(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Submission Grappling: la posizione trasversale

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 01 Ottobre 2014
Submission Grappling: la posizione trasversale

Vantaggi e svantaggi di una delle posizioni più ricercate nella lotta

Una delle posizioni più usuali e più ricercate a terra è la posizione trasversale.

 

Si ha la posizione trasversale quando si sta lateralmente e al di sopra della parte superiore del corpo dell'avversario.

 

La posizione trasversale nel Submission Grappling è anche chiamata in gergo side position oppure T position. Essa si può eseguire in diversi modi. Nei vari articoli sul grappling qui in ABC allenamento parleremo in linea di massima di quelli più utilizzati.

 

Il vantaggio principale di questa posizione è la sua grande stabilità.

 

È un ottimo metodo per bloccare e controllare anche l'avversario più prestante a livello fisico. Inoltre, stando trasversalmente sopra l'avversario è possibile adottare un gran numero di prese di sottomissione e vincere la gara. Pur non essendo altrettanto adatta per colpire come avviene nella posizione di monta, è comunque possibile sferrare dei colpi efficaci soprattutto con le ginocchia alla testa e alle costole dell'avversario (in un contesto di MMA naturalmente), o con delle testate al volto a distanza ravvicinata (in un contesto di Difesa Personale o dove ciò è concesso).

 

 

Dopo aver guadagnato la posizione trasversale, i lottatori esperti possono scegliere tra il consolidamento della posizone stessa, la ricerca di prese di sottomissione o il passaggio alla posizione di monta. Le headlock sembrano rientrare nella categoria delle immobilizzazioni laterali. Tuttavia, l'utilizzo di tali prese non è generalmente incoraggiato nel submission grappling, poiché offrono grande opportunità all'avversario di divincolarsi e ottenere una posizione più dominante su di voi. (In altri articoli prenderemo in considerazione più approfonditamente alcune evasioni dalle headlock).

COSA FACCIAMO IN CASO SUBIAMO NOI LA POSIZIONE TRASVERSALE?

Se ci si trova a subire una posizione trasversale, la migliore strategia consiste nello sfuggire rimettendo l'avversario nella propria guardia, o portando le ginocchia sotto di lui. I tentativi di prese di sottomissione o di colpi su un avversario che vi sta trattendendo dalla posizione trasversale avranno un successo assai improbabile.

Passare ad una posizione migliore, come quella della guardia è una strategia molto più consigliabile.

APPLICABILITA' in contesto di difesa personale

In caso si finisse al suolo con un aggressore in strada la posizione trasversale ci permette di controllare le sue braccia ed essere al di fuori della portata dei suoi colpi portati con le gambe; e per finire in bellezza un bel ginocchio sullo stomaco e il malcapitato aggressore si trova alla mercé dei vostri colpi.

 

Buon allenamento con ABC

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Lotta, Quando l'Avversario più Temibile è lo Stress
16 Settembre 2018

Lotta, Quando l'Avversario più Temibile è lo Stress

Lo stress, cronico o acuto che sia, è un fattore in grado di compromettere le prestazioni ed il recupero dell'atleta.

Il Vantaggio della Pratica del Grappling nel campo dell' Autodifesa
01 Ottobre 2014

Il Vantaggio della Pratica del Grappling nel campo dell' Autodifesa

Ecco perché la pratica del Submission Grappling è utile anche in un combattimento reale

Il continuo esercizio, anche quotidiano con un compagno che oppone una reale e pressante resistenza prepara l'atleta di Grappling anche in un contesto reale di aggressione. 

Ultimi post pubblicati

Speciale Allenamento Deltoidi
20 Ottobre 2018

Speciale Allenamento Deltoidi

4 Esempi di Allenamento per Sviluppare i Deltoidi

I deltoidi sono muscoli collocati all’interno dell'articolazione della spalla, i muscoli deltoidi si suddividono in anteriori, mediali e posteriori, infraspinato, sovraspinato, piccolo rotondo e grande rotondo, sottoscapolare.

Gran Dentato
19 Ottobre 2018

Gran Dentato

Origine, Inserzione ed Azione

Il muscolo Gran Dentato è incluso tra i muscoli del cingolo scapolo-omerale. Con la sua azione porta in rotazione esterna la scapola, un movimento importante per l’elevazione dell’omero sopra i 90°, permette inoltre di far aderire la scapola al torace e può come azione secondaria coadiuvare i movimenti delle coste utili all’inspirazione.