Easydive
(0)
Carrello (0)
Il tuo carrello è vuoto
Totale: 0 €
procedi con l'acquisto
100% pagamento sicuro

Il montante nel Wing Chun

data di redazione: 14 Ottobre 2014 - data modifica: 02 Ottobre 2014
Il montante nel Wing Chun

Il wing chun non è solo pugni a catena...

Jau-chong-kuen, il montante nello stile Wing Chun, lo troviamo nella seconda forma all'inizio della seconda parte. Il significato dal Cantonese indica l'idea di "frustare", di "sbucare dal mezzo" e "percuotere"; dalla traduzione, sebbene grossolana rende già l'idea di cosa stiamo parlando.

 

Nello stile Wing Chun il montante è una tecnica che non viene usata molto di frequente ma che in alcuni casi può essere molto risolutiva.

 

È un colpo che viene sferrato dalla corta distanza e viene usato come tecnica pura di percussione ed evasione.

  • Il suo obiettivo è per lo più il mento dell'avversario e può essere molto efficace in quanto a parità di forza fa molto più danni di un semplice pugno diretto.

 

Il montante non viene sferrato infatti di punto in bianco dall'esecutore a sua discrezione, ad esempio se vede un buco proprio nella guardia dell'aggressore, ma viene portato a segno quando l'opponente sta invadendo con la sua forza lo spazio vitale con forza ed irruenza. La mossa vincente la fa il passo di uscita (passo d'evasione) e la ciliegina sulla torta lo fanno proprio le braccia con la messa a segno del colpo dal basso verso l'alto.


Il montante nel Wing Chun è solitamente meno lungo di quello della boxe, ma la sua forza e potenza viene dall'uso corretto delle anche che con l'ausilio del core trasferiscono il movimento esplosivo della massa corporea ad un solo punto (il pugno), e considerando il punto sensibile in cui va a colpire di solito (mento, naso, gola), si può considerare per la maggior parte delle volte risolutivo.

 


Tenendo conto che questo colpo spesso apre la porta sulla guardia dell'avversario, conquista velocemente il punto cieco aprendo la strada ad altri colpi fuori dalla visuale e dalla difesa dell'avversario, quindi se anche esso singolarmente non risulta sufficiente per il KO, può bastare ad aprire il varco ad altri colpi e di conseguenza alla vittoria.

 

La forza del montante nel wing chun è quella di seguire una traiettoria semicircolare all'indietro sfruttando anche lo snodo del polso e ... ricordiamoci che stiamo combattendo a mani nude, quindi il nostro opponente non indossa i guantoni da pugile, un aspetto da non trascurare, perché anche solo questo.... lo rende difficilissimo da intercettare.

 

Buon allenamento da ABC

Scritto da: ABC Team
Scarica eBook

Potrebbe interessarti anche

Wing Chun Cesena
24 Marzo 2019

Wing Chun Cesena

Shako Club è un gruppo di lavoro composto da professionisti e amatori appassionati di Arti Marziali e Sport da Combattimento. Si insegna la Difesa Personale e gli sport da combattimento a 360 gradi.

Wing Fight, l'arte marziale del Terzo Millennio
28 Aprile 2017

Wing Fight, l'arte marziale del Terzo Millennio

L'evoluzione logica del Wing Chun

L’evoluzione di un’arte marziale può portare alla nascita di un altro stile con dei principi e delle metodologie di allenamento diverse, di solito migliorate (ed evolute) per fronteggiare un avversario sempre più preparato sia fisicamente che tecnicamente. Il Wing Fight è l'evoluzione logica del Wing Chun.

Ultimi post pubblicati

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento
07 Luglio 2020

L'importanza di Scegliere un Buon Maestro per il Proprio Allenamento

Avere un buon Maestro per i propri allenamenti vuol dire evitare una serie di errori e perdite di tempo che tarderebbero l'arrivo dei risultati sperati. Infatti, nel mondo del fitness e dell'allenamento in generale e come nella vita il fallimento è alla base del processo di apprendimento: è impossibile apprendere bene una cosa senza prima averla affrontata in tutte le sue forme incluse quelle più dolorose.

Fullbody in Giant Sets
03 Luglio 2020

Fullbody in Giant Sets

Come Allenare Tutto il Corpo in Solo 30 Minuti per una Definizione da Urlo

Le routine in fullbody sono dure, durissime ma hanno dimostrato di bruciare più grasso corporeo rispetto alle routine dove il corpo é diviso in varie parti. Questi allenamenti in set giganti per tutto il corpo, possono essere eseguiti in qualsiasi luogo, a seconda degli attrezzi a disposizione, con una frequenza settimanale minima di 3 giorni sino ad un massimo di 5 giorni a settimana.