(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Tai Chi e Benefici a Lungo Termine Contro Alcune Patologie

data di redazione: 18 Settembre 2015
Tai Chi e Benefici a Lungo Termine Contro Alcune Patologie

Tai Chi a lungo termine beneficia gli anziani con determinate condizioni mediche

La nuova ricerca suggerisce che l'antica arte marziale cinese Tai Chi da beneficio alle persone anziane che hanno una serie di condizioni mediche, nel lungo termine, portando benefici fisici e aumentando la qualità della vita nelle persone con osteoartrosi, malattia polmonare ostruttiva cronica, con il cancro al seno e con insufficienza cardiaca.

Il Tai Chi porta una serie di vantaggi per gli anziani con una varietà di condizioni di salute, tra cui il cancro, le malattie cardiache e l'artrite, secondo una nuova ricerca.

L'immagine affascinante di gruppi di persone che prendono parte a sincronizzati movimenti scorrevoli del Tai Chi è sicuramente una scena che sta diventando sempre più familiare, magari vista nel vostro parco locale d'estate, nelle culture occidentali.

Utilizzata come terapia complementare, il Tai Chi è anche stato inserito in approcci sanitari occidentali più tradizionali in diverse condizioni croniche, tra cui il cancro, le malattie cardiache e l'artrite.

Si è spesso pensato a quest'arte come un lavoro fisico a bassa - moderata intensità adatto a chiunque, ma soprattutto a quelli di mezza età e oltre, in quanto mette poco sforzo sui muscoli e le articolazioni, ed allevia lo stress e l'ansia.

Questo ultimo studio, pubblicato sul British Journal of Sports Medicine, è stato condotto da un gruppo di ricerca del Department of Physical Therapy presso l'University of British Columbia di Vancouver, in Canada.

I ricercatori hanno voluto scoprire se il Tai Chi fosse un'attività fisica efficace che migliorasse i sintomi, la funzione fisica, la qualità della vita e della depressione tra gli individui con il cancro al seno, l'artrosi, l'insufficienza cardiaca e malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO).

IL TAI CHI MIGLIORA LA CAPACITÀ FISICA E LA FORZA MUSCOLARE

Di oltre 1.100 articoli che sono stati scoperti dalla ricerca della letteratura, 34 studi che hanno coinvolto circa 1.600 partecipanti sono stati ritenuti idonei per l'inclusione. I 21 articoli che meglio rispondevano ai criteri dello studio sono stati poi analizzati attentamente. In questi, la fascia d'età dei partecipanti è risultata metà di anni 50 fino ai 70.

In media, i partecipanti hanno preso parte a due o tre sessioni di Tai Chi a settimana per 12 settimane, con la maggior parte dei gruppi che lo ha praticato con una durata di un'ora.

Il Tai Chi è risultato essere associato a "tendente, o definitivo" per il miglioramento della capacità fisica e della forza muscolare in "più o tutte" delle quattro condizioni nel lungo termine prese in esame.

In particolare, tra i partecipanti con osteoartrite, c'era qualche sollievo del dolore e nella rigidità e un miglioramento misurabile nei test "in piedi o seduti" - comunemente utilizzati per valutare la forza degli arti inferiori e l'equilibrio. Tra i partecipanti con BPCO, c'è stata una riduzione della dispnea.

Nel complesso, ci sono stati miglioramenti osservati in altri test, come ad esempio il "test di sei minuti di camminata" (6 MWT) - uno di un piccolo numero di esercizi low tech, semplice da eseguire, con valutazioni oggettive della capacità di fare esercizio funzionale - e il cosiddetto "tempo TUG(timed up and go)", il tempo necessario per alzarsi e muoversi.

Sulla base dei loro risultati, il team di ricerca ha concluso che il Tai Chi può essere ben utile per le persone con determinate condizioni mediche:

"Per riassumere, il Tai Chi sembra fornire un adeguato stimolo di esercizio e potrebbe essere un esercizio adatto da prescrivere per le persone con più comorbidità che comprendono la BPCO, HF [insufficienza cardiaca] e OA [artrosi]."

Riferimenti:

The effect of Tai Chi on four chronic conditions - cancer, osteoarthritis, heart failure and chronic obstructive pulmonary disease: a systematic review and meta-analyses, Yi-Wen Chen et al., British Journal of Sports Medicine, doi.org/10.1136/bjsports-2014-094388, published online 18 September 2015.

The BMJ news release, accessed 16 September 2015.

Additional Source: Physical Therapy, Clinical measurement of sit-to-stand performance in people with balance disorders: validity of data for the five-times-sit-to-stand test, Susan L Whitney et al., Physical Therapy, accessed 16 September 2015.

Additional Source: American Thoracic Society. ATS Statement: Guidelines for the six-minute walk test, accessed 16 September 2015.

Scritto da: ABC Team

Potrebbe interessarti anche

Il Full Contact fu il precursore delle MMA?
02 Ottobre 2014

Il Full Contact fu il precursore delle MMA?

Il Full Contact ieri, le MMA oggi

Il Full Contact allora, come le MMA oggi costituiscono uno sbocco per tutti gli atleti fisicamente molto dotati, praticanti di arti marziali e non, che cercano nuove dimensioni ed emozioni per le loro capacità psico-fisiche. Le tecniche di pugno semidirette e circolari sono le più utilizzate in questo tipo di combattimento. Le schivate, finte e proiezioni con gli avambracci superano i blocchi intercettori. La distanza più utilizzata è quella breve.

L'Arte Del Combattere
30 Settembre 2014

L'Arte Del Combattere

Vuol dire servirsi della conoscenza di quel meccanismo che è il corpo proprio contro di esso

Un'Arte Marziale è una sintesi di elementi congiunti nel tempo sempre di più raffinati fino a raggiungere oggi livelli di perfezione eccellenti

Ultimi post pubblicati

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE
17 Febbraio 2019

DIFESA PERSONALE - COME TIRARE UNA GOMITATA EFFICACE

Consigli sugli errori da non fare e gli accorgimenti da adottare

Le gomitate sono un tema scottante per la difesa personale, e se vuoi dei consigli per tirarla in modo efficace trovi un video esplicativo in coda all’articolo.

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero
17 Febbraio 2019

Warrior Diet - La Dieta Del Guerriero

Il digiuno, la riduzione o l'astinenza dal consumo di cibo, è una pratica alimentare che è stata usata fin dall'antichità per vari scopi: religiosi, sanitari e fisici finalizzati a migliori performance in combattimento. La Warrior Diet o dieta del guerriero (avente similitudini con la Paleo Diet) nasce a seguito di uno studio delle abitudini alimentari dei guerrieri dell'antica Roma, e in generale degli uomini dell'età della pietra.