per lo sviluppo della Forza Resistente.

Cos'è la Forza Resistente?

  • E' la capacità del corpo di mantenere per un determinato tempo una qualsiasi attività metabolico-muscolare senza che si determini un calo di rendimento atletico.
  • Per allenare la resistenza è ideale un allenamento a circuiti. Con questi circuiti generalmente si allena tutto il corpo con esercizi per le braccia, petto, dorso, addome e gambe.
  • Gli esercizi possono essere organizzati a tempo o a ripetizioni.
  • I circuiti sono formati da 4 o più esercizi, solitamente per gruppi muscolari differenti aggiungendo esercizi per gli addominali.

Se volete effettuare dei Circuiti a tempo nella vostra palestra di arti marziali e/o sport da combattimento un'idea potrebbe essere quella di strutturare dei circuiti a tempo ibridi, composti da 3 esercizi da 30" di lavoro con 1'30" di una particolare tecnica, da eseguirsi in combattimento libero per atleti agonisti, oppure ai colpitori, sacco oppure con l'uomo per atleti non agonisti. Entriamo nel merito del discorso, buttando giù il protocollo di lavoro da effettuarsi.

WARM UP

Prima di tutto dovete impiegare almeno 15 minuti per riscaldarvi e consigliamo di adottare un riscaldamento tipico degli sport di lotta. L'atleta lottatore è alquanto scrupoloso e da moltissima importanza al riscaldamento. Di norma viene effettuato in movimento con esercizi a corpo libero di diverso genere e natura, utili per riscaldare tutto il corpo.

PARTE CENTRALE DELLA SCHEDA

La parte centrale della scheda prevede l'applicazione di 5 circuiti da 3' con 1' recupero per gli atleti agonisti e 2'-3' di recupero per gli atleti NON agonisti. Il nocciolo della scheda durerà:

  • 3'
  • 1'
  • 3'
  • 1
  • 3'
  • 1'
  • 3'
  • 1'
  • 3'

20 minuti di lavoro totali per gli atleti agonisti

  • 3'
  • 2'
  • 3'
  • 2'
  • 3'
  • 2'
  • 3'
  • 2'
  • 3'

25 minuti di lavoro totali per gli atleti NON agonisti

Esempi di circuiti

Con tecniche di Lotta

Circuito A

  1. Floor press con manubri o piastra in ponte (distensioni pettorali con manubri o piastra a terra) 30"
  2. Squat con 1 piastra in cintura (come se fosse un uomo) 30"
  3. Jumping Jacks 30"
  4. 1,30" Grappling libero con compagno

Circuito B

  1. Rematore con Piastra o con manubri a Busto Flesso 30"
  2. Affondi con Piastra in cintura (come se fosse un uomo) 30"
  3. Burpees 30"
  4. 1'30" Grappling libero con compagno

Circuito C

  1. Push Press con Piastra sopra la testa oppure con manubri 30"
  2. Tirata alta al mento da terra con Piastra o Kettlebell 30"
  3. Knee Tucks Jump (ginocchia al petto in salto) 30"
  4. 1'30" Grappling libero con compagno

Con i Colpi

Circuito D

  1. Push up 30"
  2. Goblet Squat con piastra o kettlebell 30"
  3. Jumping Jacks 30"
  4. 1,30" Colpitori con compagno (Diretti) o al sacco

Circuito E

  1. Affondi con salto 30"
  2. Rematore con manubri busto flesso 30"
  3. Burpees 30"
  4. 1'30" Colpitori con compagno (ganci) o al sacco

Circuito F

  1. Push Press con Piastra sopra la testa oppure con manubri 30"
  2. Tirata alta al mento da terra con Piastra o Kettlebell 30"
  3. Knee Tucks Jump (ginocchia al petto in salto) 30"
  4. 1'30" Colpitori liberi con compagno o combinazioni libere con compagno

Siamo arrivati a 15' di riscaldamento + 20/25' di allenamento centrale. Gli ultimi 20' di allenamento per stare dentro l'ora li dedicherete allo stretching oppure ad un lavoro addominale specifico per gli sport da combattimento con esercizi del tipo:

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Programma di allenamento di 8 settimane per le arti marziali
28 Marzo 2019

Programma di allenamento di 8 settimane per le arti marziali

Preparazione fisica non agonistica per Praticanti Esperti

Perché seguire un piano di allenamento con i pesi? Chi si allena senza nessuna aspirazione agonistica, chi ad esempio pratica Kung Fu o altre arti marziali tradizionali, e non ha l’impegno categorico di rispettare una scadenza che coincide con il match, il più delle volte non ha un piano per prepararsi alla lotta, che magari gli può capitare per strada anche questa sera uscendo dal Dojo.

Allenamento Funzionale a Circuito per MMA
01 Ottobre 2014

Allenamento Funzionale a Circuito per MMA

WOD Fight Gone Bad

Praticamente il circuito è strutturato sui tempi di un combattimento di MMA e il WOD fu chiamato così, dopo che BJ Penn , un professionista di MMA, fece notare che paragonato ad un combattimento reale trasmetteva le stesse sensazioni di un “Fight Gone bad” ovvero un match finito male!

Ultimi post pubblicati

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare
16 Ottobre 2019

Programma Alimentare per Bodybuilding: cosa mangiare e cosa evitare

Per massimizzare i risultati ottenibili tramite l’allenamento in palestra, è necessario porre estrema attenzione sulla propria dieta, in quanto alimentarsi in maniera sbagliata può rallentare di molto il raggiungimento dei propri obiettivi relativi alla crescita muscolare e al miglioramento della propria composizione corporea.

Personal Trainer Sì o No?
27 Settembre 2019

Personal Trainer Sì o No?

I personal trainer sono atleti avanzati, magari anabolizzati? Questa è una credenza popolare anni 90 che in questo post sarà smentita. Affidarsi ad un personal trainer vuol dire scegliere di fare il giusto ingresso in una palestra; vuol dire approcciarsi correttamente al mondo dell’allenamento fitness.