Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il montante nel Wing Chun

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Il montante nel Wing Chun

Il wing chun non è solo pugni a catena...

Jau-chong-kuen, il montante nello stile Wing Chun, lo troviamo nella seconda forma all'inizio della seconda parte. Il significato dal Cantonese indica l'idea di "frustare", di "sbucare dal mezzo" e "percuotere"; dalla traduzione, sebbene grossolana rende già l'idea di cosa stiamo parlando.

 

Nello stile Wing Chun il montante è una tecnica che non viene usata molto di frequente ma che in alcuni casi può essere molto risolutiva.

 

È un colpo che viene sferrato dalla corta distanza e viene usato come tecnica pura di percussione ed evasione.

  • Il suo obiettivo è per lo più il mento dell'avversario e può essere molto efficace in quanto a parità di forza fa molto più danni di un semplice pugno diretto.

 

Il montante non viene sferrato infatti di punto in bianco dall'esecutore a sua discrezione, ad esempio se vede un buco proprio nella guardia dell'aggressore, ma viene portato a segno quando l'opponente sta invadendo con la sua forza lo spazio vitale con forza ed irruenza. La mossa vincente la fa il passo di uscita (passo d'evasione) e la ciliegina sulla torta lo fanno proprio le braccia con la messa a segno del colpo dal basso verso l'alto.


Il montante nel Wing Chun è solitamente meno lungo di quello della boxe, ma la sua forza e potenza viene dall'uso corretto delle anche che con l'ausilio del core trasferiscono il movimento esplosivo della massa corporea ad un solo punto (il pugno), e considerando il punto sensibile in cui va a colpire di solito (mento, naso, gola), si può considerare per la maggior parte delle volte risolutivo.

 


Tenendo conto che questo colpo spesso apre la porta sulla guardia dell'avversario, conquista velocemente il punto cieco aprendo la strada ad altri colpi fuori dalla visuale e dalla difesa dell'avversario, quindi se anche esso singolarmente non risulta sufficiente per il KO, può bastare ad aprire il varco ad altri colpi e di conseguenza alla vittoria.

 

La forza del montante nel wing chun è quella di seguire una traiettoria semicircolare all'indietro sfruttando anche lo snodo del polso e ... ricordiamoci che stiamo combattendo a mani nude, quindi il nostro opponente non indossa i guantoni da pugile, un aspetto da non trascurare, perché anche solo questo.... lo rende difficilissimo da intercettare.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Intervista a Sifu Victor Gutierrez
28 Aprile 2017

Intervista a Sifu Victor Gutierrez

In esclusiva per ABC, parla il fondatore del Wing fight

Sifu Victor Gutiérrez, il fondatore del Wing Revolution, anche conosciuto come Wing  Fight concede un’intervista ad ABC allenamento. Ci racconta in un’intervista esclusiva, il suo cammino nelle arti marziali e come ha sviluppato il suo sistema che ora è presente in molti paesi nel mondo.

Praticare le Forme nelle Arti Marziali
02 Ottobre 2014

Praticare le Forme nelle Arti Marziali

Perchè si praticano le forme? Molti stili tradizionali di kung fu e Karate come il Wing Chun hanno nel loro repertorio la pratica delle forme o kata

Quasi tutti i sistemi orientali di combattimento hanno le forme (o kata) nel loro repertorio. Sono una pratica di riscaldamento ma non solo

Ultimi post pubblicati

Super Allenamento Per i Pettorali
19 Febbraio 2020

Super Allenamento Per i Pettorali

Lo sbaglio che effettuano moltissimi praticanti in palestra, in merito all’allenamento dei pettorali, è quello di concentrarsi esclusivamente sulle distensioni su panca piana con bilanciere. Questo esercizio base è importante, in quanto permette di aumentare la forza di base, ma non è esaustivo per incrementare la massa muscolare dei pettorali.

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere
17 Febbraio 2020

Deltoidi: Cosa c'è da Sapere

Un distretto muscolare molto importante per un aspetto complessivamente massiccio sono sicuramente i deltoidi, ma purtroppo non tutti gli atleti li riescono a sviluppare al massimo.