Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

La presa della Schiena nel Grappling

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
La presa della Schiena nel Grappling

Significato e vantaggi della posizione più ricercata nella Submission Grappling

Prendere la schiena di un avversario nelle gare di Submission, ma anche nelle MMA e nella Difesa Personale ti da un enorme vantaggio; ti permette di non essere colpito e di controllare e finalizzare l'avversario.

 

È particolarmente vantaggioso infatti entrare in una posizione di controllo dietro il proprio avversario, poiché quest'ultimo non può colpirvi e praticamente non ha alcuna possibilità di applicare una presa di sottomissione, mentre voi siete nella condizione di attaccare con strangolamenti, leve al gomito e copi vari a volontà.

 

La migliore situazione si ha quando vi trovate dietro l'avversario, sopra di lui, o sotto di lui, con i piedi ben fermi sulle sue anche. Non incrociate i piedi poiché ciò vi renderà vulnerabili a una leva al piede; teneteli semplicemente premuti sulla parte anteriore delle sue anche. La funzione di tali "ganci" consiste nel tenervi in posizione mentre l'avversario cerca di liberarsi.

Questi "ganci" vi offrono un notevole controllo sull'avversario, dandovi il tempo e il controllo per applicare strangolamenti o altre prese di sottomissione. La più usata è la Mata Leao.

 

Non appena vi siete collocati dietro l'avversario in una situazione di corpo a corpo al suolo, uno dei vostri primi obiettivi dovrà essere quello di sistemare i vostri "ganci" in modo da facilitare il cotrollo e finalizzare.

 

Il fatto che in un incontro di Submission Grappling al raggiungimento della posizione dietro l'avversario con entrambi i "ganci" attivi sia assegnato un punteggio uguale a quello della posizione di monta (tre o quattro punti, a seconda del regolamento - il punteggio più alto possible per una posizione) indica quanto essa sia tenuta in grande pregio.

Se è generalmente preferibile stare con i piedi agganciati ogni volta e state sulla schiena dell'avversario, è sempre possibile controllarlo e finalizzare senza tali ganci. Se l'avversario sta sulla vostra schiena è necessario pensare a sfuggire per guadagnare una posizione migliore. A meno che l'avversario non commetta un errore davvero madornale, come quello di incrociare i piedi, non potrete applicare alcuna presa di sottomissione, e avrete ben poche possibiltà di colpirlo. In altri articoli mostreremo alcune di tali evasioni.

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Lotta Corpo a Corpo
19 Febbraio 2015

Lotta Corpo a Corpo

Imparare la Schermaglia vi permetterà di fare il salto di qualità nel corpo a corpo

Per la difesa nel corpo a corpo io consiglio la schermaglia, una vera “arma impropria” che vi permetterà di confrontarvi senza paura e a mani nude con chi vi trovate di fronte e non riuscite ad evitarne il contatto fisico .

Submission Grappling - Preparazione alle Gare
05 Febbraio 2019

Submission Grappling - Preparazione alle Gare

Come preparare una gara di Submission Grappling

Il submission grappling è uno sport nel quale non è ammesso afferrare l'avversario per il vestiario, quindi è più facile vedere match con un ritmo più accelerato piuttosto che in discipline tipo il BJJ brasilian jiu jitsu, ma è anche vero che in quest'ultimo essendoci gli afferramenti per il kimono è altrettanto dispendioso ed estenuante.

Ultimi post pubblicati

Shawn Rhoden Squalificato a Vita
23 Luglio 2019

Shawn Rhoden Squalificato a Vita

Il 2019 non ha portato fortuna a Shawn Rhoden, infatti il campione in carica,  non potrà più gareggiare sul palco del mr Olympia per il resto della sua vita. Dopo l’accusa di stupro, l'azienda che organizza l'evento del mr Olympia ha deciso di squalificare a vita il vincitore del mr Olympia 2018.

PRONATORE ROTONDO
18 Luglio 2019

PRONATORE ROTONDO

Origine - Inserzione - Azione

Il muscolo pronatore rotondo fa parte dei muscoli del primo strato della regione anteriore dell'avambraccio ove è anche il più laterale.