ABC Allenamento
(0)
Carrello (00)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Bruce Lee: Uscire dagli schemi

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 10 Gennaio 2019
Bruce Lee: Uscire dagli schemi

Bruce Lee: Uscire dagli schemi

Carissimi praticanti di Wing Chun, ma anche di un'altra arte marziale tradizionale, che come il mio amato stile è strutturata da:

  • programmi
  • esercizi collaborativi con compagno o senza
  • forme

 

Dobbiamo prima o poi uscire dagli schemi!

 

Imparare un'arte marziale è bellissimo: eseguire i primi movimenti un po' impacciati, vedere in te stesso i progressi dopo un po' di tempo che li esegui, capire perché devi stare in una determinata posizione e, col procedere dell'allenamento, imparare sezioni lunghe e complicate che ti affinano appunto nell'arte. 

Sezioni lunghe e complicate che ti abituano a reagire in modo intrinseco:

  • difesa
  • attacco
  • spostamento
  • angolazione favorevole.

 

Tutto questo è motivante, coinvolgente e agonistico, ma un po'-passatemi il termine- riduttivo

Certo, è necessario allenarsi in modo pratico, con schemi predefiniti per poter acquisire a tal punto i movimenti, da eseguirli anche ad occhi chiusi ma a volte questa "staticità" rischia di trascinarci fuori dalla realtà. Visto che si parla di difesa personale dobbiamo essere pronti a difenderci in ogni situazione perciò dobbiamo lavorare anche fuori dagli schemi.

Quando il mio Si-hing mi fece provare un po' di lavoro libero mi trovai un pochino impacciata, lenta e incapace di reagire istintivamente.

Non possiamo essere bravissimi solo se ci confrontiamo con qualcuno che fa il nostro stesso stile! 

È più logico esserlo di più se ci troviamo per strada, davanti ad un aggressore. Siccome sono una donna, oltretutto anche un po' esile, non posso permettermi certo di stare di fronte ad un malintenzionato in posizione classica man sao-wu sao, dovrei adattarmi piuttosto alla situazione in modo da ottenere una posizione a me più favorevole. 

Non devo pensare a posizioni classiche, passi, ma devo agire d'istinto, abituarmi al caos del combattimento senza pensare a forme e preconcetti.

 

Magari piuttosto comincio ad allenarmi pensando più al fine che ai mezzi che uso per batterlo, cercando di non dargli un punto fermo, sfruttando la sua forza nell'attacco, utilizzando il Passo d'Evasione (wing chun dinamico) e raggiungo più agevolmente così il suo "punto cieco", avendo così più possibilità di infierire con meno rischi di fallire.

 

Il mio concetto è: non dobbiamo fossilizzarci con i soliti schemi, perché il tutto va a discapito di quello che in realtà stiamo studiando: una buona tecnica di autodifesa da strada, reale e imprevedibile.

Rimanete perciò ben saldi alle tradizioni, ma con la mente aperta alle innovazioni che sicuramente ci faranno migliorare nella nostra arte marziale.

Io nella mia scuola lo faccio, voi nella vostra? 



Potrebbe interessarti anche

L'Anti-Grappling nel Wing Chun funziona?
01 Ottobre 2014

L'Anti-Grappling nel Wing Chun funziona?

Nel Wing Chun, stile specializzato nella corta distanza, l'Anti-Grappling assolve il problema del placcaggio e dell'antisuolo nella Difesa Personale

L'Anti-Grappling, presente solamente in alcune scuole di lineaggio Leung Ting, è un'ottimo metodo per combattere al suolo nell'ambito della Difesa Persobnale. Non è nata per "neutralizzare" i lottatori come può suggerire il nome bensì per uscire con i minor danni possibili da una brutta situazione da una distanza non specialistica del Wing Chun, la lotta a terra.

Wing Chun: il lap-sao tecnica vincente
02 Ottobre 2014

Wing Chun: il lap-sao tecnica vincente

Lap-sao o "mano che afferra" è una delle tecniche che distingue il wing chun dagli altri sistemi di combattimento

Il Lap Sao è una delle tecniche vincenti del Wing Chun, perché ti permette di controllare con più sicurezza l'avversario durante lo scontro. Non solo... può essere anche molto utile come tecnica di emergenza

Ultimi post pubblicati

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari
08 Aprile 2021

Scheda in Monofrequenza con Richiami Muscolari

Scheda di Allenamento Old School anni 80

La monofrequenza “pura” non esiste, perché la fisiologia del nostro corpo va in una direzione completamente diversa. Chi pensa d’allenare un muscolo una volta a settimana in monofrequenza, in realtà non sa che sta facendo un allenamento pesante, più diversi richiami, perché nessun muscolo può mai lavorare in modo totalmente isolato. Fatta questa premessa entriamo nel nocciolo dell'articolo.

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo
07 Aprile 2021

Massa Muscolare Scolpita - Programma Definitivo

La routine di allenamento PHAT è stata progettata da Layne Norton bodybuilder e powerlifter. Il programma PHAT combina routine di bodybuilding e powerlifting in un unico programma di allenamento settimanale.