Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

The Protector - La legge dei Muay Thai

data di redazione: 23 Gennaio 2019
The Protector - La legge dei Muay Thai

The Protector - La legge dei Muay Thai

Il giovane Kham è cresciuto nella giungla tailandese dove gli è stato insegnato a rispettare e addestrare gli elefanti, venerati per la loro straordinaria potenza fisica. 

Quando una banda criminale rapisce dall'allevamento della famiglia di Kham un elefante adulto e un cucciolo per venderli di contrabbando in Australia, il ragazzo parte alla volta di Sydney per salvare e riportare a casa i suoi animali. 

Giunto sul posto, Kham, con l'aiuto di un suo connazionale agente della polizia australiana, dovrà vedersela con le alte sfere della mafia tailandese.

Tony Jaa, Surin, 5 febbraio 1976, è:

  • un artista marziale
  • attore
  • stuntman
  • regista thailandese. 

Specializzato in modo particolare:

  • Muay Thai
  • Krabi Krabong
  • taekwondo
  • tecniche di spada

Tony Jaa, al secolo Panom Yeerum, ha cominciato a praticare Mae Mai Muay Thai a 6 anni, e crescendo ha poi approfondito l'essenza del Thai, studiando Muay Kard Chiek, Krabi Krabong e i vari Wai Kru e Ram Muay. 

Ventenne si iscrive al College di Educazione Fisica di Maha Sarakham dove poi diviene maestro di ginnastica artistica e approfondisce ulteriormente lo studio del Krabi Krabong e del Silat.

Nato nella provincia di Surin, a circa 200 chilometri da Bangkok, nella Thailandia Nord-orientale, si appassiona sin da bambino alle arti marziali, ispirato da star del cinema come Bruce Lee, Jackie Chan, Phillip Rhee e Jet Li. 

Si allena con Panna Rittikrai, regista e coreografo di arti marziali e si iscrive al College di Educazione Fisica di Maha Sarakham, dove si specializza in molte arti marziali, soprattutto nel Krabi Krabong, l'arte marziale tradizionale thailandese che contempla l'uso di tutte le armi bianche e nel taekwondo. 

È specializzato in Muay Thay, Mae Mai Muay Thay, Kraby Krabong, Taekwondo e nell'arte della spada, ha una conoscenza anche di Karate, Judo, Kiusko e Ju-Jitsu.

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Tameshi Wari
17 Marzo 2015

Tameshi Wari

Prove di rottura

Le prove di rottura costituiscono un tema in un certo senso conflittuale, riunendo un fattore “folkloristico” con la difficoltà tecnica, data l’esistenza di fattori condizionanti che obbligano l’esecutore ad operare di fronte ad un pubblico profano e desideroso di stupirsi. Le rotture di tavolette in legno e altri materiali hanno una gran quantità di detrattori, a causa dei danni derivati dalla continuità dei micro-traumi e per lo sviluppo dell’immagine sportiva del Karate. Nella pratica normale sono quasi totalmente cadute in disuso, rimanendo in alcune esibizioni.

L’Allenamento a Intervallo per chi pratica arti marziali
02 Ottobre 2014

L’Allenamento a Intervallo per chi pratica arti marziali

Programma studiato da Bruce Lee per migliorare la resistenza

Bruce Lee, icona delle arti marziali mondiale, sosteneva che chi è in grado di combinare pugni, calci, lotta in tecniche sopraffine deve anche avere le energie per durare nel tempo per poterle renderle efficaci. Per ottenere miglioramenti in termini di resistenza fisica Bruce Lee consigliava di allenarsi a intervallo.

Ultimi post pubblicati

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.

Esericizi per la Parte Alta del Corpo - Upper Body
25 Giugno 2020

Esericizi per la Parte Alta del Corpo - Upper Body

Dopo l’esperienza di questa quarantena, stiamo riscoprendo gradualmente la bellezza e l’efficacia degli allenamenti a corpo libero. Nel precedente articolo ho introdotto quelli che secondo me sono degli ottimi esercizi a corpo libero per la metà inferiore del corpo (lower body), adesso mi occuperò della parte alta del corpo (upper body).