(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Shinto Ryu

data di redazione: 11 Novembre 2014
Shinto Ryu

I principi che fondano questa arte marziale

Le arti marziali oggi popolari sono nate e si sono evolute, talvolta nel corso di molte centinaia di anni, dalle teorie e dalle idee di individui visionari che si servirono delle loro convinzioni e culture per modellare le loro capacità e le loro tecniche.

Attualmente, nuove scuole e nuovi stili continuano a prosperare nel mondo. In mezzo a queste scuole, lo Shinto Ryu è una delle discipline praticate all’Accademia Europea di Arti Marziali.

 

Cosa significa Shinto Ryu

Il suo nome significa “via della natura” o “spirito della natura”, in cui shinto significa “natura” o “tempio” e ryu “via”.

È infatti attraverso la comprensione del suo nome che possiamo ottenere un quadro circa le caratteristiche della scuola, che sviluppa perciò le abilità di autodifesa in “maniera naturale”.

Lavorando nell’ambito dell’Accademia Europea, la Junior Defence line si specializza appunto nello sviluppo del benessere fra i bambini e i giovani. Essa offre un essenziale sistema di difesa da strada ai bambini e ai giovani, per aiutarli a sentirsi più sicuri e capaci di proteggersi da soli.

 

Un'arma contro il bullismo

La prepotenza è un problema fondamentale in molte società, anche se la maggior parte dei prepotenti sono solitamente dei codardi. Cionondimeno, le vittime possono rimanere traumatizzate a vita. L’essenza dello shinto ryu si fonda su quest’aspetto, in cui vanta sviluppare disciplina, rispetto e un atteggiamento positivo.

Principi fondamentali

La filosofia di questa disciplina non si manifesta mai nella ricerca del dolore. Al contrario, mira a dotare i praticanti di tecniche che consentano loro di fuggire da situazioni difficili. Le tecniche di neutralizzazione sono qui fondamentali, anche se richiedono una certa padronanza per essere sfruttate in maniera efficace.

L’esatta conoscenza delle capacità fisiche utili in caso di minaccia e pericolo può accrescere la nostra sicurezza nel gestire una particolare situazione.

 

Il nostro linguaggio del corpo rivela infatti molto di noi, facendoci apparire come vittime prima ancora che si verifichi qualsiasi aggressione.

 

La postura fa la differenza

Sembrando più sicuri si può quindi ridurre al minimo il rischio di essere assaliti.

Dobbiamo solo prendere esempio dalla postura adottata in molte delle arti marziali.

La postura rilassata eretta, per esempio, con le spalle indietro e gli occhi in avanti, comunica un senso di forza, fiducia e consapevolezza.

Come disse Musashi Miyamoto, uno dei più famosi samurai giapponesi (1584-1645): “La percezione è forte e la vista è debole!”.

Parte dello Shinto Ryu consiste nell’imparare a fidarsi della nostra intuizione

Una risorsa che tendiamo a trascurare nella società tecnologica e materialistica di oggi è proprio l'intuizione.

Quante volte vi è capitato, infatti, che una persona con cui vi siete subito sentiti a disagio ha fatto qualcosa per arrecarvi un danno? Ricordando le vostre percezioni iniziali, vi siete detti: “Sapevo che non dovevo fidarmi di quella persona”. Eppure, avete lasciato che quella situazione si verificasse, non dimostrando la sicurezza necessaria per ascoltare il proprio intuito.

 

 

 

 

Lo shinto ryu come del resto tutte le altre arti marziali ci donano benefici che vanno oltre la forma fisica.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

E' Importante il Colore della Cintura nelle Arti Marziali?
08 Settembre 2015

E' Importante il Colore della Cintura nelle Arti Marziali?

Un Vero Combattente si deduce dal Colore della Sua Cintura?

Un Vero Combattente non si deduce dal Colore della Cintura. Bruce Lee aveva un concetto preciso sul colore delle cinture nelle arti marziali, vorremmo iniziare l’articolo citando alcuni suoi pensieri per poi entrare nel merito della discussione.

Bruce Lee: quello che non sapete
02 Ottobre 2014

Bruce Lee: quello che non sapete

Sapete tutto sul Piccolo Drago?

bruce lee quello che non sapete 1. La famiglia di Bruce Lee diede a Bruce un nome da donna: “Little Phoenix”. La sua famiglia non l’ha mai chiamato Bruce. Loro preferivano chiamarlo col suo soprannome “Sai Fon” o appunto “Little Phoenix”. Era un nome da femmina, deliberatamente scelto dalla sua famiglia, che pensava che gli spiriti maligni non volevano maschi in famiglia (il loro pri...

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.